Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

SIN Valle del Sacco. Riunione del tavolo dei sindaci al palazzo dell'amministrazione Provinciale di Frosinone; la nota di Legambiente Anagni

21 dicembre 2018

Pubblichiamo di seguito - in forma integrale e senza modifiche - il comunicato stampa inviato a questa redazione dalla dott.ssa Rita Ambrosino (che ringraziamo) del Circolo Legambiente di Anagni:

SIN VALLE DEL SACCO. 20/12/2018 - Riunione del tavolo dei sindaci, presso il palazzo dell'amministrazione Provinciale di Frosinone.

La riunione del Coordinamento dei Sindaci della Valle del Sacco, che ha avuto luogo questa mattina (ieri, per chi legge - ndr) a Frosinone, ci ha visto partecipare come soggetto portatore di interesse invitato ufficialmente.
Alla riunione erano presenti il MATTM, con il Capo della Segreteria Tecnica del Ministro, dott. Tullio Berlenghi, ed altri funzionari competenti per il SIN, la Regione Lazio, con il dott. Eugenio Monaco, responsabile delle Bonifiche, molte amministrazioni Comunali della Valle del Sacco (ricordiamo, tra le altre, Colleferro, Paliano, Morolo, Ferentino, Patrica, Ceccano, Ceprano, Pastena), molte associazioni di cittadini.

Questi i punti principali:
- il dott. Monaco ha ripercorso la storia del SIN, con i vari passaggi che hanno portato alla attuale perimetrazione, formalizzata con D.M. 22/11/2016 e ha comunicato che sono disponibili 53.6 milioni di Euro per le bonifiche, così ripartiti:
-10 milioni di Euro stanziati dalla Legge 208/2015;
-11 milioni di Euro residuo gestione commissariale del SIN;
-16,3 milioni dai fondi comunitari assegnati alla Regione Lazio
-16,3 milioni di Euro di fondi comunitari assegnati al MATTM

- il dott Berlenghi conferma l'impegno del Ministero a condividere con le amministrazioni e le associazioni di cittadini la bozza dell’Accordo di Programma per i primi interventi urgenti di bonifica, come individuati da ISPRA sulla base della documentazione fornita dalle amministrazioni; l'obiettivo è di formalizzare e rendere effettivo l'accordo di programma entro la fine di Gennaio 2019. Per il comune di Anagni l'intervento individuato come prioritario è la bonifica dell'area della Ex Polveriera.

- l'ing. Elisa Guerriero, assessore ambiente del comune di Ceprano, a nome del Tavolo di Sindaci, ha sollecitato il Ministero per la approvazione del Protocollo per gli interventi edilizi e di altra natura ricadenti nel perimetro del SIN, di estremo interesse per cittadini ed imprese. Il MATTM si impegna a emanarlo entro fine gennaio 2019, seguito entro la metà dell'anno dall'altrettanto fondamentale normativa per la caratterizzazione delle aree agricole.
Come associazione, continueremo a seguire le iniziative del Tavolo dei Sindaci per l'ambiente per la Valle del Sacco, che riconosciamo come l'unico serio tavolo di confronto tra le amministrazioni locali e le istituzioni superiori. La battaglia per la bonifica della valle deve essere caratterizzata dal perseguimento del bene comune, a prescindere dal colore politico delle diverse amministrazioni.
___

TI POTREBBERO INTERESSARE

Si è parlato di ecoreati e ritardi nella bonifica della Valle del Sacco nel corso dell'interessante assemblea pubblica organizzata da Legambiente Anagni venerdì 15 gennaio alla sala della Ragione; come spiega Carlo Ribaudo, blogger ed attivista, "è stato un incontro molto interessante che ha avuto un grande successo di pubblico. Si è entrati anche nel vivo del problema dell'inquinamento del nostro territorio, grazie alla partecipazioni di personalità di grande competenza". L'incontro, organizzato da Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni, è stato moderato da Carlo Ruggiero, giornalista.
"Prendiamo atto con soddisfazione dell'adesione del comune di Anagni alla fase iniziale del protocollo del contratto di Fiume per il Sacco", ad affermarlo - in una nota inviata a questa redazione - è la dott.ssa Rita Ambrosino, responsabile di Legambiente Anagni;
Il circolo Legambiente di Anagni, presieduto dalla dott.ssa Rita Ambrosino, esprime solidarietà al sindaco Fausto Bassetta per gli attacchi personali di cui è stato recentemente fatto oggetto; lo fa con un comunicato, il cui testo è pubblicato di seguito integralmente, inviato a questa redazione. Eccolo: L-azione promotrice dello "statuto dei sindaci della valle del Sacco" oppure alla creazione dell-è da fare, come abbiamo già espresso nella nota presentata come -ambiente' lo scorso 30 giugno. Tuttavia, è innegabile il cambio di atteggiamento che incoraggiamo auspicando che possa portare, in tempi rapidi, a migliorare la condizione ambientale e, conseguentemente, la qualità della vita della nostra comunità.
La dott.ssa Rita Ambrosino e la prof.ssa Anna Natalia, rispettivamente presidente del circolo Legambiente Anagni e presidente dell-area dell-area in questione - un serio pericolo di incendio dovuto alla presenza imponente di vegetazione, "la cui crescita - sottolineano Anna Natalia e Rita Ambrosino - non viene più regolata da alcuna attività agricola o di pascolo animale". Il rischio concreto - per Anagni Viva e per Legambiente Anagni - è che con l-ecosistema".
Il “Coordinamento delle associazioni ambientaliste della Valle del Sacco” ha partecipato in Regione Lazio ad un incontro organizzato dall’assessorato regionale all’ambiente. L-incontro era la nuova perimetrazione del S.I.N. (Sito di interesse nazionale) del bacino del Fiume Sacco, su richiesta del ministero dell’ambiente. Com-ambiente, contro la sentenza del TAR che boccia la decisione ministeriale di qualificare l’area da zona di interesse nazionale (S.I.N.) in zona di interesse regionale (S.I.R.), la situazione è complessa e contorta.