Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Riqualificazione Scalo di Frosinone: il sindaco Nicola Ottaviani impegnato in un vertice con le Ferrovie dello Stato

21 febbraio 2017

Il programma di riqualificazione urbanistica per l’intero comparto della zona Scalo, approvato dall’amministrazione Ottaviani, sta procedendo con l’adozione degli atti di competenza degli altri enti, come il Demanio e le Ferrovie dello Stato, chiamati a compartecipare per l’attuazione della rivisitazione strutturale e architettonica dell’area. A tal proposito, per giovedì prossimo, presso l’ufficio tecnico del Comune di Frosinone, si terrà il vertice convocato dal sindaco, Nicola Ottaviani, con i responsabili della società Sistemi Urbani, l’azienda di sviluppo immobiliare di Ferrovie dello Stato, allo scopo di integrare le risorse pubbliche e private che, unitamente al restyling completo della stazione ferroviaria, prevedono il completamento della grande piazza, con l’inserimento di alcune volumetrie commerciali e relativi portici, sul modello delle nuove aree attrezzate poste all’esterno delle stazioni ferroviarie delle grandi città italiane. Il Comune di Frosinone, infatti, concorrerà alla ripartizione dell’importo di circa 2 miliardi di euro, indicato dalla legge sulla riqualificazione delle periferie, che prevede, nel corso del 2017, l’erogazione di circa 18 milioni di euro, per la modernizzazione dell’architettura e dei servizi, sia della zona Scalo che dell’intera fascia di periferia urbana. La complessa operazione pubblico-privato è stata resa possibile grazie alla delocalizzazione del vecchio deposito Cotral, spostato dall’amministrazione Ottaviani due anni fa, proprio per permettere il recupero ambientale e sociale del contesto dello Scalo. Sempre nel quadro della definizione dell’assetto generale, la scorsa estate è stato inaugurato il primo step della nuova piazza, prospiciente la chiesa della Sacra Famiglia, insieme alla realizzazione della nuova area giochi e della zona verde, disegnata per rendere più accogliente l’intero contesto urbano, adeguandolo ai livelli di un moderno capoluogo.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha commissionato all’Accademia di Belle arti di Frosinone un progetto rivoluzionario in materia di riqualificazione dei tunnel e dei sottopassi presenti in città. Partendo dal presupposto che le zone scarsamente illuminate, presenti a ridosso della ferrovia, o anche nella zona alta, come il tunnel di viale Roma o quello di Sant’Antonio, costituiscano, alcune volte, elementi di criticità per la sicurezza dei cittadini, oltre a rappresentare aree di disagio urbano, è stato ideato il progetto definito “Il buio a colori”, una innovazione architettonica e strutturale che produce il risultato di rigenerare completamente i tratti stradali interessati.
Frosinone, piazza allo Scalo: trasferiti gli edifici
Questa mattina, nell’aula consiliare del comune di Frosinone, è stata sottoscritto l’Accordo di valorizzazione inerente al compendio immobiliare denominato "Ex Stefer - Piazzale Kambo". Il documento è stato firmato alla presenza del Segretario regionale del Mibact, dott. Leonardo Nardella e dell'arch. Paolo Saracini (Mibact), del direttore regionale dell’Agenzia del Demanio, dott. Massimiliano Iannelli, e del responsabile sviluppo servizi del medesimo ente, il dott. Eugenio Chiazzolla, oltre che, naturalmente, del sindaco di Frosinone, avv. Nicola Ottaviani. In rappresentanza della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti, è intervenuta l'arch. Anna Ciavardini.
È iniziata la riqualificazione dei sottopassi cittadini presenti in città, unitamente ai tunnel presenti, sia nella parte alta che in quella bassa. Il progetto ideato dall'amministrazione Ottaviani, denominato "Il buio a colori", sarà realizzato in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Frosinone. Il primo tunnel oggetto del restyling creativo operato dagli studenti e dai docenti dell'istituto, che ha sede nel palazzo Tiravanti, è quello che collega corso Lazio a via Puccini, nella zona Scalo.
È iniziata, da questa mattina, la seconda fase dei lavori del progetto "Il buio a colori", che si concluderà entro il 20 maggio, con la riqualificazione del sottopasso ferroviario che collega corso Lazio a via Puccini, realizzata dall’amministrazione Ottaviani in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Frosinone. Proprio dalla zona Scalo è stato avviato il restyling dei sottopassi cittadini presenti in città che, unitamente agli altri tunnel del capoluogo, saranno inclusi nel progetto, unico in Italia, ideato dall’amministrazione.