Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone: alla presenza della prefetta dott.ssa Emilia Zarrilli accese le luminarie artistiche natalizie

3 dicembre 2017

La riscoperta delle tradizioni e dell'identità sarà celebrata, durante il periodo natalizio, dalle luminarie ispirate al tema "Frosinone città dei campanili", inaugurate domenica in via Aldo Moro e in Corso della Repubblica alla presenza di S. E.  il Prefetto, Emilia Zarrilli, e del sindaco, Nicola Ottaviani. All'evento sono intervenuti, inoltre, gli assessori Antonio Scaccia e Rossella Testa e le consigliere Isabella Diamanti e Sara Bruni. Presente, con un proprio rappresentante, anche la società Meta Lux di Roccasecca 

Il capoluogo, con la sua torre campanaria, diviene così il simbolo stesso della storia, dell'identità e delle origini del nostro territorio, nonché un elemento di coesione dei 91 comuni della provincia, ognuno dei quali è unico e peculiare. 

L'iniziativa, ideata dal sindaco, Nicola Ottaviani, è stata realizzata in collaborazione con gli assessorati al commercio e al centro storico. Tenuto conto delle molte adesioni riscontrate da parte dei titolari delle attività commerciali, si preannuncia un aumento del numero dei percorsi pedonali, decorati dagli ornamenti luminosi, già dai prossimi giorni, con l'allargamento dell'iniziativa nei pressi di alcune chiese e attorno ad altre strade della zona bassa e della zona alta del capoluogo.

"Le luminarie di Natale sono testimonianza di un forte senso di appartenenza che trova espressione in questo campanile stilizzato - ha dichiarato il Prefetto Zarrilli - È il simbolo di un territorio coraggioso, tenace, operoso che, anche grazie a questo elemento identitario e alle radici saldamente ancorate in una storia millenaria, conserva dentro di sé la motivazione per andare avanti anche nei momenti difficili. Con il sindaco, Nicola Ottaviani, abbiamo voluto inaugurare una nuova tradizione di arte e di luce per il nostro territorio”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, si è rivolto al Prefetto di Frosinone, dottoressa Emilia Zarrilli, per ottenere il rispetto delle regole che disciplinano la permanenza sul territorio provinciale dei profughi, sia per ragioni di ordine pubblico generale, sia per la tutela della dignità degli stessi soggetti interessati in prima persona dalle ultime migrazioni. Il tema, in realtà, è uno dei più dibattuti a livello nazionale , non privo di implicazioni che investono la sfera politica, morale, sociale e della sicurezza, a livello collettivo e individuale.
Con una lettera inviata al sindaco, Natale Nucheli, il prefetto di Frosinone, S.E. Emilia Zarrilli, si è ufficialmente complimentata per l'intevento effettuato dal sindaco nei confronti dei giovani responsabili di alcuni danneggiamenti in paese ovvero, come ricorda il Prefetto, “di impegnarli in lavori di pubblica utilità, facendo loro effettuare pulizie di giardini, piazze, parchi e strade per il decoro del paese”. “Tale iniziativa – scrive la Zarrilli – è da ritenersi meritevole e degna di considerazione e, nell'esprimere vivo compiacimento, auspico che la stessa possa essere da esempio anche per altre amministrazioni comunali”. "Ringrazio il Prefetto per l'attestato di riconoscimento - commenta Nucheli - e ribadisco l'intenzione strettamente educativa che vuole avere questo tipo di approccio ad un problema che, quando c'è la collaborazione dei genitori, può essere risolto in modo pratico, senza gravare economicamente sulle tasche delle famiglie".
Frosinone, bimbi in difficoltà al Mondo di Babbo Natale.
Una giornata speciale quella trascorsa domenica a Serrone, splendido paesino ai piedi del Monte Scalambra, che magicamente si è ha animato con la 19esima edizione del presepe etnografico a grandezza naturale realizzato grazie all'impegno e alla passione dei giovani dell’Associazione Culturale "Serr.One1"; per tutta la giornata tantissime sono state le persone che hanno camminato lungo tutto il centro storico del paese ove è stato allestito il presepe; tra queste c'era anche la dott.ssa Emilia Zarrilli, prefetto di Frosinone, accompagnata dal sindaco di Serrone Natale Nucheli e dall'assessore comunale Bruno Pagliaro, rimasta favorevolmente impressionata dalle splendide coreografie. Prima della passeggiata per il centro del paese, la dott.ssa Zarrilli si è recata in visita alle cantine di Giovanni Terenzi, per conoscere più da vicino questa importante realtà produttiva del territorio.
"Invito il Sindaco di Ferentino a non criticare Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone, ma di prenderne esempio"; ad affermarlo è Marco Valeri, consigliere comunale di Forza Italia a Ferentino, per il quale, il sindaco di Frosinone va ringraziato per la celere emanazione dell'ordinanza comunale per combattere la prostituzione sul proprio territorio comunale. "Rispetto a Pompeo, più volte sollecitato in tale senso - spiega Valeri - Ottaviani ha avuto la prontezza di emanare subito l'ordinanza prima della pausa ferragostana spronando in questo modo i sindaci dei comuni limitrofi ad attivarsi". Pertanto, afferma ancora Valeri rivolgendosi al sindaco di Ferentino, "caro Antonio Pompeo, anche in questo caso si è notata a livello provinciale la tua inefficienza amministrativa. Se non ci fosse stato l'intervento celere di Ottaviani, chissà "manco a Natale" avremmo avuto questa ordinanza. Pertanto caro sindaco, prendi esempio da Ottaviani che "sa cantare anche senza sparito" mentre tu "stoni anche con lo spartito".