Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

La delegazione del reggimento The Loyal Edmonton (esercito canadese), composta da 48 militari - uomini e donne - si è recata in visita a Frosinone, in corso della Repubblica

30 maggio 2019


La delegazione del reggimento The Loyal Edmonton (esercito canadese), composta da 48 militari, uomini e donne, si è recata in visita a Frosinone, in corso della Repubblica, presso la stele dedicata al ten. Simm in occasione del settantacinquesimo anniversario della liberazione della città. La cerimonia, patrocinata dal Comune di Frosinone (assessorato al centro storico, coordinato da Rossella Testa) e organizzata in collaborazione con l’associazione “Battaglia di Cassino - centro studi e ricerche”, rientra in un tour che l’unità sta svolgendo in Italia, che vede come importante elemento proprio la visita alla città di Frosinone, liberata dalla medesima unità nei primi di giugno del 1944.

La visita è stata introdotta da Alessandro Campagna in qualità di vicepresidente dell’associazione Battaglia di Cassino. Sono intervenuti l’assessore al centro storico, Rossella Testa, il viceprefetto, Massimo Di Donato, il segretario generale del comune di Frosinone, Angelo Scimè, il comandante della Polizia locale, Donato Mauro, il maggiore dell'Arma Antonio Di Cristofaro, il disaster manager comunale Ruggero Marazzi. Il T.Col. Rick Dumas ha portato il saluto dell’Ambasciatore del Canada presso la Repubblica italiana, Alexandra Bugailiskis. “Settantacinque anni fa un gruppo di uomini valorosi, provenienti da un Paese molto lontano, si spesero, anche a costo della propria vita, per la liberare la città di Frosinone dall’occupazione – ha dichiarato l’assessore Testa - Un’operazione militare che ha dato il via alla rinascita della nostra città, devastata materialmente e spiritualmente dal secondo conflitto bellico mondiale. Oggi sono siamo qui, a 75 anni di distanza, per onorare il sacrificio di quegli uomini, che abbandonando famiglie e affetti, hanno lottato in quel momento così tragico per l'Europa e per il mondo intero per affermare quei valori che sono alla base della nostra società e che fondano la Costituzione e la democrazia italiana.  Oggi siamo qui a ringraziare dei soldati, degli amici di Frosinone e dell’Italia. Grazie dal popolo ciociaro, che non dimentica”. La commemorazione si è conclusa con la deposizione delle corone al monumento, con lo scambio di doni e l’esecuzione dei due inni, canadese e italiano, grazie anche alla presenza della banda “Romagnoli” e dei suonatori di cornamusa nel tradizionale kilt.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Blocco dell'umido alla SAF, il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani: "rifiuti mischiati, ultima follia"
Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, in via precauzionale e cautelativa, ha emesso un'ordinanza che vieta l'uso delle acque sotterranee nelle fasce di terreno poste ai due lati del tratto di strada continuo che va dall'incrocio di via Agusta con via Tumuli fino all'incrocio di via Agusta con via delle Salci e, da qui, lungo via delle Salci, fino al confine con il comune di Ferentino.
Torna in libertà l'ex presidente di FederLazio Frosinone Alessandro Casinelli: Il Tribunale Collegiale di Reggio Calabria ha accolto l’istanza presentata dagli avvocati Nicola Ottaviani e Antonio Managò
È terminata in settimana la procedura per lo stanziamento del fondo di solidarietà per i consumi del gas, introdotto dall’amministrazione Ottaviani. Saranno 410 le famiglie che, che a seguito della istruttoria definita dal servizio prestazioni sociali dell’Ente, accederanno alla ripartizione dei finanziamenti per sostenere i consumi ed il pagamento delle relative bollette per il riscaldamento civile. Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, infatti, grazie all’accantonamento di una piccola quota sulle singole utenze attualmente allacciate sul territorio comunale,
I sindaci delle quattro città Capoluogo del Lazio, Rieti, Viterbo, Latina e Frosinone, lanceranno “Roma Capitale 2014” attraverso un documento congiunto che sarà presentato domani, lunedì 26 settembre, alle 12, nell’aula consiliare del comune di Rieti. Simone Petrangeli, Leonardo Michelini, Damiano Coletta e Nicola Ottaviani credono nelle Olimpiadi quale strumento di crescita e occupazione per tutto il Lazio, partendo proprio dall’area metropolitana (adottando, quindi, la formula di “Roma Capitale 2024” al posto di “ Roma 2024”). Nel corso della conferenza stampa congiunta di domani saranno illustrate, nel dettaglio, le posizioni dei sindaci dei quattro capoluoghi laziali.