Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone Pride: tutto pronto per il 22 giugno; l'amministrazione comunale capitanata dal sindaco Nicola Ottaviani apre alla comunità LGBT

11 giugno 2019

“Siamo assolutamente convinti che qualsiasi tipo di apertura nei confronti della comunità LGBT debba essere garantita, nel rispetto delle condizioni organizzative e strutturali delle aree interessate – ha dichiarato il vicesindaco e assessore al commercio, Antonio Scaccia – La parata del Lazio Pride, al pari di ogni evento culturale che insiste sulla nostra città, è però tenuta a rispettare alcune regole: il concetto di libertà, che poi è l’esercizio del diritto, si deve conciliare, infatti, con il diritto e la libertà degli altri. Dal punto di vista sostanziale, siamo a favore di una manifestazione che metta al proprio centro la lotta a ogni discriminazione, proseguendo così quel cammino, a volte disseminato di ostacoli e difficoltà, iniziato a New York nel 1969; dal punto di vista della forma, però, qualche perplessità, in ordine alle modalità organizzative, sia permessa anche alla nostra amministrazione comunale. 
Il Comune di Frosinone, infatti, ha appreso direttamente dalla stampa il fatto che l’evento si sarebbe tenuto il 22 giugno: tali manifestazioni, in considerazione delle criticità legate alla circolazione stradale, alle esigenze connesse al commercio e, soprattutto, alla luce delle più recenti normative in fatto di sicurezza, necessitano di un lavoro preliminare che andrebbe concordato e concertato tra le parti coinvolte, a beneficio della città ospitante, della tutela dei partecipanti e, in generale, della migliore riuscita della manifestazione stessa.
Quando poi è finalmente giunta agli uffici comunali la richiesta scritta per lo svolgimento dell’evento nel capoluogo, il comitato organizzatore vi menzionava tre opzioni riguardanti tre percorsi differenti: via Aldo Moro; via Adige; corso della Repubblica.  Il Comune, tenendo conto delle opzioni presentate dagli organizzatori e del parere espresso dal comandante della Polizia locale, ha individuato in via Adige (oggetto, inoltre, di un sopralluogo congiunto) la location maggiormente rispondente sia alle esigenze dell’evento, sia a quelle della città: il dirigente dei vigili urbani, del resto, si era pronunciato favorevolmente su un itinerario che comprendesse via Adige perché avrebbe inciso in modo minore sulla viabilità con tutto ciò che ricade in tale ambito, dagli eventuali disagi per la circolazione, alle ripercussioni probabili anche sui volumi di vendita, dal momento che il sabato pomeriggio via Aldo Moro è l’abituale meta dello shopping cittadino. A ciò si aggiunga anche il fatto che il Pride si terrà due giorni dopo la festa dei santi patroni, giornata in cui, da tradizione, le attività commerciali sono chiuse. Va detto che alcuni esercenti, pur con una serie di distinguo, hanno mostrato un orientamento contrario alla scelta di via Aldo Moro, cambiando poi idea. L’unica perplessità sollevata dall’amministrazione, con gli assessorati al commercio e quello alla Polizia locale, quest'ultimo coordinato da Francesca Chiappini, che ne hanno seguito l’iter  – ha concluso il vicesindaco Scaccia – riguardava la difficoltà di conciliare, scegliendo via Aldo Moro, le esigenze dell’iniziativa con quelle della città dal punto di visto logistico”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

"Love is love": al Lazio Pride di Frosinone circa 8000 persone sfilano a sostegno della libertà di genere
Lazio Pride a Frosinone: la Questura decide per via Aldo Moro
Blocco dell'umido alla SAF, il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani: "rifiuti mischiati, ultima follia"
I sindaci delle quattro città Capoluogo del Lazio, Rieti, Viterbo, Latina e Frosinone, lanceranno “Roma Capitale 2014” attraverso un documento congiunto che sarà presentato domani, lunedì 26 settembre, alle 12, nell’aula consiliare del comune di Rieti. Simone Petrangeli, Leonardo Michelini, Damiano Coletta e Nicola Ottaviani credono nelle Olimpiadi quale strumento di crescita e occupazione per tutto il Lazio, partendo proprio dall’area metropolitana (adottando, quindi, la formula di “Roma Capitale 2024” al posto di “ Roma 2024”). Nel corso della conferenza stampa congiunta di domani saranno illustrate, nel dettaglio, le posizioni dei sindaci dei quattro capoluoghi laziali.
È terminata in settimana la procedura per lo stanziamento del fondo di solidarietà per i consumi del gas, introdotto dall’amministrazione Ottaviani. Saranno 410 le famiglie che, che a seguito della istruttoria definita dal servizio prestazioni sociali dell’Ente, accederanno alla ripartizione dei finanziamenti per sostenere i consumi ed il pagamento delle relative bollette per il riscaldamento civile. Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, infatti, grazie all’accantonamento di una piccola quota sulle singole utenze attualmente allacciate sul territorio comunale,