Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Controcorrente Lazio: "preoccupati per "La Provincia Quotidiano" di Frosinone; fallisce la società, sussidi a rischio

11 giugno 2019


Dalle giornaliste e dai giornalisti del gruppo sindacale "ControCorrente Lazio":

Lo scorso mese di maggio è fallita la società Editrice Italiana srl che editava La Provincia Quotidiano di Frosinone.
La cessazione delle pubblicazioni, improvvisa e traumatica, risale al giugno 2018. Dal primo agosto successivo, 17 tra giornaliste e giornalisti sono in regime di "Cassa integrazione guadagni straordinaria". La Cigs è stata concessa per un periodo di due anni. Il timore è che con il possibile licenziamento, a seguito del fallimento, il sussidio decada in anticipo facendo subentrare i lavoratori nello stato di disoccupazione. Inoltre, due giornalisti non possono accedere alla successiva indennità di disoccupazione non avendo maturato i requisiti richiesti.
La situazione de La Provincia Quotidiano, lunedì 10 giugno 2019, è stata riportata da ControCorrente Lazio durante il Consiglio direttivo dell'Associazione Stampa Romana.
Riteniamo opportuno tenere alta l'attenzione sul graduale impoverimento editoriale che colpisce la provincia di Frosinone al pari di altri territori.
Esprimiamo solidarietà alle colleghe e ai colleghi inseriti in un contesto di scarse alternative professionali e assicuriamo che seguiremo da vicino lo stato di crisi che sta avendo preoccupanti contraccolpi alle loro condizioni personali e familiari.

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Domani il quotidiano La Provincia non sarà in edicola. È la fase finale di una crisi iniziata tempo fa e che purtroppo ha avuto l’esito peggiore, anche se tutti quanti speriamo che possa essere soltanto una situazione temporanea. Non sappiamo, nel momento in cui scriviamo quali siano le dinamiche esatte che hanno portato a questo finale. Quello che vogliamo dire è che però, in ogni caso, siamo totalmente solidali con i colleghi del quotidiano. Stampa e web da sempre vivono su piani paralleli, e noi non ci siamo mai sentiti come avversari del quotidiano tradizionale. Il cui lavoro abbiamo anzi sempre rispettato. Anche perché all'interno di quel dì di quel quotidiano abbiamo degli amici, oltre che dei colleghi autorevoli. Speriamo che sia soltanto un arrivederci.
Martedì 10 marzo i lettori di un noto quotidiano della provincia di Frosinone, sulla pagina di Anagni, hanno avuto la possibilità di leggere un articolo su “Donne e violenza”. Corredato d auna foto che, forse, non vi è nuova. In effetti, eccola a corredo di questo articolo da noi pubblicato il 10 dicembre. Sì, in effetti (ancora una volta..) si tratta presa senza permessa, copiata e incollata sul giornale. Ancora una volta, senza citare la fonte e senza chiedere il permesso. L'abbiamo fatto presente al corrispondente locale, pur sapendo che non era stato lui ad incorrere nel plagio.
tutto è partito da qui, da questa splendida e meravigliosa città; poi, nel giro di pochi anni, questo giornale è diventato un punto di riferimento importante non solo per Anagni e il suo territorio ma anche per tutti voi che, ogni giorno sempre più numerosi, ci seguite ormai da ogni parte della provincia di Frosinone, dall'Italia tutta e anche dall'estero.
A seguito delle segnalazioni effettuate su questo quotidiano (l'ultima - in ordine di tempo - questa mattina, mercoledì 20 luglio) Acea Ato 5, gestore del servizio idrico, informa che a partire da mercoledì sera, per ridurre i disagi all'utenza, è stato predisposto un servizio di rifornimento mediante autobotti in località Finocchieto di Osteria della Fontana e uno in piazza Ruggero Bonghi, ad Anagni.
A 113 anni dalla sua fondazione la proprietà del glorioso giornale FIUGGI passa di mano. Nel corso di una affollata conferenza stampa tenutasi ieri pomeriggio all’Hotel Atlantic, Pierino Martini, che ne ha condotto per 43 anni l’edizione e la direzione, cede il timone della testata a Gianfranco Battisti, nostro concittadino Presidente di Federturismo e di Sistemi Urbani delle Ferrovie dello Stato, maggiore artefice del successo dell’Alta velocità.