Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Valle del Sacco: insediamento della segreteria tecnico/organizzativa Contratto del Fiume Sacco; la nota di Ina Camilli, rappresentante Comitato Residenti Colleferro

16 giugno 2018

A Ceprano, il 22 giugno 2018, proseguirà il processo partecipativo per il recupero del bacino idrografico del fiume Sacco e dei territori della valle con l’insediamento della Segreteria tecnico organizzativa, costituita da esperti, indicati da ognuno dei firmatari - soggetti istituzionali e sociali – del Manifesto di intenti.
Sono state convocate le realtà territoriali, pubbliche e private, e le Amministrazioni comunali della provincia di Roma e Frosinone (Anagni, Arce, Artena, Castro dei Volsci, Ceccano, Ceprano, Colleferro, Falvaterra, Ferentino, Frosinone, Gavignano, Morolo, Paliano, Pastena, Patrica, Pofi, Segni, Sgurgola, Supino, Valmontone, Acuto, Carpineto Romano, Fumone, Piglio Serrone).
Il contratto di fiume è frutto di un lungo iter che porterà a pianificare gli interventi e poi ad attuare il concreto risanamento dello stato di qualità delle acque del fiume Sacco. Esso può divenire un’iniziativa strategica fondamentale, trasformando il Sacco da veicolo di inquinanti delle matrici ambientali – così ridotto dall’incuria e da sciagurate politiche di sfruttamento industriale del territorio – a cuore pulsante del nostro patrimonio naturale.
Perché con questo strumento volontario e facoltativo, che hanno scelto di darsi i soggetti istituzionali e sociali del territorio, si sta progettando il recupero di un capitale naturale inestimabile, in grado di trasformare positivamente la pessima condizione ambientale e sanitaria del territorio, anche e soprattutto in termini di salute pubblica, come già avvenuto in altre regioni o comprensori.
Infatti, i contratti di fiume sono iniziative ormai codificate ed avviate a livello europeo, sulle quali si concentrano interventi ed anche fondi, risorse finanziare ed investimenti.
Con il contratto di fiume non si ci limita alle bonifiche ed al risanamento idrogeologico –indispensabili e urgenti per lo stato del bacino del Sacco perimetrato dal 2005 come SIN (Sito di Interesse Nazionale) - ma si declina un modello di gestione del capitale naturale che recupera funzioni, attività, potenzialità del territorio, ricchezze locali.
 
L’altra innovazione è costituita dal fatto che al contratto di fiume lavoreranno e hanno un ruolo attivo non solo gli enti pubblici competenti ma anche comitati e associazioni e quindi direttamente i cittadini. Le scelte, i contenuti e gli interventi saranno il frutto di un percorso partecipativo strutturato e costante, di una condivisione che è parte integrante di tutto l’iter.
Al contratto di fiume possono aderire, oltre ai promotori, i vari attori territoriali perché una delle sue finalità è il coinvolgimento e accrescimento dei sostenitori nella comunità locale.
 
Un punto fondamentale per la rinascita dell’area, avendo scelto un modello di sviluppo delle attività produttive sostenibile e compatibile con il contesto territoriale, è la liquidità di fondi.
Al primo passo organizzativo che si sta realizzando si deve ora associare quello economico: la Regione Lazio deve dimostrare responsabilità mettendo a disposizioni risorse congrue, dando in tal modo concretezza agli sforzi fin qui compiuti dai promotori, e dando altresì prova che vuole lasciarsi alle spalle i tanti progetti inattuati.
Nel bilancio e nella legge di stabilità 2018 approvati all’inizio di giugno tuttavia non risultano appostate specifiche risorse – neanche per un importo simbolico - a favore del contratto di fiume e questa “dimenticanza” della Regione Lazio deve essere recuperata e reclamata dai promotori nelle prossime misure finanziarie per non rallentare il lungo e serio lavoro che ci ha portato fino a questo punto.
 
Colleferro, 15.6.2018
Ina Camilli
Rappresentante Comitato residenti Colleferro


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il Comune di Anagni, tra i primi in provincia di Frosinone, con una delibera di Giunta ha approvato il protocollo d'intesa per l'adesione al “Contratto di Fiume Sacco”. Se ne era parlato in uno dei recenti incontri del Coordinamento dei sindaci della Valle del Sacco, di cui il sindaco Fausto Bassetta è coordinatore, come di una opportunità per valorizzare un'area fortemente compromessa dal punto di vista ambientale. I Comuni, delle province di Frosinone e Roma, che fanno parte del Coordinamento, hanno concordato sulla necessità di aderire
Il Coordinamento dei sindaci della Valle del Sacco, formato da oltre venti Comuni delle province di Frosinone e Roma, torna a riunirsi venerdì 5 maggio alle ore 18.00 nell'aula consiliare di Ceprano. Due i punti all'ordine del giorno: Sottoscrizione del manifesto di intenti del Contratto di Fiume del bacino idrografico del Sacco; Proposta di definizione dell'Ambito di Bacino Idrografico Sacco in attuazione della Legge Regionale n. 5/2014 "Tutela, governo e gestione pubblica delle acque".
Articolo pubblicato sul sito di Legambiente Anagni sul convegno "Verso il contratto di fiume del Sacco"
Il Coordinamento dei sindaci per l'ambiente dei Comuni della Valle del Sacco, che riunisce amministrazioni delle province di Frosinone e Roma, torna ad incontrarsi giovedì 28 aprile alle ore 17.00 a Piglio. Tre i punti inseriti all'ordine del giorno dal coordinatore del gruppo, il sindaco di Anagni Fausto Bassetta: il Sin Valle del Sacco; il Contratto del fiume Sacco; situazione generale del territorio in materia di ambiente e sanità.
Primo atto ufficiale, venerdì pomeriggio nell'aula consiliare di Ceprano, verso il Contratto di fiume per il bacino idrografico del Sacco. Lo hanno sottoscritto venti Comuni che fanno parte del Coordinamento dei sindaci della Valle del Sacco, firmando il Manifesto di Intenti e costituendo il Comitato di promotore.