Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Guardia di Finanza di Frosinone. Cambio al vertice: il col. Alessandro Gallozzi prende il posto del col. Luigi Carbone

28 giugno 2018

Il 28 giugno 2018, presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di  Frosinone, alla  presenza  del  Comandante Regionale  Lazio,  Gen. C.A. Bruno  Buratti,  si  è  svolta  la cerimonia  del  passaggio  di  consegne  tra  il Col.  t.ST  Luigi  Carbone  e  il Col.  t.ISSMI Alessandro Gallozzi. Il Col. t.ISSMI Alessandro Gallozzi subentra al Col. t.ST Luigi Carbone, che per due anni è stato  al vertice  delle Fiamme Gialle  ciociare,  coordinando  i  vari  Reparti  e  dirigendo numerose e importanti inchieste nei diversi settori operativi. Il Col. t.ST Luigi Carbone, destinato in Puglia, quale Comandante Provinciale di Lecce, nel saluto di commiato ha inteso ringraziare l’intera cittadinanza per la preziosa collaborazione assicurata al Corpo e soprattutto i Finanzieri della Provincia di Frosinone, che con grande dedizione,   attaccamento   al   dovere  e   professionalità   hanno   consentito   al   Comando Provinciale  di  Frosinone  di  raggiungere  risultati  di  servizio,  in  tutti  i  comparti  operativi,  di grande rilievo. Il nuovo Comandante Provinciale, Colonnello t.ISSMI Alessandro Gallozzi, ha ricoperto nel corso della sua carriera sia prestigiosi incarichi in Reparti operativi del Corpo (Tenenza di Mondragone -CE-,  Nucleo  Polizia  Tributaria  di  Venezia,  Nucleo  Centrale  di  Polizia Tributaria  di  Roma,  Nucleo  di  Polizia  Tributaria  di  Cagliari),  dove  ha  svolto  rilevanti indagini  di  polizia  economico  finanziaria  e  di  polizia  giudiziaria  nei  settori  del  contrasto all’evasione  fiscale  nazionale  ed  internazionale,  alle  frodi  nel  settore  della  spesa pubblica, al riciclaggio e alla criminalità organizzata, sia rilevanti incarichi di staff presso il Comando Generale  del Corpo  (presso l’Ufficio Programmazione Finanziaria e Bilancio e, da ultimo, quale Comandante del Quartier Generale della Guardia di Finanza). Laureato in Giurisprudenza e in Scienza della Sicurezza economico - finanziaria, è insignito del  titolo  di  alta  qualificazione  “Istituto  Superiore  di  Stato  Maggiore  Interforze”,  ha conseguito il Master di II° Livello in Diritto e Tecnica degli Appalti Pubblici, presso la Libera Università   degli   Studi   Maria   SS.   Assunta   (LUMSA)   di   Roma,   il   Master   in   Studi Internazionali  Strategico - Militari,  presso  la  Luiss  di  Roma  ed  il  Master  di  II°  livello  in “Strategia Globale e Sicurezza” presso l’Università degli Studi di Torino. Da  ultimo,  ha frequentato il 69° Corso presso l’Istituto Alti Studi per la Difesa (IASD). È insignito  della  medaglia  mauriziana  al  merito  dei  dieci  lustri  di  carriera  militare,  della Medaglia d’oro al merito di lungo Comando e della Croce d’oro per anzianità di servizio. Nel  discorso  d’insediamento, il  Colonnello Gallozzi ha  assicurato  impegno, dedizione, collaborazione costante con le altre istituzioni presenti sul territorio, per fare in modo che le Fiamme Gialle possano continuare a fornire il proprio contributo nell’affermazione della legalità  economica  in  tutta  la  provincia  di  Frosinone,  salvaguardando  così tutti  quei cittadini che vivono nel rispetto delle regole. Il Comandante  Regionale  Lazio,  infine, ha  avuto  parole  di  apprezzamento  per  il  lavoro svolto dal Col. Carbone durante il suo periodo di permanenza a Frosinone, ed ha rivolto il proprio benvenuto al Col. Gallozzi augurandogli buon lavoro.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Questa mattina è stato firmato il contratto di comodato gratuito tra il Comune di Anagni e la Guardia di Finanza che permetterà alla locale Brigata delle Fiamme Gialle di trasferirsi nell'ex tribunale di via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il contratto prevede la cessione in comodato d'uso gratuito di locali per venti anni e risolve la difficoltà della Guardia di Finanza di reperire locali adeguati per svolgere un importante servizio per la città. Contestualmente il Comune ottimizza gli spazi dell'ex tribunale, dove già si trova la Polizia Locale, destinato a diventare una cittadella della sicurezza. Il contratto è stato firmato alla presenza del sindaco Fausto Bassetta, del comandante provinciale della Finanza, colonnello Roberto Piccinini, e del comandante della Brigata di Anagni, luogotenente Carlo D'Onorio. I vertici della Guardia di Finanza hanno espresso viva soddisfazione per l'accordo raggiunto con il Comune di Anagni. Sempre questa mattina sono iniziate le operazioni di trasferimento degli uffici.
Avevano la disponibilità di un patrimonio milionario ma per il fisco erano nullatenenti. E’quanto emerso nei confronti di due soggetti di etnia rom di Frosinone, già condannati per usura e rapina e finiti sotto la lente degli investigatori del Nucleo Pol izia Tributaria della Guardia di Finanza di Frosinone. Gli immobili di ingente valore, i terreni, numerosi conti correnti e denaro liquido nella loro disponibilità, acquisiti a partire dagli anni '90, hanno indotto le Fiamme Gialle ad avviare indagini patrimoniali, coordinate dalla Procura della Repubblica di Frosinone, al fine di verificare la legittima provenienza dei capitali.
Un maxi blitz della Guardia di Finanza, partito questa mattina all'alba, sta interessando in queste ore anche la provincia di Frosinone; tra gli indagati finiti nel mirino delle Fiamme Gialle e accusati, a vario titolo, di peculato, falso ideologico e abuso d’ufficio ci sarebbe anche un funzionario del Comune di Anagni, residente dalle parti di Ferentino.
False fatturazioni, mancato versamento dell-Anagni Calcio. I reati contestati si riferirebbero al periodo in cui l'uomo era a capo della squadra di calcio anagnina.
Non è passato inosservato - questa mattina, martedì 28 agosto - l’arrivo di alcuni militari della Guardia di Finanza presso la sede municipale di Anagni; i militari della Guardia di Finanza, nell’ambito di una attività di indagine delegata dalla Corte dei Conti, stanno acquisendo numerosi documenti per riscontrare presunte irregolarità nella gestione del denaro pubblico,