Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

29 enne denunciato dalla Polizia di Stato per sequestro di persona

10 agosto 2017

Stanchi delle continue angherie e dei persistenti soprusi, due fratelli – 32 anni lui, 30 anni lei con invalidità del 100% - riescono a scappare dalla loro “prigione” e contattare l’ assistente sociale che li accompagna presso gli Uffici della Questura per denunciare il loro calvario.
 L’aguzzino è il fratello minore, un uomo di 29 anni che, dopo la morte della madre, li aveva segregati in casa, impedendo loro di uscire, serrando il cancello d’uscita con catena e lucchetto.

 Le due vittime erano anche costrette a vivere in condizioni igieniche precarie e a mangiare soltanto i resti del cibo che il vessatore consumava con la fidanzata, una ragazza di origini albanesi.
Il “carceriere” aveva instaurato con i due fratelli un rapporto di supremazia psicologica : intimoriti dalle costanti minacce, il 32enne e la 30enne erano stati costretti a consegnargli il libretto dei risparmi e la pensione di 275 euro percepita dalla donna.
Nel periodo della “prigionia” i due però non hanno perso la speranza di riuscire a fuggire da quel calvario e studiano un piano per evadere, sfruttando il brevissimo tempo in cui il fratello usciva per acquistare le sigarette.
Trovata la chiave del cancello, si sono aperte le porte della libertà.
Scattano tempestivamente le indagini ed il P.M. della Procura della Repubblica di Frosinone dr. Adolfo Coletta dispone la perquisizione domiciliare.
 Gli agenti della Squadra Volante rinvengono la catena ancora attaccata al cancello ed accertano, come riferito dalle vittime, le precarie condizioni igienico sanitarie dell’abitazione. Per il fratello – carceriere scatta la denuncia per sequestro di persona. Sono in corso accertamenti per valutare la posizione della fidanzata albanese nella vicenda.
 
 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Si è tenuta martedì 29 novembre l’udienza di convalida del fermo di polizia giudiziaria a carico del trentacinquenne di Anagni che, il 26 novembre scorso, dopo aver provocato l’incidente nel quale era rimasto ferito l ‘Ispettore della Polizia di Stato Roberto Mastracco, si era dato alla fuga. Il Giudice Pierandrea Valchera, accogliendo la richiesta del Sostituto Procuratore dr. Adolfo Coletta, ha disposto a carico dell’uomo, la misura cautelare degli arresti domiciliari.
Un’articolata e complessa attività d’indagine degli uomini del Commissariato di Fiuggi, diretti dal dr. Sergio Vassalli, con l’ausilio della Squadra Mobile della Questura, ha consentito di individuare quattro persone coinvolte a vario titolo nelle risse scoppiate nelle ultime sere nella centralissima Piazza Spada. Dopo le risse che avevano generato notevole allarme sociale, una tempestiva, complessa ed articolata attività di indagine dei poliziotti del Commissariato di Fiuggi, con l’ausilio della Squadra Mobile di Frosinone e coordinata dal P.M. della Procura della Repubblica di Frosinone dr. Adolfo Coletta, ha portato all’individuazione dei primi quattro responsabili.
Venerdi 13 marzo, alle ore 10.30, nel Teatro Comunale di Fiuggi si terrà il concerto "Note di Legalità" tenuto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato. Interverranno il vice Capo della Polizia e Direttore Centrale della Polizia Criminale Dott. Della Rocca ed il Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli. A fare gli onori di casa il Questore di Frosinone Dott. Santarelli; seguirà l'intervento sul-cyber bullismo della Dott.ssa Cosentino del Compartimento Polizia Postale e della Dott.ssa Pagliarosi, Psicologo della Polizia di Stato.
Alle 21.00 di ieri quando il centro operativo della Polizia di Stato dirama un comunicato di ricerca di un giovane napoletano allontanatosi da casa con intenti suicidi; poche ore prima i famigliari avevano sporto denuncia fornendo il numero di telefono del ragazzo. Immediate sono scattate le ricerche e, tramite il localizzatore gps, gli uomini delle Forze dell’Ordine hanno captato il segnale del cellulare sulla autostrada A1 altezza Pontecorvo.
Si era allontanato dalla comitiva con cui era in visita a Firenze ma è stato rintracciato dalla Polizia Municipale. Il protagonista della vicenda è un turista polacco. Ieri sera, martedì 6 ottobre, intorno alle 23.30 una pattuglia del reparto sicurezza urbana ha notato in centro un uomo in stato confusionale. Accompagnato al Corpo di Guardia di Palazzo Vecchio, dai controlli effettuati è risultata una denuncia di scomparsa presentata al Commissariato di Fiuggi. L’uomo, un turista polacco di 55 anni, si era allontanato dalla sua comitiva mentre stava visitando Firenze. Dopo una serie di ricerche infruttuose, il gruppo era rientrato a Fiuggi dove era alloggiato. Qui la guida aveva presentato la denuncia di scomparsa. Dopo tutti gli accertamenti, il turista è stato accompagnato in una struttura del Comune per la notte. Stamani la polizia municipale, dopo averlo munito di biglietto ferroviario, lo ha accompagnato al treno diretto a Fiuggi: alla stazione ad attenderlo, la guida e la moglie.