Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Guardia di Finanza di Frosinone. Operazione “Off-side counterfeiting 2”: controlli all'esterno dello stadio "Benito Stirpe" per contrastare la contraffazione a tutela della sicurezza dei prodotti e del made in Italy

4 aprile 2019

In occasione della 30^ giornata del campionato di calcio di Serie A e della 31^ di Serie B e` stata richiamata, su tutti i campi di calcio, l’importanza della proprieta` intellettuale, quale asset strategico per le imprese e strumento di tutela per il consumatore. Lo slogan utilizzato - #loriginalevince - sintetizza la straordinaria sinergia tra Direzione generale per la lotta alla contraffazione-Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del Ministero dello Sviluppo Economico, la Guardia di Finanza, la Lega Serie A e la Lega B, nel contrasto alla contraffazione, alla pirateria e all’abusivismo commerciale.
Fenomeni, questi, variegati e insidiosi che implicano la distribuzione di prodotti non sicuri e che riverberano i loro effetti distorsivi sul sistema economico e imprenditoriale da un lato e sul tessuto sociale dall’altro, incidendo profondamente su trasparenza e corretto funzionamento del mercato interno. Contraffazione e pirateria sono solo la punta di un iceberg nella cui parte piu` nascosta si celano evasione fiscale e contributiva, sfruttamento di manodopera in nero e clandestina, inquinamento ambientale, minacce alla salute umana e riciclaggio.
In questo scenario, l’operazione OFFSIDE COUNTERFEITING 2, ideata dalla Guardia di Finanza, ha la finalita` di prevenire e contrastare tutte le forme di produzione e commercio di prodotti falsi o insicuri e di diffusione di contenuti illeciti. Piu` in generale, le Fiamme Gialle, con una strategia di aggressione sistematica, rivolgono l’attenzione operativa ai traffici di merci su strada e alle frontiere, vigilando, altresi`, sui luoghi di smercio dei prodotti ed eseguendo incisive indagini mirate a ricostruire e disarticolare la filiera del falso, fino alla individuazione dei capitali e dei patrimoni illecitamente accumulati. Una particolare attenzione, poi, viene riservata al web che, con le sue vetrine virtuali e la polverizzazione dell’offerta commerciale sui social network, richiede una costante azione di monitoraggio per il perseguimento dei crimini inerenti ai traffici di merce contraffatta.
Le Fiamme Gialle del Gruppo di Frosinone, nell’occasione, hanno eseguito nella serata di ieri, come avvenuto in altre citta` d’Italia, una serie di controlli nei confronti di alcuni venditori ambulanti operanti nel settore dell’abbigliamento sportivo, presenti nelle vicinanze dello stadio, a contrasto della contraffazione, della pirateria e dell’abusivismo commerciale, tutti risultati con esito regolare.
La contraffazione e la pirateria sono solo la punta di un iceberg nella cui parte piu` nascosta si celano evasione fiscale e contributiva, sfruttamento di manodopera in nero e clandestina, inquinamento ambientale, minacce alla salute umana e riciclaggio.



TI POTREBBERO INTERESSARE

False fatturazioni, mancato versamento dell-Anagni Calcio. I reati contestati si riferirebbero al periodo in cui l'uomo era a capo della squadra di calcio anagnina.
Nel corso di una serie di controlli eseguiti nei giorni scorsi dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Frosinone sono stati sequestrati, presso vari negozi situati nel capoluogo cittadino e nei Comuni limitrofi, circa 50.000 prodotti tra addobbi e luci di Natale privi dei requisiti necessari per esser messi in commercio. I titolari delle attività commerciali sono stati segnalati alla Camera di Commercio di Frosinone per violazione alle specifiche disposizioni del Decreto Legislativo 206/2005, che impongono l’indicazione sui prodotti in vendita di informazioni sul produttore/importatore autorizzato e le istruzioni e/o precauzioni d’uso, volte a tutelare la salute e la sicurezza dei prodotti e dei servizi.
Non è passato inosservato - questa mattina, martedì 28 agosto - l’arrivo di alcuni militari della Guardia di Finanza presso la sede municipale di Anagni; i militari della Guardia di Finanza, nell’ambito di una attività di indagine delegata dalla Corte dei Conti, stanno acquisendo numerosi documenti per riscontrare presunte irregolarità nella gestione del denaro pubblico,
Avevano la disponibilità di un patrimonio milionario ma per il fisco erano nullatenenti. E’quanto emerso nei confronti di due soggetti di etnia rom di Frosinone, già condannati per usura e rapina e finiti sotto la lente degli investigatori del Nucleo Pol izia Tributaria della Guardia di Finanza di Frosinone. Gli immobili di ingente valore, i terreni, numerosi conti correnti e denaro liquido nella loro disponibilità, acquisiti a partire dagli anni '90, hanno indotto le Fiamme Gialle ad avviare indagini patrimoniali, coordinate dalla Procura della Repubblica di Frosinone, al fine di verificare la legittima provenienza dei capitali.
Un maxi blitz della Guardia di Finanza, partito questa mattina all'alba, sta interessando in queste ore anche la provincia di Frosinone; tra gli indagati finiti nel mirino delle Fiamme Gialle e accusati, a vario titolo, di peculato, falso ideologico e abuso d’ufficio ci sarebbe anche un funzionario del Comune di Anagni, residente dalle parti di Ferentino.