Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone, attivato l'iter per i nuovi parcheggi allo Scalo

5 maggio 2019


Il Settore Pianificazione Territoriale S.U.E. e Ambiente del comune di Frosinone ha pubblicato l’avviso pubblico per l’avvio del procedimento relativo all'approvazione del Progetto di Fattibilità Tecnica Economica finalizzato all'adozione della variante urbanistica semplificata ai sensi dell'art. 19 DPR 327/01 e art. 50 bis L.R. 38/99 per l’ Area ex Frasca: gli interessati potranno, così, partecipare al procedimento presentando memorie, proposte e suggerimenti operativi. Il nuovo grande parcheggio che sarà qui realizzato, dunque, sarà a servizio sia dei pendolari che dell'utenza locale. L’amministrazione Ottaviani, con l’obiettivo di riqualificare il tessuto urbano e di elevare la qualità degli standard delle infrastrutture viarie e tecnologiche di proprietà pubblica, procedendo inoltre alla ricucitura delle zone di confine tra la città di Frosinone e i comuni del circondario, sta così portando avanti i provvedimenti amministrativi per dare esecuzione al protocollo di intesa sottoscritto con FS Sistemi Urbani, Ferrovie dello Stato Italiane S.p.a. (FS) e Rete Ferroviaria Italiana S.p.a. (RFI). Tra le aree individuate dal piano di riqualificazione, è stata inserita anche quella denominata "ex Frasca" che sarà messa a disposizione quale area per il parcheggio dei numerosi pendolari e dei viaggiatori che, quotidianamente, utilizzano lo scalo del capoluogo, con la creazione di circa 300 nuovi posti auto. La trasformazione dell’area ex Frasca, è, dunque, strategica, nell’ottica della ricucitura tra il quartiere di Colle Timio e il resto del capoluogo, tenendo conto del progetto di pedonalizzazione di Piazzale Kambo e di valorizzazione delle volumetrie esistenti vincolate dalla Soprintendenza.
Con una delibera ad hoc della giunta Ottaviani, infatti, è già stato approvato l'atto di indirizzo per la trasformazione urbanistica dell'area, dando mandato al settore competente in materia di adottare tutti i necessari e conseguenti provvedimenti per la necessaria trasformazione urbanistica dell'area da CR +V ad F (Servizi). L’infrastruttura sarà a servizio della Stazione Ferroviaria dal settore Sud Est della città, anche in considerazione della prossima realizzazione del nuovo polo commerciale che prenderà il posto dell’ex stabilimento Permaflex, della nuova viabilità di accesso a Corso Lazio e della vicinanza del casello autostradale.
A tale scopo, è stato attivato il procedimento di variante urbanistica per il cambio di destinazione d'uso dell'area ex Permaflex, da produttivo a commerciale. Il privato, dunque, ha confermato la propria volontà di voler proporre, come opera compensativa di pubblico interesse, la realizzazione dell'infrastruttura sull'area "ex Frasca", da trasferire, dopo le necessarie lavorazioni, nella titolarità dell'amministrazione comunale di Frosinone.
Con la recente approvazione, da parte della giunta comunale, dell’individuazione di un percorso per la realizzazione di un intervento di riqualificazione e valorizzazione dell’area dell’ex complesso industriale, infatti, l’amministrazione Ottaviani ha ribadito la propria volontà di procedere alla trasformazione del sito, situato in una zona strategica dal bacino potenziale di utenza stimato tra i nove e i dieci milioni di persone, allo scopo di realizzare un’opera destinata a servizi commerciali e parco tematico per il tempo libero, che darà lavoro a centinaia di addetti, sia nel comparto interno che nell'indotto. Il progetto su cui sta lavorando l’amministrazione, a seguito di studi effettuati da investitori privati, prevede anche il coinvolgimento dei quartieri cittadini e degli esercizi commerciali che insistono all’interno della cinta urbana.
L’Ufficio competente è quello della Pianificazione e responsabile del procedimento è l’Arch. Elio Noce (elio.noce@comune.frosinone.it). Gli atti relativi al procedimento possono essere consultati nella sede di Via Armando Fabi (ex MTC), Uffici del settore Pianificazione, telefono 0775/2656232, fax 0775/265219, tutti i giorni feriali (sabato escluso), dalle ore 10.30 alle ore 13.00, solo il mercoledì dalle ore 15.30 alle ore 17.30.
 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Inizia l’iter per la realizzazione del parcheggio a pagamento presso la Stazione ferroviaria del Comune di Anagni.
Sulla vicenda dei parcheggi a pagamento presso la stazione ferroviaria di Anagni, che nelle ultime ore ha generato diverse polemiche, attraverso una nota il sindaco Bassetta qualche minuto fa ha precisato che
Condizioni “vergognose”. Sono quelle del parcheggio antistante alla stazione ferroviaria di Anagni. Come nel caso del parcheggio di San Giorgetto, la zona antistante alla stazione ferroviaria rappresenta il biglietto da visita della città per tutti quelli che arrivano in zona. E, purtroppo, la prima impressione non è eccezionale.
È ancora alta tensione ad Anagni sulla questione del parcheggio della stazione ferroviaria. Ovvero, sulle condizioni del parcheggio.
Sono in arrivo nuovi cento posti auto nell’area della stazione ferroviaria di Anagni, tutti gratuiti. Verranno realizzati nell’area di proprietà della Rfi (Rete Ferroviaria Italiana) che nei mesi scorsi ha ricevuto la richiesta di concessione da parte dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Fausto Bassetta. Un’iniziativa intrapresa per sopperire alla carenza di parcheggi a servizio della stazione ferroviaria, che Rfi ha sostenuto con la concessione della zona, da tempo abbandonata.