Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

“Piano di risanamento della qualità dell’aria”: Frosinone limita il traffico dei veicoli più inquinanti

29 gennaio 2019


Nel rispetto del “Piano di risanamento della qualità dell’aria” emanato dalla Regione Lazio, il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha emesso apposita ordinanza che stabilisce, nell’ambito dell’adozione di misure per il miglioramento della qualità dell’aria, limitazioni della circolazione agli autoveicoli di vecchia generazione e non catalitici, nonché a ciclomotori e motoveicoli di vecchia generazione.
Ritenuta, da parte dell’amministrazione, la necessità di adottare le ulteriori misure contingibili ed urgenti al fine di tutelare la salute pubblica, è stato emesso, dunque, il provvedimento che prevede, a partire da gennaio 2019, misure di limitazione al traffico per i veicoli fino ad euro 3, dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 18,30, fino al 31 marzo 2019. Il centro urbano soggetto alle limitazioni della circolazione è quello circoscritto dalle seguenti strade: da Via Tiburtina - Piazza Madonna della Neve - Via Madonna della Neve - Via Marco Tullio Cicerone (da incrocio con Via Madonna della Neve) - Viale Volsci - Via Simoncelli - Via Vado del Tufo - Viale Europa - Via Marittima (da incrocio Viale Europa) - Via G. Puccini - Via G. Pasta - Via Pier Luigi da Palestrina - Via San Giuliano - Via A. Vivaldi - Via G. Verdi (da incrocio Via Vivaldi) - Viale America Latina - Via G. Marconi - Via Fosse Ardeatine - Via San Gerardo (senso unico in discesa) - Via Don G. Buttarazzi - Via V. Ferrarelli (da incrocio Via Buttarazzi) - Via Caio Mario - Via Mària (da incrocio Via Caio Mario) fino a incrocio con Via Tiburtina; limitatamente al tratto stradale di Via Sacra Famiglia, uscita obbligata su Via G. Pasta (sottopasso ferroviario); ) limitatamente a Via Mascagni, è vietato il transito sul tratto stradale di Piazza Pertini e di Via Monteverdi in direzione Piazza Kambo. Su tali strade la circolazione non è assoggettata a restrizioni ed è comunque consentito l’accesso di tutti i tipi di veicoli per raggiungere la più vicina tra le seguenti aree destinate a parcheggio da dove sarà possibile raggiungere le varie zone del centro urbano con i servizi di trasporto pubblico: Piazza Salvo D’Acquisto - Piazza Falcone e Borsellino (piazzale antistante la villa comunale) - Piazza Martiri delle Foibe (parcheggio Questura in via vado del tufo). La limitazione della circolazione, dunque, riguarda le autovetture ed i veicoli commerciali di categoria N1, N2 ed N3 ad alimentazione diesel, di categoria inferiore o uguale ad “euro 3”. Dette limitazioni alla circolazione non riguardano i veicoli adibiti a pubblici servizi, a servizio di persone invalide e comunque autorizzate dal Corpo di Polizia Locale per esigenze speciali, né interessano i veicoli elettrici e a propulsione ibrida.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Frosinone, il sindaco Nicola Ottaviani: con la raccolta differenziata tariffe ridotte del 6,5%
Ammontano a 600 mila euro le risorse che la Provincia di Frosinone mette a disposizione dei Comuni più grandi del territorio, quelli di fascia A, che presentano maggiori criticità in tema di qualità dell’aria per interventi e progetti di contrasto all’inquinamento atmosferico.
Blocco dell'umido alla SAF, il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani: "rifiuti mischiati, ultima follia"
Nell’ultima seduta della giunta Ottaviani, è stata approvata la richiesta di finanziamento da proporre alla Regione Lazio e al Ministero per l’ambiente, sulla scorta delle manifestazioni di interesse pervenute da parte di privati, che intendono riqualificare il sito della ex discarica di via Le Lame. Sull’area, sono presenti attualmente circa 650.000 metri cubi di rifiuti solidi urbani, corrispondenti a circa 70.000 tonnellate di materiale in buona parte mineralizzato, risalente nel tempo, in parte, anche a 20 anni fa.
La prof.ssa Anna Natalia, presidente dell'associazione Anagni Viva, esprime soddisfazione per la decisione del Tar del Lazio di accogliere il ricorso presentato dalla Regione Lazio, annullando la parte del decreto Clini che aveva declassato la Valle del Sacco a sito di interesse regionale, classificandola nuovamente quale sito di interesse nazionale (SIN).