Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Addio alle comunità montane anche nel Lazio; Achille Bellucci: "soddisfatti dell'avvio ufficiale della procedura di trasformazione delle comunità montane"

21 giugno 2019



“La Giunta Regionale del Lazio ha proceduto oggi a deliberare la nomina dei Commissari liquidatori delle Comunità Montane. Si apre, dunque, la fase operativa della trasformazione di questi Enti. L’Uncem Lazio, che mi onoro di rappresentare, si è battuta per ottenere che questa fase di trasformazione fosse gestita direttamente dal personale in essere, sia amministrativo che politico e dunque competente a non interrompere anche nella fase di trasformazione, l’opera ordinaria degli enti montani, e soprattutto capace di cogliere il meglio della lunga esperienza messa in campo a tutela e valorizzazione della nostra montanità. Notoriamente la nostra organizzazione si batte per la salvaguardia dei centri montani e lo sviluppo della loro vita socioeconomica, che non può essere interrotta o svalutata. Della delibera di Giunta della Regione Lazio, dunque, ringrazio il presidente della Giunta Regionale Nicola Zingaretti, il Presidente del Consiglio Mauro Buschini e l’Assessore alle Politiche sociali ed EE LL, Alessandra Troncarelli, per aver preso in considerazione le nostre proposte, nelle more di questo delicato passaggio. Il Presidente della Regione ha infatti deliberato (ai sensi dell’articolo 3, comma 127, della legge regionale 17/2016) di procedere direttamente, con proprio decreto, alla nomina dei commissari straordinari liquidatori e dei sub commissari delle ventidue Comunità Montane, individuandoli, rispettivamente in via prioritaria, tra i Presidenti e i vice Presidenti o, in mancanza di questi, tra gli ultimi, assessori anziani, delle medesime comunità. Siamo noi come UNCEM LAZIO oggi in Italia, un vero e proprio laboratorio di innovazione istituzionale, che coordineremo con decisione e lungimiranza, a stretto contatto con la Commissione Regionale Enti Locali, nel mezzo del superamento dell’obbligo associativo, delle modifiche alla legge Delrio e del  conseguente riordino delle Province e in generale della riconsiderazione di un ente intermedio necessario tra Regioni e Comuni. Ebbene La nostra organizzazione continuerà l’opera di controllo e soprattutto di proposta per il rilancio dei territori montani, proprio nel contesto di un ruolo intermedio che la montanità, in forza dell’art-44 della Costituzione, gli attribuisce.”

E’ quanto afferma il presidente di Uncem Lazio, Achille Bellucci


TI POTREBBERO INTERESSARE

Si terrà dal 20 al 22 ottobre, presso la Fonte Anticolana di Fiuggi, l’evento di tre giorni organizzato da UNCEM LAZIO sulle bellezze e le bontà della montagna laziale, dal titolo “La Montagna Protagonista – Identità, tipicità e eccellenze da conoscere, valorizzare e difendere”. Oltre agli stand con le tipicità della montagna laziale, curati dalle Comunità Montane e Unioni di Comuni provenienti da tutta la regione, la manifestazione sarà animata da importanti convegni e incontri sulle numerose problematiche e sulle prospettive delle aree montane laziali.
Il sistema dei monti Ernici e Simbruini presentato alla BIT di Milano; Achille Bellucci: "perfetto il sistema delle ciclovie nell'anno del turismo lento, ma il nostro è sempre prodotto straordinario"
Comunità montane: la Regione Lazio avvia la trasformazione in unione dei Comuni; l'assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli: "la valorizzazione dei territorio continuerà con rinnovato slancio"
In seguito alle polemiche relative ai lavori che negli ultimi giorni hanno interessato il Centro Valorizzazione Territorio e Prodotti Tipici di via Anticolana a Piglio, Achille Bellucci, Presidente della XII Comunità Montana “Monti Ernici” Achille Bellucci ha inviato una nota che pubblichiamo integralmente.
Potenziamento dell’intera struttura, dei servizi e del Punto di primo intervento, mantenimento del laboratorio analisi, un tavolo tecnico permanente sull’ospedale di Anagni. E’ quanto deciso con i sindaci dell’area nord della provincia questa mattina alla Regione Lazio nel corso dell’incontro organizzato dal consigliere regionale Mauro Buschini con la Cabina di regia della sanità a seguito delle richieste inviate al presidente Nicola Zingaretti dai sindaci di Anagni (Fausto Bassetta), Paliano (Domenico Alfieri), Piglio (Mario Felli), Acuto (Augusto Agostini), Serrone (Natale Nucheli), Sgurgola (Antonio Corsi), Trevi nel Lazio (Pierfilippo Schina) e Filettino (Paolo De Meis), per sollecitare standard di assistenza più elevati per l’ospedale di Anagni dopo il ridimensionamento causato dal decreto 80 dell’allora commissario Renata Polverini.