Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Incendio Mecoris, la posizione della Provincia di Frosinone; il presidente dell'ente avv. Antonio Pompeo: “basta impianti impattanti sul territorio. Subito un tavolo sullo sviluppo sostenibile con Regione e Ministero”

24 giugno 2019

In relazione all’incendio della Mecoris, la Provincia di Frosinone sta vigilando sul titolo e sulle autorizzazioni relative all’azienda, in attesa di comunicazioni ufficiali da parte delle autorità competenti ed inquirenti, al fine di valutare le eventuali azioni da intraprendere.

Il consigliere con delega all’ambiente Vincenzo Savo, unitamente alla Polizia provinciale si è recato sul luogo dell’incendio: “Mi sono recato sul posto per rendermi conto della situazione, sono in contatto costante con l’Arpa e come Provincia stiamo facendo tutto quanto rientra nelle nostre funzioni”.

“Comprendiamo lo stato di disagio – ha dichiarato il Presidente Pompeo – e auspichiamo che i risultati delle analisi scongiurino ulteriori problemi per la salute dei nostri cittadini. Le amministrazioni locali stanno adottando tutti i provvedimenti che competono alla tutela della salute pubblica e non possono essere lasciate da sole. Richiedo ufficialmente al Ministero dell’Ambiente e alla Regione Lazio di attivare un tavolo per riscrivere insieme le regole per consentire al nostro territorio di avviare uno sviluppo sostenibile. Basta con impianti impattanti in un territorio già martoriato e con leggi poco chiare che non garantiscono né la salute dei cittadini, né le esigenze delle imprese. E ora di aprire una pagina realmente nuova per questa provincia sulle politiche ambientali e industriali e l’incendio di ieri a Frosinone dimostra quanto è urgente farlo”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Morolo. Ancora un incendio doloso nel bosco, nei pressi della cava dismessa: a fuoco una intera discarica abusiva e materiali pericolosi; nube nera nel cielo raggiunge le abitazioni. Sul posto Vigili del Fuoco e Carabinieri
E-incendio (doloso) di alcuni rifiuti accatastati da tempo nei pressi di una fabbrica ora dismessa nei pressi della zona industriale di Ferentino. Le fiamme hanno provocato l-equilibrio ambientale. E allora qual è la soluzione? Trasferiamoci tutti quanti, in massa, da un'altra parte!
“Una nube densissima, che non sembrava nebbia come al solito, ma molto più bianca e localizzata”. È l’immagine trovata da una professoressa di una scuola superiore di Anagni, che stamattina ha attraversato la Casilina durante i minuti in cui la nube provocata dall’incendio davanti alla ex Cemamit si stava espandendo. Trovandosi a passare letteralmente in mezzo alla nube.
Un incendio di un cumulo di rifiuti posizionati davanti ai cancelli dello stabilimento. Che, quindi, non sarebbe coinvolto. Anche se in questi minuti continuano ad infuriare preoccupazione e polemiche.
Allarme nube tossica, il sindaco di Frosinone emana provvedimento urgente di chiusura di alcune scuole e vieta il consumo di frutta e verdura; ecco il testo dell'ordinanza