Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

SIN Valle del Sacco; l'associazione Civis di Ferentino: "un esito positivo dell’incontro al palazzo della Provincia, ma ora bisogna passare ai fatti"

22 dicembre 2018

Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa che l’Associazione Civis di Ferentino ha inviato a questa redazione:
 
Riunione del Coordinamento dei Sindaci della Valle del Sacco: positivo l’impegno del Ministero dell’Ambiente
Dalla riunione del Coordinamento dei Sindaci della Valle del Sacco svolta presso la Provincia di Frosinone, è scaturito l’impegno del Ministero dell’Ambiente rappresentato dal Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Dott. Berlenghi e dai funzioni delle Divisioni competenti per il SIN, ad emanare l’Accordo di Programma per i primi interventi urgenti di bonifica entro la fine di Gennaio 2019, fra i quali la ex Cartiera di Ferentino.

La bozza del testo dell’AdP sarà condivisa con le amministrazioni interessate e con le associazioni dei cittadini.

Ugualmente, il Ministero ha rappresentato che il Protocollo per gli interventi edilizi e di altra natura ricadenti nel perimetro del SIN, e che interessa sia i cittadini che le imprese, sarà emanato entro la stessa data.

Inoltre, entro la metà del 2019 sarà licenziato il Regolamento per la caratterizzazione delle aree agricole, altro strumento fondamentale d’intervento.

Infine, il Ministero dell’Ambiente e la Regione Lazio, rappresentata dall’Avv. Eugenio Monaco, hanno chiarito definitivamente l’entità dei fondi disponibili in queste prima fase.

La somma complessiva è pari a 53,6 milioni di Euro di cui:

-10 milioni di Euro stanziati dalla Legge 208/2015;

-11 milioni di Euro per il residui fondi della gestione commissariale del SIN;

-16,3 milioni dei fondi comunitari per lo Sviluppo e Coesione assegnati alla Regione Lazio,

-ulteriori 16,3 milioni di Euro sempre del FSC europeo, assegnati invece al Ministero dell’Ambiente.

Sia l’impegno che i chiarimenti resi costituiscono un esito positivo dell’incontro, ma come rammentato da tutti gli intervenuti, ora bisogna passare ai fatti.

Oltre alle molte associazioni presenti, hanno partecipato alla riunione Civis, il Comitato La Rinascita di Patrica, il Laboratorio Comune Alta Valle del Sacco, il Comitato Residenti Colleferro.

Ferentino, lì 21 Dicembre 2018
Associazione Civis


TI POTREBBERO INTERESSARE

Si terrà oggi pomeriggio, alle 18 nella Sala della ragione del Comune di Anagni una riunione dei sindaci che faranno parte del nascente Coordinamento per l'ambiente.
L’associazione CIVIS di Ferentino ha inviato ai vari enti ed amministrazioni competenti in materia ambientale, la richiesta di avviare i procedimenti per l’individuazione dei responsabili, l’accertamento e l’addebito del risarcimento del danno ambientale, per gli episodi di inquinamento e contaminazione che si sono verificati nel territorio di Ferentino negli ultimi mesi. “Chi inquina paga”, secondo i responsabili di Civis, è un principio che va applicato nel concreto e non come mera dichiarazione d’intenti. L’istanza è pubblicata sul sito web www.civisferentino.eu.
Nella seduta di ieri sera - martedì 28 marzo - il Consiglio Comunale di Patrica ha approvato all’unanimità un ordine del giorno contenente l’impegno ad attuare misure e provvedimenti per escludere la localizzazione nuovi impianti industriali di trattamento e smaltimento di RSU nel territorio del Comune di Patrica. L’odg contiene altresì l’invito all’Associazione Civis ed al Comitato La Rinascita ad intervenire nel procedimento per il nuovo piano regolare PUCG del Comune di Patrica con il fine di proporre in quella sede le norme di moratoria, le quali saranno inserite nella pianificazione urbanistica in corso di redazione.
Il Consiglio Comunale di Anagni approva la delibera per la moratoria sugli impianti per rifiuti: ecco la nota dell'associazione ambientalista CivisDi seguito pubblichiamo integralmente e senza modifiche la nota inviata a questa redazione dai responsabili dell'associazione Civis di Ferentino, che ringraziamo:
"Chi inquina deve pagare"; ad affermarlo - attraverso una nota inviata agli organi di stampa - sono i responsabili dell'associazione Civis, i quali promettono anche che non appena entreranno in possesso delle informazioni e dei documenti necessari per valutare le iniziative da intraprendere, agiranno con determinazione – con “spietata” determinazione - "per conseguire il rispetto di questo principio cardine di tutta la normativa ambientale".