Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Il Consiglio di Stato dalla parte delle lavoratrici delle pulizie delle scuole delle province di Frosinone e Latina

14 maggio 2019

Lo scorso 10 maggio il Consiglio di Stato si è espresso favorevolmente rispetto ai ricorsi presentati dalle aziende aggiudicatrici dell’appalto dei servizi di pulizie delle scuole pubbliche delle province di Frosinone e Latina.
"Accogliamo positivamente i pronunciamenti odierni del Consiglio di Stato – fanno sapere dalla Filcams-Cgil – poiché, per l’ennesima volta ribaltano quanto affermato dal Tar di Latina,   confermando la legittimità del percorso fatto dal Miur rispetto all’indizione della gara ponte e all’aggiudicazione a nuove aziende dell’appalto in questione e, soprattutto, respingendo le sospensive cautelari che, di fatto, hanno ripetutamente ritardato l’iter   del cambio di appalto, lasciando i lavoratori  alle dipendenze delle “vecchie”  società e quindi senza stipendio.
Le ordinanze del Consiglio di Stato confermano, tra le altre cose, come tutti i ricorsi amministrativi presentati nei vari tribunali da Ma.ca prima e Servizi Generali successivamente, siano stata una chiara ed evidente strategia per prendere tempo e rimanere nell’appalto.
Tale comportamento è da considerarsi molto grave, non solo per l’appalto in questione ma e per tutti gli appalti pubblici più in generale, perché afferma l’impossibilità da parte della Pubblica Amministrazione di risolvere un contratto di appalto con soggetti inadempienti, impedisce il regolare svolgimento dei servizi e soprattutto, come nel caso di specie, lascia i lavoratori in un limbo di disperazione mista a sconforto perché “costretti” a lavorare senza stipendio per aziende e oggetto di risoluzione dello stesso contratto di appalto poiché non rispettano le normative di Legge e i Contratti di Lavoro.
Per tutti questi motivi consideriamo i pronunciamenti del Consiglio di Stato un ripristino di regolarità e legalità in un appalto molto particolare come quello del Lotto 5 di Frosinone e Latina.
Un importante risultato annoverabile soprattutto alla resistenza delle lavoratrici e dei lavoratori che non hanno mai ceduto e alla tenacia della lotta sindacale e delle iniziative messe in campo dalla Filcams Cgil.
Certamente la lotta non è finita perché ricordiamo che su 700 lavoratori, circa 200 a tutt’oggi sono ancora in sciopero ad oltranza dal 29 aprile scorso in quanto i dirigenti degli Istituti Scolastici dove operano si ostinano a non firmare i verbali di avvio con le nuove aziende.
Auspichiamo che, soprattutto dopo questi ultimi pronunciamenti del Consiglio di Stato, gli stessi dirigenti ottemperino a quanto già fatto dalla maggior parte dei loro colleghi, dando esecuzione al cambio di appalto firmato al Ministero del Lavoro, senza più tentennamenti.
Anche per questo nella giornata odierna abbiamo risollecitato le Prefetture di Frosinone e Latina per la convocazione di un tavolo che aiuti a sbloccare la situazione di quelle scuole dove ancora persistono le precedenti aziende e dove i lavoratori, a differenza dei loro colleghi già assunti dalle imprese che sono subentrate, purtroppo anche questo mese, come ormai da quasi due anni, non percepiranno lo stipendio!


TI POTREBBERO INTERESSARE

"Sicurezza: il cuore del Lavoro": a Isola del Liri CIGL, CISL e UIL celebrano la festa dei Lavoratori è stato il tema dell'evento organizzato da CIGL, CISL e UIL a Isola del Liri in occasione della festa dei Lavoratori. Il corteo, partito alle ore 9.00 da piazza Boncompagni, si è snodato lungo le vie cittadine per poi terminare con un comizio al quale è intervenuto Paolo Terrinoni, segretario generale CISL Lazio.
Quest’anno una della più importanti manifestazioni in occasione della festa dei Lavoratori si è tenuta ad Isola del Liri ed è stata organizzata dalle tre sigle sindacali CIGL, CISL e UIL. Il corteo ha attraversato le vie della città al grido di "più valore al lavoro. Contrattazione, occupazione, pensioni”, parole d’ordine, queste, scelte per celebrare il 1° maggio.
Prosegue anche a Ferentino, tra le bancarelle del mercato settimanale di via Paolo Borsellino, la raccolta delle firme per la proposta di legge di iniziativa popolare sulla Carta dei diritti universali, organizzata da CIGL, CISL e UIL. L'iniziativa si svolgerà sabato prossimo 7 maggio dalle ore 8.30 alle ore 13.00. Nel pomeriggio, inoltre, sarà possibile firmare nella sede SPI CIGL di via XX settembre. Insieme alla Carta sono proposti anche tre requisiti referendari su le norme che limitano le sanzioni e il reintegro in caso di licenziamento illegittimo, le norme che limitano la responsabilità solidale negli appalti, il lavoro accessorio. La campagna per la raccolta delle firme, che durerà sei mesi, era stata lanciata alcune settimane fa in concomitanza con i festeggiamenti per i 120 anni della confederazione.
Stefano Di Scanno, direttore del quotidiano "L'Inchiesta", sarà il moderatore dell'interessante convegno organizzato dalla CIGL di Frosinone e Latina che si terrà mercoledì 16 novembre alle ore 18 nella sala meeting dell'hotel Bassetto di Ferentino, nel corso del quale saranno spiegate le ragioni della CGIL per il NO al prossimo Referendum Costituzionale.
Più investimenti per rilanciare il territorio e per dare maggiori opportunità di crescita alla provincia di Frosinone; è stato questo il tema al centro dell'attivo unitario che si è tenuto nei giorni scorsi nel salone di rappresentanza del Palazzo della Provincia fra le tre sigle sindacali confederali, CIGL, CISL e UIL, rispettivamente rappresentate da Enrico Coppotelli, Anselmo Briganti e Gabriele Stamegna. Tra gli argomenti affrontati, quello della riforma delle pensioni e delle politiche giovanili da mettere in campo per il lavoro; non sono mancati poi cenni alle misure di welfare da adottare e a quelle da mettere in campo per rendere migliore la sanità ciociara, che in questi ultimi anni sta cadendo in un triste e lento declino. L'argomento principale che è stato trattato, comunque, è stato quello relativo alla necessità di creare una sorta di marketing territoriale in grado di promuovere ed incentivare gli investimenti in provincia di Frosinone. Per raggiungere questo obiettivo si dovrà necessariamente puntare sulla zona franca urbana per il sorano, area di crisi industriale, complessa e non complessa, la vendita della Vdc e lo stabilimento FCA, stando a quanto suggerito dai tre sindacalisti. Il resto del lavoro può farlo solo la politica.