Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Grande capoluogo: Cgil Cisl e Uil appoggiano la proposta di Unindustria e scrivono ai Sindaci

28 luglio 2019

Fin dal primo appuntamento, dello scorso mese di dicembre, CGIL, CISL e UIL hanno manifestato apprezzamento per lo studio ed il relativo progetto “Unione di Comuni per un nuovo Capoluogo – Sistema cooperativo di città del frusinate”.

Secondo Briganti, Capuano e Tarquini, il territorio Frusinate da troppi anni vive ripiegato su se stesso, avulso da dinamiche positive e propositive, asfittico nel ricreare cooperazione e soprattutto condivisione su progetti di sviluppo. La crisi, che dal 2008 attanaglia la Provincia, ha riportato alla riscoperta del territorio come dimensione strategica di competitività del sistema. Una competitività che non si fonda più sull’intraprendenza della singola impresa o della singola persona, ma sulla capacità dei territori e delle persone, di promuovere l’eccellenza dei tanti fattori che lo compongono. Pensare di strutturare e gestire servizi e politiche in modo integrato, uscendo dai limiti dei confini municipali, produce economie di scala, rende i territori più efficienti e offre maggiori opportunità di sviluppo, migliorando la vita di chi vive, rende produttivo il sistema, sulla scia di proposte e casi empirici dove già in Europa e nel mondo, sono i sistemi territoriali metropolitani a competere e generare sviluppo e non più le singole città. A distanza di oltre 7 mesi dalla presentazione del progetto, CGIL CISL e UIL sono preoccupate dalla stasi che si sta determinando. L’auspicio è che, invece, si colga questa proposta per ridare slancio e condivisione ad un sistema che deve necessariamente rimettersi in moto.


TI POTREBBERO INTERESSARE

"Cambiare le pensioni e dare lavoro ai giovani". E' questo lo slogan che accompagnerà la giornata di mobilitazione nazionale promossa da Cgil, Cisl e Uil per il prossimo 2 aprile. In programma numerose iniziative e manifestazioni unitarie che si svolgeranno in tutto il Paese. I segretari generali delle tre confederazioni sindacali, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, saranno presenti rispettivamente a Venezia, in Campo Santa Margherita, a Roma, in Piazza SS. Apostoli e a Napoli, in Piazza Giacomo Matteotti. I sindacati rilanceranno la piattaforma unitaria con la quale si chiede di cambiare le pensioni, tutelare quelle in essere, rafforzare la previdenza complementare. Cgil, Cisl e Uil chiedono inoltre pensioni dignitose per i giovani, per i lavoratori precari e discontinui, accesso flessibile al pensionamento, il riconoscimento del lavoro di cura e la diversità dei lavori.
Elezioni RSU aziende pubbliche e private di igiene ambientale: la Fit-Cisl di Frosinone si riconferma o avanza in altri territori
Trasporti Lazio, le OOSS: "su condizioni pendolari necessario aprire un confronto con Regione Lazio
La società finlandese Cleantech Industries Global ha illustrato lunedì pomeriggio ai funzionari del Ministero dello Sviluppo Economico e ai rappresentanti delle varie sigle sindacali il progetto industriale per la riconversione dello stabilimento della Marangoni Tyre di via Anticolana ad Anagni. A darne notizia sono stati gli stessi sindacati Filctem – CGIL, Femca – Cisl, Uiltec – Uil- UGL chimici. Il progetto prevede il riavvio delle produzioni di pneumatici nello stabilimento di Anagni. Ora è all’esame del Ministero, che sta esaminando il progetto industriale, la sostenibilità finanziaria, l’eventuale compartecipazione da parte della Marangoni attraverso la rete commerciale, l’utilizzo del brand e la continuità manageriale di Anagni.
Cgil, Cisl, e Uil regionali, Federconsumatori e Confconsumatori insieme a Frosinone per la seconda assemblea pubblica coi pendolari