Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ambiente, Regione Lazio. Approvato il protocollo d'intesa FederParchi Lazio, Coldiretti Lazio e Legambiente Lazio per il contenimento dei cinghiali

23 maggio 2019

È stato approvato questa mattina dalla Giunta regionale il Protocollo di Intesa, che verrà sottoscritto con Federparchi Lazio, Coldiretti Lazio e Legambiente Lazio, per il contenimento dell’eccessiva presenza di cinghiali sul territorio regionale, assicurando la conservazione delle specie e prevenendo e limitando rischi e danni alla biodiversità, alla popolazione e alle imprese agricole. Le azioni previste saranno tutte nell’ambito del sistema delle aree protette regionali, integrando le attività di prevenzione e controllo esistenti.
Tra i punti previsti dall’accordo ci sono: l’attivazione di studi sperimentali per la valutazione dell’efficacia dell’attività di controllo numerico delle popolazioni e di prevenzione del danno; l’intensificazione delle attività di controllo numerico su tutto il territorio regionale; la semplificazione e velocizzazione dell’iter autorizzativo per i piani di controllo numerico della fauna selvatica nelle aree protette regionali; la creazione di un sistema unico di raccolta dei dati georeferenziati sui danni da fauna nelle aree protette regionali; la realizzazione di un programma regionale di formazione e aggiornamento degli agricoltori e del personale operante nelle aree protette regionali; la realizzazione di una campagna di comunicazione finalizzata ad aumentare il livello di conoscenza degli agricoltori sulle modalità di accesso agli indennizzi dei danni e agli strumenti di prevenzione, nonché alle implicazioni del mutato quadro normativo europeo.
Gli animali o le loro carni potranno essere: destinati alla cessione diretta o all’allevamento; se macellati o abbattuti, conferiti presso un centro di lavorazione della selvaggina autorizzato; ceduti, come carcasse, per uso privato domestico con divieto di commercializzazione, al personale coinvolto nelle operazioni di abbattimento; donati ad associazioni e altri organismi senza fine di lucro, previa verifica sanitaria e a condizione che siano utilizzati a scopo benefico. Entro 60 giorni dalla sottoscrizione del Protocollo, la Regione Lazio definirà con le ASL procedure specifiche e omogenee per tutto il territorio per la gestione degli aspetti sanitari inerenti i soggetti catturati o abbattuti, la lavorazione e il trattamento della selvaggina e per le verifiche di conformità sanitaria. L’accordo ha durata triennale prevede uno stanziamento regionale di 100.000 euro annui.

La nota che qui pubblichiamo è a cura delll’Assessorato Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Anche a Piglio, piccolo centro alle falde del Monte Scalambra, i cinghiali sono di casa . La zona preferita è quella del convento di San Lorenzo e a ridosso delle abitazioni dove si vedono a passeggio numerosi esemplari. Si sa che i cinghiali sono delle razze protette ma cosa fanno gli Enti preposti per risolvere un problema così complesso che richiede soluzioni altrettanto complesse come quella della gestione dei cinghiali per tutelare l’incolumità delle persone e l’agricoltura? Giorgio Alessandro Pacetti
Cinghiali e fauna selvatica: Coldiretti Frosinone chiama a raccolta i sindaci dei 91 Comuni ciociari; assemblea in Provincia il 16 giugno con l'assessore regionale Carlo Hausmann
Non bastava l-area nord della provincia di Frosinone; oggi, infatti, tocca ai danni provocati dai cinghiali alle colture di alcuni campi agricoli siti in località Tufano e in altre zone di Anagni. Secondo la Coldiretti, che ha lanciato l-amministrazione comunale per chiederle di intervenire, in diverse località si sono anche registrate anche perdite ingenti di capi di bestiame.
Come anticipato alcuni giorni fa da questo giornale, il sindaco Fausto Bassetta ha incontrato questa mattina i rappresentanti provinciali di Coldiretti per affrontare il problema della presenza dei cinghiali sul territorio anagnino, causa di notevoli danni alle colture. L’allarme è scattato da qualche giorno, soprattutto nella zona di Tufano, dove in numerose aziende agricole si sono registrate incursioni notturne devastanti. Continua a leggere...
A Piglio sono sempre più frequenti gli attacchi dei temibili predatori. I pastori locali fanno sapere che nel territorio montano di Piglio i lupi ma anche i cinghiali e le faine procurano ingenti danni al settore zootecnico e agricolo; gli allevatori e gli agricoltori superstiti sono disperati non ce la fanno più ad andare avanti con la continua perdita di capi di bestiame e di prodotti agricoli.