Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

#VALOREPLURALE: il Bilancio Sociale della CISL di Frosinone presentato con un bagno di folla

16 novembre 2018

Si è tenuto stamattina in Cassa Edile a Frosinone la presentazione del Bilancio sociale della CISL provinciale, alla presenza di circa 400 persone, tra dirigenti, delegati ed RSU. I lavori sono stati coordinati dalla maestria indiscussa di Alessio Porcu, che ha aperto con la relazione introduttiva del Segretario Generale della CISL di Frosinone, Enrico Coppotelli, e che ha proseguito con il significativo apporto di stakeholder privilegiati: Giovanni Betta, Magnifico Rettore dell’UNICLAM, Antonella Mennella della Fondazione Giulio Pastore, Antonio Pompeo, Presidente dell’Amministrazione provinciale, Francesco De Asngelis, Presidente ASI, Maurizio Ottaviani, Direttore AIPES, Romano Fratarcangeli per ISCOS Lazio, Paolo Terrinoni, Segretario Generale della CISL del Lazio e le conclusioni del Segretario Confederale della CISL Nazionale, Piero Ragazzini.  Un Bilancio Sociale partecipato e condiviso con le dinamiche positive del territorio e che rendiconta il valore aggiunto realizzato e prodotto, in assoluta trasparenza. L’epicentro delle nostre azioni e strategie politico-sindacali è stato sempre ed unicamente la Persona nel Lavoro e nel Territorio, ha dichiarato Coppotelli. La globalizzazione sembrava aver cancellato il territorio ed imposto il primato del singolo e della finanza nei processi di sviluppo. Ma proprio la crisi sta portando alla riscoperta del territorio, come dimensione strategica di competitività del sistema, per la persona e per il lavoro. In questo scenario, non basta agire, ma diventa fondamentale anche la valutazione degli esiti, soprattutto allorquando, le scelte diventano strategiche per la collettività. Un #valoreplurale che vogliamo continuare a misurare e moltiplicare, conclude Coppotelli.
La versione integrale della pubblicazione è consultabile sul sito: www.cislfrosinone.it
 
Ufficio Stampa e Comunicazione CISL di Frosinone


TI POTREBBERO INTERESSARE

"Sicurezza: il cuore del Lavoro": a Isola del Liri CIGL, CISL e UIL celebrano la festa dei Lavoratori è stato il tema dell'evento organizzato da CIGL, CISL e UIL a Isola del Liri in occasione della festa dei Lavoratori. Il corteo, partito alle ore 9.00 da piazza Boncompagni, si è snodato lungo le vie cittadine per poi terminare con un comizio al quale è intervenuto Paolo Terrinoni, segretario generale CISL Lazio.
Quest’anno una della più importanti manifestazioni in occasione della festa dei Lavoratori si è tenuta ad Isola del Liri ed è stata organizzata dalle tre sigle sindacali CIGL, CISL e UIL. Il corteo ha attraversato le vie della città al grido di "più valore al lavoro. Contrattazione, occupazione, pensioni”, parole d’ordine, queste, scelte per celebrare il 1° maggio.
Sciopero in contemporanea per cinque punti vendita COOP (Cisterna, Formia, Fiuggi, Frosinone e Terracina) per dire no all'affitto di ramo d'azienda. La decisione di affidare a terzi la gestione dei supermercati non convince le organizzazioni sindacali né tantomeno i lavoratori che, sabato, hanno incrociato le braccia supportati dalle rispettive sigle di riferimento: Fisascat CISL, Filcams CIGL, Uiltcs. “No al franchising, la Coop non può svenderci al privato”, questo il grido dei tanti dipendenti che hanno scioperato per contestare l’operazione che riguarderà nelle prossime settimane i punti vendita del Basso Lazio. Preoccupati i sindacati: "si tratta di una decisione che penalizzerà ulteriormente i dipendenti". Emblematico lo striscione affisso fuori da uno dei supermercati in sciopero: “La Coop non sei più tu”.
Prosegue anche a Ferentino, tra le bancarelle del mercato settimanale di via Paolo Borsellino, la raccolta delle firme per la proposta di legge di iniziativa popolare sulla Carta dei diritti universali, organizzata da CIGL, CISL e UIL. L'iniziativa si svolgerà sabato prossimo 7 maggio dalle ore 8.30 alle ore 13.00. Nel pomeriggio, inoltre, sarà possibile firmare nella sede SPI CIGL di via XX settembre. Insieme alla Carta sono proposti anche tre requisiti referendari su le norme che limitano le sanzioni e il reintegro in caso di licenziamento illegittimo, le norme che limitano la responsabilità solidale negli appalti, il lavoro accessorio. La campagna per la raccolta delle firme, che durerà sei mesi, era stata lanciata alcune settimane fa in concomitanza con i festeggiamenti per i 120 anni della confederazione.
Più investimenti per rilanciare il territorio e per dare maggiori opportunità di crescita alla provincia di Frosinone; è stato questo il tema al centro dell'attivo unitario che si è tenuto nei giorni scorsi nel salone di rappresentanza del Palazzo della Provincia fra le tre sigle sindacali confederali, CIGL, CISL e UIL, rispettivamente rappresentate da Enrico Coppotelli, Anselmo Briganti e Gabriele Stamegna. Tra gli argomenti affrontati, quello della riforma delle pensioni e delle politiche giovanili da mettere in campo per il lavoro; non sono mancati poi cenni alle misure di welfare da adottare e a quelle da mettere in campo per rendere migliore la sanità ciociara, che in questi ultimi anni sta cadendo in un triste e lento declino. L'argomento principale che è stato trattato, comunque, è stato quello relativo alla necessità di creare una sorta di marketing territoriale in grado di promuovere ed incentivare gli investimenti in provincia di Frosinone. Per raggiungere questo obiettivo si dovrà necessariamente puntare sulla zona franca urbana per il sorano, area di crisi industriale, complessa e non complessa, la vendita della Vdc e lo stabilimento FCA, stando a quanto suggerito dai tre sindacalisti. Il resto del lavoro può farlo solo la politica.