Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

L’azienda orafa Boccadamo di nuovo nel mirino dei malviventi: in tre entrano nello show room della nota azienda di gioielli in zona ASI e fanno razzia di gioielli

7 maggio 2018

A quasi tre mesi dall’ultimo furto, dall’ultimo furto, nella notte di sabato 5 Maggio, intorno alle 22.50, tre malviventi sono riusciti ad introdursi all’interno della nota azienda di gioielli, scavalcando il muro di cinta. Nonostante l’irruzione di febbraio abbia spinto Tonino Boccadamo ad innalzare il livello dei sistemi di sicurezza, i tre malfattori sono riusciti a forzare la pesante porta in metallo della sala riunioni e ad entrare nei locali, trafugando i gioielli in argento esposti nelle vetrine. Il colpo è durato pochi minuti, grazie al tempestivo intervento delle forze dell’ordine, allertate dall’efficiente sistema di allarme della Boccadamo. I tre, di cui due dal volto coperto da passamontagna, mentre l’altro a viso scoperto sembrerebbe di colore, sono riusciti a fuggire, lasciando dietro di loro danni per circa 9 mila euro. Non essendo infatti riusciti ad entrare nella gioielleria e insoddisfatti del bottino, hanno distrutto gli arredi e tutto ciò che avevano sotto tiro, con una violenza ingiustificata.
Boccadamo ringrazia ancora una volta le Forze dell’Ordine che sono intervenute in tempo di record, ma nello stesso tempo, pone sotto i riflettori la questione dello stato di degrado dell’area industriale e del pericolo che ne deriva per le realtà imprenditoriali della zona e per i tanti lavoratori che, quotidianamente, la percorrono per raggiungere il posto di lavoro.
“Lancio un appello a tutte le autorità territoriali competenti – ha commentato Tonino Boccadamo all’indomani dell’irruzione - affinché si ponga sotto giusta sicurezza l’intera area industriale, per il bene di chi, con tanti sacrifici, continua a credere in questo territorio, investendo su di esso”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Furto da oltre 20.000 euro verificatosi ad Anagni nella notte tra giovedì e venerdì scorso. Ad essere colpita dai ladri una officina della città dei papi.
Ennesimo furto di rame alla Sistema Compositi. Questa notte, poco dopo, le 4 i carabinieri hanno intercettato un’auto che si allontanava velocemente dallo stabilimento.
I Carabinieri sventano un furto in un'azienda di caffè nella zona industriale di Anagni; refurtiva interamente recuperata ma i ladri, complice l'oscurità della notte, si danno alla fuga
Ancora un furto ai danni del supermercato Coop di via Cerere Navicella ad Anagni; nella notte tra sabato e domenica, i ladri sono penetrati all-interno. I Carabinieri della Compagnia di Anagni agli ordini del cap. Giovanni Camillo Meo sono sulle tracce di coloro che hanno portato a compimento il furto.
Una casa del centro di Anagni, in viale Regina Margherita, è stata “visitata” dai ladri nella notte tra l'8 ed il 9 marzo. Secondo quanto riferiscono i carabinieri della compagnia di Anagni il furto si sarebbe verificato in piena notte.