Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

"Aspettative, obiettivi, stress lavorativo. I suicidi tra le forze di Polizia, un'escalation inarrestabile": a Frosinone l'importante convegno organizzato dal sindacato della Guardia di Finanza

26 maggio 2019

Nei giorni scorsi, a Frosinone, il primo sindacato della Guardia di Finanza ha posato la prima pietra su di un fenomeno scottante come quello dei suicidi tra gli appartenenti alle forze di polizia. Il convegno, avente per titolo "Aspettative, obiettivi, stress lavorativo. I suicidi tra le forze di Polizia, un'escalation inarrestabile", ha messo a nudo le correlazioni tra qualità della vita negli ambienti di lavoro, stress, tensioni emotive, problematiche famigliari e lavorative, nonché i risvolti negativi sul personale del comparto sicurezza.
Nell’apertura dei lavori, dopo i saluti di Dario D'Arcangelis, segretario organizzativo Cgil FR-LT, in rappresentanza della CGIL che ha fornito costante supporto all’iniziativa, Emiliano Serrecchia, promotore provinciale del SILF, ha posto l’accetto sul fatto che la futura legge sui sindacati militari, e pertanto della Guardia di Finanza, se non verrà modficata al Senato, impedirà ai sindacati di affrontare tematiche così delicate come quello dei suicidi. “Potremo parlare di mense e spacci” temine ancora esistente nel mondo militaresco, “ma non di benessere psicologico e tutela del personale nei luoghi di lavoro”. All’evento ha partecipato anche il vice segretario generale del SILF, Gianluca Taccalozzi, ed Angelo Di Paola, segretario provinciale FR SILP CGIL, sindacato della Polizia di Stato che  ha  attivamente e fattivamente collaborato all’organizzazione ed alla riuscita del convegno e Matteo Di Fabio, socio fondatore SILF, uno dei principali promotori del convegno. L’evento è stato arricchito dagli interventi di: Dottor Graziano Lori “Presidente Associazione il Cerchio Blu” (Il suicidio tra gli appartamenti alle forze dell'ordine tra consapevolezza e prevenzione); Dottoressa Maria Grazia Santucci (Vulnerabilità e resilienza nelle forze  dell’Ordine); Dottoressa Rachele Magro Presidente Associazione ”L’Altra Metà della Divisa” (La zona grigia e la realtà familiare: cronaca di un intervento integrato complesso) ; Dottor Luigi Lucchetti Presidente Associazione Italiana per la Gestione dello Stress nelle Forze dell’Ordine e del Soccorso(Caduti senza l’onore delle armi: il suicidio nelle Forze di Polizia); Professor Lucio Meglio (Suicidio e forze armate: linee di comprensione sociologica). Ha concluso i lavori il Professor Fernando Panarese, esperto a livello nazionale in “medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica” e volto televisivo della trasmissione Rai “I fatti vostri”. “Abbiamo apprezzato la partecipazione del questore di Frosinone Dott. Leonardo Biagioli “ afferma Di Matteo. “Il Silf è impegnato a strutturare una rete di protezione su tutto il territorio nazionale, proprio per i colleghi in difficoltà”, afferma Taccalozzi, “non a caso abbiamo un protocollo d’intesa con l’associazione L’Altra metà della divisa. Allo stesso tempo lavoreremo insieme alla nostra Amministrazione, se la legge lo consentirà, per rimuovere tutte le cause/condizioni che innescano o agevolano quei meccanismi che spingono i colleghi al suicidio.
E’ un fenomeno politicamente sottovalutato” affermano Serrecchia e Di Fabio, “ma siamo profondamente convinti che sia interesse della collettività trasformare le caserme in luoghi di lavoro più salubri.” La giustizia sociale, la garanzia di una sicurezza diffusa e correttamente percepita dai cittadini, passa inevitabilmente attraverso il miglioramento delle condizioni di lavoro del personale delle forze di polizia. E quello dei suicidi è solo la triste punta di un iceberg confinato dietro le mura delle caserme.
 
 
 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Questa mattina è stato firmato il contratto di comodato gratuito tra il Comune di Anagni e la Guardia di Finanza che permetterà alla locale Brigata delle Fiamme Gialle di trasferirsi nell'ex tribunale di via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il contratto prevede la cessione in comodato d'uso gratuito di locali per venti anni e risolve la difficoltà della Guardia di Finanza di reperire locali adeguati per svolgere un importante servizio per la città. Contestualmente il Comune ottimizza gli spazi dell'ex tribunale, dove già si trova la Polizia Locale, destinato a diventare una cittadella della sicurezza. Il contratto è stato firmato alla presenza del sindaco Fausto Bassetta, del comandante provinciale della Finanza, colonnello Roberto Piccinini, e del comandante della Brigata di Anagni, luogotenente Carlo D'Onorio. I vertici della Guardia di Finanza hanno espresso viva soddisfazione per l'accordo raggiunto con il Comune di Anagni. Sempre questa mattina sono iniziate le operazioni di trasferimento degli uffici.
Un maxi blitz della Guardia di Finanza, partito questa mattina all'alba, sta interessando in queste ore anche la provincia di Frosinone; tra gli indagati finiti nel mirino delle Fiamme Gialle e accusati, a vario titolo, di peculato, falso ideologico e abuso d’ufficio ci sarebbe anche un funzionario del Comune di Anagni, residente dalle parti di Ferentino.
A scuola con la Guardia di Finanza: via alla sesta edizione del progetto "Educazione alla legalità economica". Le Fiamme Gialle per partire scelgono l'Istruzione Superiore “G. Marconi” di Anagni
Avevano la disponibilità di un patrimonio milionario ma per il fisco erano nullatenenti. E’quanto emerso nei confronti di due soggetti di etnia rom di Frosinone, già condannati per usura e rapina e finiti sotto la lente degli investigatori del Nucleo Pol izia Tributaria della Guardia di Finanza di Frosinone. Gli immobili di ingente valore, i terreni, numerosi conti correnti e denaro liquido nella loro disponibilità, acquisiti a partire dagli anni '90, hanno indotto le Fiamme Gialle ad avviare indagini patrimoniali, coordinate dalla Procura della Repubblica di Frosinone, al fine di verificare la legittima provenienza dei capitali.
Non è passato inosservato - questa mattina, martedì 28 agosto - l’arrivo di alcuni militari della Guardia di Finanza presso la sede municipale di Anagni; i militari della Guardia di Finanza, nell’ambito di una attività di indagine delegata dalla Corte dei Conti, stanno acquisendo numerosi documenti per riscontrare presunte irregolarità nella gestione del denaro pubblico,