Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone, coltivazioni distrutte dal gelo. Coldiretti Lazio chiede all'ente regionale il riconoscimento dello stato di calamità naturale

12 gennaio 2017

Agricoltura in ginocchio per effetto delle gelate siberiane che hanno devastato le campagne. La Coldiretti ha chiesto alla Regione Lazio di attivare la procedura per la dichiarazione dello stato di calamità naturale “anche per ottenere condizioni agevolate per il credito agrario e l’esonero parziale dei contributi previdenziali e assistenziali per gli imprenditori ed i loro dipendenti”. “Chiediamo ai comuni colpiti dalle avversità come anche all’amministrazione provinciale – scrivono Vinicio Savone e Paolo De Ciutiis, presidente e direttore della Coldiretti di Frosinone – di inoltrare in Regione analoga sollecitazione per sostenere l’istanza del settore produttivo agricolo anche con la forza delle singole realtà territoriali”. Si contano, dal nord al sud della Ciociaria, centinaia di ettari di coltivazioni a campo aperto bruciate dal gelo. Persi interi raccolti di finocchi, scarole, broccoli. I danni nel Lazio ammontano, da una prima stima elaborata sulla base delle segnalazioni finora raccolte dalle federazioni provinciali della Coldiretti, a decine di milioni di euro. Resta critica la situazione nelle serre dove gli agricoltori devono, come nel caso dei floricoltori di Pofi, tenere acceso il riscaldamento anche di giorno, con un forte aggravio dei costi di produzione. Attenzione alle speculazioni, già in agguato. I prezzi degli ortaggi sono aumentati in media del 200% dal campo alla vendita, anche perché sono crollati i quantitativi di verdure e ortaggi reperibili sul mercato. Alcuni prodotti, almeno quelli coltivati in Italia, risultano oggi introvabili. Disponibilità ridotte per cavoli e zucchine, con inevitabili rifessi sui prezzi. Secondo le rilevazioni del Centro agroalimentare (Car) di Roma i rincari più marcati sono quelli delle bietole (+350%), degli spinaci (+225%), della lattuga (170%), dei cavoli (+150%). “Prima di acquistare – suggerisce Coldiretti ai consumatori - verificate l'origine di frutta e ortaggi, scegliete quelli di provenienza locale, evitate quelli importati. Per fugare dubbi sulla freschezza fate spesa direttamente dagli agricoltori, nelle aziende o al mercato di Campagna Amica che a Frosinone si tiene ogni mercoledi”. 

per la bellissima foto sopra, scattata in via Cucugnano di Anagni, si ringrazia Riccardo Necci
 
 
 
 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Non gelo e neve, ma pioggia costante. Queste le previsioni del tempo per la giornata di oggi, 4 febbraio 2015, per la città di Anagni.
Freddo e gelo sulla Ciociaria, primi fiocchi a Filettino: ecco la foto. La provincia di Frosinone si prepara alla prima vera e propria fase invernale. E a febbraio arriva il Buran
Come previsto nelle scorse settimane, il mese di marzo sta riservando condizioni meteo tutt'altro che primaverili: le stagioni sembrano essersi ribellate al calendario, neve e gelo vengono segnalate in molti stati occidentali del vecchio continente. Colonnina a picco in quasi tutti i comuni dell'area nord della provincia di Frosinone e a sud di Roma, neve ad alta quota: imbiancati i monti Lepini, sopra a Morolo, Sgurgola, Gorga e Supino, e il monte Scalambra, a due passi dal piccolo comune di Serrone (foto in alto).
Confermata l'ondata di gelo di notevole intensità che colpirà l'Europa dalla Siberia a partire dal prossimo weekend, sotto i gelidi venti di Burian. Si tratta di un evento davvero eccezionale per durata, estensione ed intensità, come non si vedeva da anni e che farà sicuramente parlare di sé. Si partirà da Scandinavia, Russia e Stati orientali, ma il gelo siberiano dilagherà poi anche su Germania, Danimarca, Olanda, Belgio, poi Francia e persino Gran Bretagna ed Irlanda. Temperature in tracollo con gelo intenso almeno fino ai primi di marzo, valori anche sotto i -10°C in pianura e temperature sotto la media fino a 10/15°C.
Anagni. Arriva il grande gelo: il dott. Massimo Di Donato, commissario prefettizio, firma l'ordinanza di chiusura delle scuole: lunedì 26 febbraio lezioni sospese su tutto il territorio comunale