Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

La Commissione Europea riconosce la provincia di Frosinone come “Territorio Ufficialmente Indenne” dalla Tubercolosi Bovina e Bufalina

12 marzo 2019


Dopo continui e approfonditi controlli del Servizio Veterinario aziendale, la nostra Provincia è stata riconosciuta dalla Commissione Europea “Territorio Ufficialmente Indenne” dalla Tubercolosi Bovina e Bufalina. Gli allevamenti di Frosinone si aggiungono così a quelli di Rieti e Viterbo nella lista certificata dall’Unione Europea.
L’approvazione è arrivata dopo la presentazione alla Commissione di documenti comprovanti l’esistenza, nel nostro territorio, delle condizioni previste dalla direttiva 64/432/CEE: tra queste, che tutti i bovini sono esenti da manifestazioni chimiche di tubercolosi e che nessuno di essi, in occasione del trasporto, è entrato in contatto con bovini provenienti da allevamenti non ufficialmente indenni.
La qualifica è stata attribuita con la Decisione di Esecuzione 2018/1983 di fine 2018, successivamente pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. In precedenza la nostra Provincia è stata riconosciuta anche indenne da Brucellosi Bovina e Ovicaprina, oltre che da Leucosi, tutte patologie trasmissibili all’uomo.
L’Ufficiale Indennità degli allevamenti alla tubercolosi bovina e bufalina rappresentava l’obiettivo da raggiungere per i Servizi Veterinari e in particolare del Direttore Generale, che ha investito risorse per raggiungere tale risultato.
Ora il riconoscimento di Ufficiale Indennità da parte della Commissione Europea valorizza il patrimonio bovino e bufalino, oltre a quello dei prodotti derivati quali la carne, il latte e, soprattutto, la mozzarella di bufala, che sta conquistando ampie fette di mercato extraeuropee in Paesi come Russia, Argentina, Brasile, Cina.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Aprilia, sequestrati 225 chili di droga: tre persone arrestate tra cui una donna di Anagni
Nel corso di servizi finalizzati alla prevenzione ed al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli agenti della Squadra Volante hanno fermato e controllato un veicolo adibito a servizio taxi, con a bordo, oltre al conducente, due clienti. Da accertamenti effettuati attraverso la Banca Dati Interforze è emerso che le passeggere hanno precedenti in materia di detenzione e spaccio di droga. Nel frangente, in particolare la donna che occupa il sedile posteriore, una 36enne romana, mostrava un atteggiamento di nervosismo e di insofferenza al controllo.
Roma. I Carabinieri della stazione di Anagni notificano un ordine di carcerazione ad una 44enne di Anagni; la donna fu già tratta in arresto per reati connessi alla droga
Nuovo sospetto caso di meningite batterica in provincia di Frosinone; una donna di mezza età residente nell'area del cassinate è stata ricoverata d'urgenza all'ospedale "L. Spallanzani" di Roma per accertamenti. Alla donna è stata praticata la rachicentesi per l'estrazione del liquido cefalorachidiano; le successive analisi sul liquido in questione serviranno ad accertare la presenza o meno del batterio della terribile malattia.
Due persone arrestate, oltre 1 kg di cocaina, 267 dosi di marijuana, 14 grammi di hashish sequestrati, assieme a ben 75.650 euro. E 7 proiettili calibro 7,65 . È il bilancio dell’operazione messa a segno ieri dai Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Frosinone, nel corso di una manovra tesa a contrastare il fenomeno del consumo e spaccio di sostanze stupefacenti.