Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

SIN nella Valle del Sacco, la nota di "Anagni cambia Anagni" dopo l'incontro del coordinamento dei sindaci nel palazzo della Provincia di Frosinone

22 dicembre 2018

Relativamente all'incontro tenutosi ieri l'altro nel Salone del palazzo della Provincia di Frosinone del “Coordinamento dei Sindaci della Valle Sacco” sul tema del SIN ed, in particolare, sulle urgenze di attuazione dell' “Accordo di Programma” con la sua dotazione dei fondi di bonifica e rilancio dell'intera Valle, dal gruppo civico "Anagni cambia Anagni" riceviamo la seguente nota che pubblichiamo in forma integrale e senza modifiche:

Una nutrita presenza del MATTM (Ministero dell'Ambiente) con il dr. Tullio Berlenghi, accanto alla partecipazione del dr. Eugenio Monaco della Regione Lazio. ha ascoltato le osservazioni e le richieste dei Sindaci e delle diverse Associazioni, prendendo alcuni impegni concreti in tempi determinati.
Dai comuni di Patrica, Ceccano e Colleferro, in particolare, sono emerse la maggior parte delle criticità e tematiche su cui ogni giorno si confronta anche la nostra città sul piano sociale ed amministrativo:
a) lungaggini ministeriali a fronte di richieste di investimenti innovativi o aggiuntivi di aziende ricadenti in area SIN ed eventuale invocazione del principio del “silenzio assenso”;
b) avvio della caratterizzazione delle aree agricole, come presupposto per poter eventualmente svincolare quelle interdette alle coltivazioni. Regolamento complesso di natura interministeriale;
c) opportunità di nuova occupazione da rivendicare dal processo di disinquinamento;
d) incremento dei fondi dedicati da 36 a 53milioni di euro e loro specifica destinazione, incluso il settore epidemiologico;
e) stesura entro fine mese, da parte del “Coordinamento dei Sindaci”, di un documento da integrare nella Circolare ministeriale che sarà a regolamentare, entro gennaio, i rilasci edilizi in area SIN:
f) censimento di tutti gli scarichi pertinenziali dell'intero “Contratto di Fiume”;
g) preoccupazione e timori per le difficoltà dello smaltimento rifiuti della Capitale e chiara volontà a far valere un regime di moratoria per ogni richiesta di ulteriore trattamento.
Regione Lazio e Ministero dell’Ambiente hanno  replicato punto per punto anche osservazioni avanzate da CIVIS di Ferentino, da Legambiente di Anagni ed in altri interventi.
Un vero peccato che il Sindaco Natalia e l’Assessore al ramo abbiano marcato la loro incomprensibile assenza in un argomento così vitale per la salute ed il benessere economico degli anagnini.
Come Anagni CAMBIA Anagni torniamo a ribadire con forza che l'ambiente, la salute non possono essere confinate in appartenenze politiche che finiscono per  minare la capacità di risoluzione di problemi complessi riducendo, di fatto.  le possibilità di rilancio della nostra città e del suo territorio.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Liste a sostegno della candidatura a sindaco di Nello Di Giulio
Telecamere accese sulla crisi ambientale della Valle del Sacco stamattina, 25 febbraio. Le telecamere erano quelle del Tg Regione. E sono arrivate a Sgurgola, dove si è parlato della situazione ambientale della Valle del Sacco, oramai da anni in stato di emergenza.
“Chi di noi non ha letto in questi ultimi mesi di episodi di scarichi inquinanti lungo il corso del fiume Sacco?”, inizia così la lettera inviata a questa redazione per l’opportuna pubblicazione sul nostro quotidiano dal dott. Nello Di Giulio, consigliere comunale all’opposizione con il gruppo “Anagni cambia Anagni”.
Il sindaco di Anagni ha convocato per domani, mercoledì 5 aprile, a partire dalle 16, il Coordinamento dei sindaci della Valle del Sacco, che si riunirà per l'incontro mensile nell'aula consiliare del Comune di Colleferro.
Il Coordinamento dei sindaci per l'ambiente dei Comuni della Valle del Sacco, che riunisce amministrazioni delle province di Frosinone e Roma, torna ad incontrarsi giovedì 28 aprile alle ore 17.00 a Piglio. Tre i punti inseriti all'ordine del giorno dal coordinatore del gruppo, il sindaco di Anagni Fausto Bassetta: il Sin Valle del Sacco; il Contratto del fiume Sacco; situazione generale del territorio in materia di ambiente e sanità.