Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Il Tribunale di Frosinone riconosce a bimbo autistico il diritto alla terapia ABA: vinta la battaglia da parte della UIL di Frosinone

26 aprile 2019

Il Tribunale di Frosinone – sezione lavoro, con ordinanza del 17/04/2019, all’esito di un procedimento promosso ex art. 700 c.p.c., ha riconosciuto il diritto del minore affetto da disturbo dello spettro autistico a ricevere, in via diretta ovvero mediante rimborso a carico del Servizio Sanitario, 25 ore settimanali di terapia ABA (Applied Behavior Analysis). Un provvedimento che mette in rilievo la superiorità del diritto alla salute – costituzionalmente sancito – rispetto alle esigenze organizzative della Pubblica Amministrazione. Si dice soddisfatta Anita Tarquini, segretaria generale della UIL di Frosinone presso il quale risulta attivo lo sportello dedicato alle problematiche relative alla Sanità cui si sono rivolti i genitori del minore in favore del quale è stato emesso il provvedimento: “contribuire al garantire la concretizzazione dei livelli essenziali di assistenza rientra negli obiettivi del sindacato, da sempre parte attiva nella lotta per il riconoscimento dei diritti primari tra cui il diritto alla salute”.  “La pronuncia in esame, come altre isolate sul territorio nazionale, rende giustizia alle famiglie che - sino ad ora - hanno dovuto sostenere privatamente i costi delle terapie ABA raccomandate dalle Linee Guida per il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti. A livello regionale, purtroppo, difettano interventi normativi volti a garantire pienamente, agli aventi diritto, la fruizione diretta o il rimborso delle prestazioni sanitarie oggetto di domanda”, prosegue l’avv. Mariangela De Santis, legale delle parti ricorrenti.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Si era allontanato da circa due ore da casa, generando il panico nella propria famiglia. Sono stati i poliziotti a rintracciarlo. È successo stamattina a Frosinone. Protagonista suo malgrado un bambino di 10 anni affetto da autismo. Continua a leggere...
I ragazzi del centro diurno “Luca Malancona” di Ferentino, gestito dalla Cooperativa Osa, sono pronti per partecipare - venerdì 8 aprile - al blu day come giornata di sensibilizzazione per l’autismo e la disabilità. Oltre l’ormai consueta passeggiata nel centro storico, che si tingerà di blu, i ragazzi e le ragazze si esibiranno in due coreografie, in piazza Matteotti, sotto la capace guida e supervisione di Maria Cristina Celardi, che ha curato la creazione della coreografia e la realizzazione, ha seguito i giovani durante i mesi di preparazione della coreografia e li ha stimolati, unitamente all’equipe di operatori del centro stesso.
La Provincia di Frosinone, anche quest’anno, ha aderito alle iniziative di sensibilizzazione per la Giornata Mondiale dell’Autismo. Palazzo Gramsci, a partire da stasera e per l’intero fine settimana, si illuminerà di blu. L’Ente provinciale ha voluto dare un segnale di attenzione rispetto ad una malattia subdola, che purtroppo colpisce ancora troppi bambini, nella convinzione che anche attraverso la sensibilizzazione si può contribuire a sconfiggere l’autismo, facendo sentire meno sole le famiglie e ragazzi, colpiti dal disturbo e dal disagio.
Oggi - 18 febbraio - in tutto il mondo si celebra la giornata internazione sulla sindrome di Asperger, il disturbo pervasivo dello sviluppo imparentata con l’autismo e comunemente considerata una forma dello spettro autistico “ad alto funzionamento”. Tale termine “Sindrome di Asperger” venne coniato dalla psichiatra inglese Lorna Wing in una rivista medica del 1981; lo chiamò così in onore di Hans Asperger, uno psichiatra e pediatra austriaco il cui lavoro non venne riconosciuto fino agli anni novanta.
Si terrà a Valmontone, dall’8 al 10 Settembre, il corso previsto dal progetto-pilota Aba (Applied Behavior Analysis ovvero Analisi Comportamentale Applicata), un metodo che intende fornire ai bambini affetti da autismo nuovi strumenti educativi che possano stimolare l’acquisizione di competenze utili. Continua a leggere...