Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone, qualità aria: controlli sugli impianti termici

28 febbraio 2019

L’assessorato all’ambiente del Comune di Frosinone, con il coordinamento di Massimiliano Tagliaferri, ha attivato anche quest’anno  il servizio di verifica e controllo degli impianti termici sul territorio comunale nell'ambito del progetto "Calore pulito". L’attività di verifica, che sarà condotta dall'Apef, rientra tra gli interventi di risanamento della qualità dell’aria di cui l'amministrazione è promotrice, anche attraverso le necessarie limitazioni del traffico per quanto attiene alla mobilità veicolare, tenuto conto, anche, della valida alternativa rappresentata dal servizio del trasporto pubblico locale, che può contare su una flotta di autobus a basso impatto ambientale, essendo integralmente costituita da automezzi euro 5, euro 6, a metano e a batteria. Del resto, gli interventi di rimodulazione del traffico veicolare, riguardanti sia i mezzi pubblici che quelli privati, non potrebbero rivelarsi sufficienti in assenza del corretto utilizzo delle caldaie e degli impianti termici, sia civili che industriali, ritenuti i principali responsabili delle emissioni in atmosfera delle polveri sottili: stando al recente studio dell’Ispra, la voce più “pesante” dell’inquinamento da PM 2,5 è costituita proprio dal riscaldamento, che incide per il 38%.

Il servizio ambiente ha proceduto, così, all’estrazione delle zone da verificare, secondo i criteri fissati dalla normativa vigente. Il capoluogo è stato suddiviso in tre zone. Sono stati selezionati, quindi, i seguenti quadranti: viale America Latina e quartiere Giardino e rispettive aree limitrofe; corso Lazio e zona De Matthaeis e rispettive aree limitrofe; San Liberatore e Casilina sud e rispettive aree limitrofe.

Fino al 15 aprile (data fissata dalla norma per lo spegnimento degli impianti termici), saranno effettuati 200 controlli; dal 15 ottobre 2019 al 24 febbraio 2020 gli incaricati, invece, ne effettueranno ulteriori 450.

La visita a domicilio sarà annunciata dalla Apef all’utente con almeno 15 giorni di anticipo, mediante lettera raccomandata o posta prioritaria, indicante la data e le modalità di esecuzione del controllo in sito. Verrà richiesta la presenza sul posto del responsabile dell’esercizio e della manutenzione dell'impianto (proprietario, occupante, amministratore o terzo responsabile), o di una persona da lui delegata.

L’addetto alla verifica controllerà che gli impianti siano gestiti e manutenuti in modo conforme a quanto disposto dalla legislazione e dalle normative tecniche applicabili. Inoltre, limitatamente alle parti visibili o a quanto controllabile con gli strumenti di usuale dotazione, verificherà lo stato delle coibentazioni, dei condotti di evacuazione dei prodotti della combustione, oltre che dei dispositivi di regolazione, controllando la temperatura del generatore. Saranno oggetto di controllo anche la presenza e l’idoneità dei sistemi di aerazione dei locali in cui è installato il generatore di calore e l'esistenza del cartello, nei casi previsti dalla legge, indicante i periodi di funzionamento dell’impianto e la zona climatica di appartenenza dello stesso. A controllo avvenuto, l’incaricato provvederà alla compilazione di un verbale (Rapporto di Prova) corredato di un documento da cui dovranno risultare i dati previsti dalla normativa, rilevati e calcolati, con l’eventuale giudizio di rispondenza.



TI POTREBBERO INTERESSARE

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Aliquota Radiomobile di Colleferro coordinati dal cap. Emanuele Meleleo, nel corso di uno dei servizi predisposti per il controllo del territorio, hanno arrestato due uomini e una donna, entrambi trentenni; il terzetto, complice l’oscurità, aveva asportato una caldaia da una villetta in costruzione.
Grave incidente, questo pomeriggio - sabato 10 gennaio - intorno alle 16.30, al km 72.200 della via Casilina - in territorio di Ferentino - dove per cause tuttora al vaglio dei Carabinieri della locale stazione una caldaia è esplosa all-abitazione privata; sul posto, oltre ai Carabinieri, sono immediatamente intervenuti anche i Vigili del Fuoco di Frosinone e un-Ares 118 che ha soccorso un 75enne che, a quanto sembra, è rimasto gravemente ustionato dopo l'incidente.
Ammontano a 600 mila euro le risorse che la Provincia di Frosinone mette a disposizione dei Comuni più grandi del territorio, quelli di fascia A, che presentano maggiori criticità in tema di qualità dell’aria per interventi e progetti di contrasto all’inquinamento atmosferico.
Sabato scorso, presso la sala GRID, si è svolto il convegno sull’inquinamento nella città di Frosinone, nel quale è stato sottolineato il controllo e la gestione della qualità dell’aria ambiente rappresenta uno dei temi di primaria importanza collegati alla tutela dell’ambiente, anche a causa degli effetti sanitari che l’inquinamento atmosferico può procurare sulla popolazione esposta. Nel corso del quale sono state travate soluzioni innovative che proporranno in tutti i campi, in particolar modo sulle tematiche ambientali, azioni da mettere in atto per contenere lo smog.
Alla vigilia della stagione critica per l’inquinamento da polveri sottili, l’Associazione Medici di Famiglia per l’Ambiente di Frosinone e Provincia ha provveduto ad incrementare il numero dei rilevatori di PM 10, PM 2,5 e PM 1 ed a ottimizzare la localizzazione per una ancora più ampia e rappresentativa copertura territoriale della città di Frosinone.