Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK
Galletti: “Un forte segnale dell'impegno italiano nei confronti dei cittadini e delle istituzioni europee che hanno pesantemente sanzionato l'Italia”

Rifiuti: CDM nomina commissario unico discariche; dei 58 Comuni inadempienti quattro sono in provincia di Frosinone: Trevi nel Lazio, Patrica, Monte san Giovanni Campano e Filettino. Dalla UE sanzioni per 82 mln di euro

31 dicembre 2016

La presidenza del Consiglio dei Ministri ha nominato ieri - venerdì 30 dicembre - un Commissario Unico nazionale per tutte le discariche ancora non bonificate per le quali l'Italia (ed a cascata le Regione dei i Comuni) sta già pagando la sanzione UE forfettaria di circa 40 milioni di euro e una penalità semestrale di oltre 42 milioni di euro per la mancata esecuzione della sentenza di condanna del 26 aprile 2007 da parte delle Amministrazioni comunali e regionali, all’interno del cui territorio ricadono le discariche non in regola con la direttiva rifiuti.
Tale nomina si è resa necessaria poichè alcuni Comuni non hanno provveduto alla bonifica nei termini con il quale era stata loro ingiunta tale bonifica dalla stessa Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Nell'elenco dei 58 "cattivi" ci sono anche i Comuni di Patrica con la discarica di Valesani (Le Cese), Filettino con la discarica di Cerreto Ombre, Monte San Giovanni Campano con la discarica di Montecastellone e Trevi nel Lazio con ben due discariche: quella di Casette Caponi (alias Fornace) e quella in località Capineto.

"La nomina del Commissario unico per la bonifica delle discariche abusive, lungi dal voler essere punitiva nei confronti delle Regioni, molte delle quali hanno fatto notevoli passi in avanti per la risoluzione del drammatico e annoso problema delle discariche abusive, vuole essere uno strumento di accelerazione per riconsegnare ai cittadini aree mortificate da anni di abbandono e incuria", ha spiegato Gian Luca Galletti, ministro dell'Ambiente commentando la nomina da parte del Governo del Commissario Unico per le discariche abusive di Donato Monaco, generale di brigata del Corpo Forestale dello Stato. Aggiungendo, poi: "il commissario accompagnerà le amministrazioni comunali e regionali verso una definitiva soluzione del problema, rappresentando, inoltre, un forte segnale dell'impegno italiano nei confronti dei cittadini italiani e delle istituzioni europee che hanno pesantemente sanzionato l'Italia".


TI POTREBBERO INTERESSARE

P: Aessandro Pennacchi ofm conv. ex parroco di San Carlo a Cave, è stato nominato dal Vescovo della Diocesi Anagni-Alatri, Mons. Lorenzo Loppa, Vicario di Trevi nel Lazio, di Filettino e di Vallepietra, in aiuto a Mons. Alberto Ponzi parroco di Trevi nel Lazio e Rettore del Santuario della SS Trinità di Vallepietra e a Mons. Alessandro Alessandri parroco di Filettino giunto alla venerabile età di 98 anni.
Seconda amichevole della stagione per la pallanuoto di Anagni. I ragazzi allenati da Michele Pappa - tutti molto concentrati in vista dell'inizio del campionato - si sono confrontati con i ragazzi dell'Olimpia di Monte San Giovanni Campano nella Piscina Comunale di Anagni.
Un’ondata di maltempo si è abbattuta oggi 3 Marzo 2016 sul nord Ciociaria con neve. Imbiancati anche i comuni di Filettino, Trevi nel Lazio, Fiuggi e Piglio. La prima neve, però, almeno a Piglio, non ha creato difficoltà alla circolazione sulle strade provinciali e comunali. Mentre gli operatori delle stazioni sciistiche sono al settimo cielo.
A seguito di Delega della Procura della Repubblica di Frosinone, il personale del Comando Stazione del Corpo forestale dello Stato di Filettino, coadiuvato dalla Polizia Locale di Trevi nel Lazio, nei giorni scorsi, ha effettuato delle verifiche in merito alla regolarità dello smaltimento di alcuni rifiuti da parte di una ditta che opera nel comprensorio. Continua a leggere...
Sabato pomeriggio 2 agosto, a Pontecorvo, il personale del Nucleo Operativo Radio Mobile - Aliquota Radiomobile del locale Comando Compagnia Carabinieri, ha denunciato in stato di libertà, alla competente autorità giudiziaria, un 42enne residente a Monte San Giovanni Campano, poiché resosi responsabile del reato di rifiuto dell’accertamento dell’uso di sostanze stupefacenti. L'uomo è stato controllato sulla S.R. 630 del comune di Esperia alla guida di una autovettura, mentre viaggiava assieme ad un passeggero 26enne, residente anche lui a Monte San Giovanni Campano. Durante la successiva perquisizione personale e veicolare, i due sono stati trovati in possesso di un grammo di cocaina e di due flaconi di metadone. Nello stesso contesto il conducente, a seguito di specifica richiesta dei militari operanti, si è rifiutato di sottoporsi all’accertamento dell’uso di sostanze stupefacenti e, pertanto, oltre ad essere deferito, nei suoi confronti si è proceduto altresì al ritiro del documento di guida; entrambi sono segnalati alla Prefettura di Frosinone quali assuntori di sostanze stupefacenti.