Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone, militari canadesi al centro storico

24 maggio 2019

Giovedì 30 maggio alle 17, la delegazione del reggimento The Loyal Edmonton (esercito canadese) sarà in visita a Frosinone, in corso della Repubblica, in occasione del settantacinquesimo anniversario della liberazione della città. L’evento, patrocinato dal Comune di Frosinone (assessorato al centro storico, coordinato da Rossella Testa) e organizzato in collaborazione con l’associazione “Battaglia di Cassino - centro studi e ricerche”, rientra in un tour che l’unità sta svolgendo in Italia, che vede come importante elemento proprio la visita alla città di Frosinone, liberata dalla medesima unità nei primi di giugno del 1944. La delegazione, composta da ufficiali e militari in servizio attivo, deporranno una corona alla stele dedicata al ten. Simm. L’ufficiale aiutante reggimentale terrà un discorso alla presenza della cittadinanza, degli amministratori e dei rappresentanti diplomatici. Nel corso dell’iniziativa, infine, saranno eseguiti anche gli inni nazionali, italiano e canadese. "La città, con l'iniziativa di giovedì - ha dichiarato l'assessore Rossella Testa - rinsalda il legame di riconoscenza nei confronti dei valorosi soldati che, 75 anni fa, liberarono Frosinone". 

"I militari del Loyal Edmonton Regiment fecero il loro ingresso in una città, nel 1944, completamente distrutta. Alla fine della guerra Frosinone risultava il capoluogo di provincia più devastato - ha dichiarato il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani - Con l'arrivo dell'unità canadese in città, ha avuto inizio il processo di rinascita del capoluogo: a distanza di 75 anni, la città non dimentica e celebra, con orgoglio e gratitudine, il coraggio dei militari canadesi. Il Paese intero, alla fine del secondo conflitto mondiale, si è lasciato alle spalle violenza e dolore, intraprendendo la strada della democrazia, della pace e della coesione sociale, valori esaltati dalla nostra stessa Carta Costituzionale. Nel futuro di questo territorio - ha concluso il sindaco - continueranno a dimorare il valore, l'operosità e quella tigna tutta ciociara che ha permesso ai ciociari, di nascita e di adozione, di trovare, dentro di sé, la forza per reagire, per far sentire la propria voce, per rialzarsi anche nei momenti più difficili".


TI POTREBBERO INTERESSARE

Mercoledì 4 novembre dalle 11 alle 13, presso l’aula magna del Liceo, la Dott.ssa Maria Antonia Ferrante presenterà due sue recenti pubblicazioni: “L’Anima e la Spada – Desiderio di Montecassino e Roberto il Guiscardo” (episodi del XII secolo relativi a due eminenti personaggi entrati in contatto, dopo diverse traversie, per collaborare per il bene della Chiesa e dello Stato) e “Memorie di Guerra dall’Idroscalo - Lago di Varano 1915-1918” (nell’anniversario della Prima Guerra Mondiale, il libro rende noti al lettore gli eventi bellici che si svolsero su un piccolo lembo di terra garganica, lungo la costa del lago di Varano.)
Enrico Fanciulli ha portato a compimento l'ultimo suo lavoro su Anagni; il libro "Anagni tra pace e guerra" - che verrà presentato domenica prossima 23 settembre alle ore 16.30 nella sala della Ragione del palazzo comunale di Anagni - tratta del periodo bellico relativo alla seconda guerra mondiale, nel quale - tra le varie vicende - Anagni si ritrovò occupata dai tedeschi e fu dichiarata città-ospedale nel retrofronte di Cassino. Tra i fatti degni di nota di quel periodo ce ne sono alcuni sui quali è calato un velo e sono poco affatto conosciuti. L'autore li ha evidenziati integrando le conoscenze che si hanno della città che non è ricca solo di storia antica ma anche di interessanti accadimenti di storia contemporanea.
Risale quasi sicuramente al periodo della seconda Guerra Mondiale il bossolo di proiettile privo dell-effettuazione di alcuni scavi.
La battaglia di Montecassino alla Sala Capitolare del Senato: il convegno promosso dalla Fondazione Giuseppe Levi Pelloni in occasione del 75esimo anniversario del bombardamento che distrusse la città e l'antica abbazia benedettina
Lunedì 16 marzo, nell’ambito del corso di Storia del Novecento tenuto da Pino Pelloni presso l’Università Unitre della Terza Età di Fiuggi (ore 15, Biblioteca Comunale) il giornalista e saggista Antimo Della Valle terrà una lezione sulle battaglie di Cassino e il dramma della popolazione civile. L’incontro, aperto per l’occasione alla cittadinanza tutta, riguarda una delle pagine più drammatiche vissute dalle popolazioni della Ciociaria, ed è arricchito dalla proiezione del documentario “Dopo Cassino: Piedimonte San Germano (1943-1944), una produzione dello Studio Joker Image di Udine, in collaborazione con l’ Associazione Antares di Piedimonte, e vincitore del Premio FiuggiStoria “Lazio Meridionale” 2015.