Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Finanze, Comune di Frosinone esempio virtuoso

29 marzo 2019

Si è tenuto stamani, presso l’università di Messina, il convegno nazionale dal titolo “Riequilibrio finanziario: servizi ai cittadini e gestione delle imprese”, alla presenza del viceministro all’economia, on. Laura Castelli. Il programma della giornata prevedeva, oltre ai saluti del Magnifico Rettore, Salvatore Cuzzocrea e del direttore del dipartimento, Michele Limosani, la discussione con diversi amministratori e dirigenti comunali, oltre a un confronto tra l’Istituto per la finanza e l'economia locale e il Governo, con l’atteso intervento dell’on. Castelli. Tra gli invitati all’incontro, l’assessore al bilancio e alle finanze del Comune di Frosinone, Riccardo Mastrangeli, e il dirigente del settore, Vincenzo Giannotti. “Nell’ambito di questo importante appuntamento – ha dichiarato l’assessore Mastrangeli - ho rappresentato l'esperienza del Comune di Frosinone, le luci che abbiamo coraggiosamente acceso ma anche le tante ombre che abbiamo trovato e stiamo trovando sul nostro percorso. Siamo stati invitati perché l’Amministrazione Ottaviani rappresenta un esempio da seguire a livello nazionale per i risultati raggiunti, ma è stata soprattutto l'occasione per chiedere al Viceministro dell’Economia Laura Castelli una nuova visione, una nuova legislazione con un percorso certo ed una nuova interpretazione degli obbiettivi per i Comuni virtuosi come il nostro”.

Nel corso dell’intervento, l’assessore ha illustrato il percorso portato avanti dall’amministrazione Ottaviani dal 2013, anno in cui è stato approvato il piano di riequilibrio finanziario. Il Comune di Frosinone, infatti, è stato costretto a recuperare ingenti risorse ereditate dal disequilibrio dei conti dell’anno 2012 (circa 5,5 Milioni di Euro di disavanzo e 7 Milioni di euro di debiti fuori bilancio ripartiti nell’arco temporale di 10 anni), subendo, inoltre, continue contrazioni dei trasferimenti erariali dallo Stato.

A ciò si aggiungano “le due manovre centrali effettuate nel corso del piano di riequilibrio finanziario che hanno sottratto risorse economiche e finanziarie necessarie all’ente per uscire dal piano di riequilibrio anche in modo anticipato – ha spiegato l’assessore Mastrangeli - La prima manovra è stata quella del passaggio dall’IMU e la TASI che ha sottratto risorse (solo parzialmente restituite) che erano alla base del piano di riequilibrio.

Altro impatto negativo è dovuto dal decreto-legge n. 66 del 2014 che, all’articolo 47, disciplina il concorso delle province, delle città metropolitane e dei comuni alla riduzione della spesa pubblica, nell’ambito di un intervento di spending  review. La durata del taglio era inizialmente fissata al triennio 2014-17, ma già con la legge di stabilità per il 2015 il periodo di vigenza del taglio veniva esteso al 2018. In conseguenza, la stessa norma dispone che il fondo di solidarietà comunale (FSC) sia ridotto di importi equivalenti per ciascuno degli anni dal 2014 al 2018”.  

Ciò nonostante, il bilancio che sarà portato, a breve, in consiglio comunale, presenta la razionalizzazione di alcuni costi e, al tempo stesso, nuovi investimenti a favore della cittadinanza, con vantaggi importanti per l'intera collettività: il pagamento della TARI di quest’anno, ad esempio, sarà ridotto in modo sensibile per le famiglie (circa il 15% rispetto all’anno precedente) grazie ad una eccellente quota di raccolta differenziata che riduce il conferimento e, quindi, il costo in discarica dei rifiuti solidi urbani. “Tuttavia, resta ferma – ha concluso Mastrangeli - anche in prospettiva, la necessità da parte degli organi governativi di trovare soluzioni adeguate su uno strumento, quale quello del piano di riequilibrio, che abbia concreti vantaggi nella sua scelta in luogo del dissesto, evitando che ogni normativa legislativa indirizzi nuove criticità e sacrifici nei confronti di tali enti, già esposti in termini economico-finanziari, attraverso continue riduzioni di entrate e di spese”.



TI POTREBBERO INTERESSARE

Blocco dell'umido alla SAF, il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani: "rifiuti mischiati, ultima follia"
È terminata in settimana la procedura per lo stanziamento del fondo di solidarietà per i consumi del gas, introdotto dall’amministrazione Ottaviani. Saranno 410 le famiglie che, che a seguito della istruttoria definita dal servizio prestazioni sociali dell’Ente, accederanno alla ripartizione dei finanziamenti per sostenere i consumi ed il pagamento delle relative bollette per il riscaldamento civile. Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, infatti, grazie all’accantonamento di una piccola quota sulle singole utenze attualmente allacciate sul territorio comunale,
Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, in via precauzionale e cautelativa, ha emesso un'ordinanza che vieta l'uso delle acque sotterranee nelle fasce di terreno poste ai due lati del tratto di strada continuo che va dall'incrocio di via Agusta con via Tumuli fino all'incrocio di via Agusta con via delle Salci e, da qui, lungo via delle Salci, fino al confine con il comune di Ferentino.
Il Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, nella sua qualità di Presidente della Conferenza dei Sindaci sulla Sanità Provinciale, ha convocato i 91 primi cittadini della provincia per lunedì 6 ottobre, alle ore 13 in prima convocazione e alle ore 15 in seconda convocazione, nella sala teatro della Asl di Frosinone per discutere di alcune tematiche importanti e di stringente attualità. Continua a leggere...
Frosinone. Festa della Repubblicca del 2 giugno, il sindaco Nicola Ottaviani: "onoriamo la Repubblica"