Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

No alla privatizzazione di Poste italiane, tanti lavoratori frusinati in corteo a Roma

4 novembre 2016

Tantissimi lavoratori di Poste Italiane hanno protestato questa mattina - venerdì 4 novembre - a Roma contro il piano di privatizzazione della società che - secondo quanto denunciato dalle organizzazioni sindacali - metterebbe a rischio moltissimi posti di lavoro. I manifestanti, giunti anche da diverse parti della provincia di Frosinone, si sono dati appuntamento in via XX settembre, davanti al ministero dell'Economia e della Finanza, per puoi muoversi in corteo verso viale Europa, davanti alla sede centrale di Poste Italiane SPA.
La mobilitazione è stata decisa dai sindacati - è spiegato in un volantino diffuso dai manifestanti - per protestare contro la recente decisione del Consiglio dei ministri di quotare in Borsa, dopo un pacchetto di oltre il 30% a ottobre 2015, un ulteriore 29,7% della società e di conferire alla Cassa Depositi e Prestiti la parte rimanente del capitale con l’uscita definitiva del ministero dell’Economia dall’azionariato.

grazie a Mauro per la foto

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Poste Italiane: forti ritardi nel recapito della corrispondenza ai cittadini. I Sindaci della zona a sud di Roma protesteranno presso la sede centrale di Poste Italiane
"Positivo": così è stato definito dai sindaci di Colleferro, Valmontone, Carpineto Romano, Labico, Artena e Gorga l'incontro avuto oggi con i vertici del settore logistico di Poste Italiane. "I disservizi sul territorio saranno risolti, hanno affermato da Poste Italiane, nella prima metà di ottobre. Coi sindaci presenti, Poste ha già fissato un appuntamento il 24 ottobre per controllare l'effettiva risoluzione dei problemi. L'attenzione dei comuni al tema "caldo" e l'agire uniti dei sindaci del territorio può sempre portare risultati positivi", si legge in una nota inviata a questa redazione.
Sono iniziati i lavori di ristrutturazione all'ufficio postale di Serrone centro. Dopo i timori del passato, quando in diverse occasioni si ventilò addirittura la chiusura dello sportello, accogliendo le sollecitazioni e le considerazioni del sindaco, Natale Nucheli, Poste Italiane ha deciso di dare una veste nuova alla sede del centro storico, realizzando lavori che lo renderanno sicuramente più bello e funzionale.
I sindaci di Paliano, Piglio, Serrone e Acuto incontrano le rappresentanze sindacali di Poste Italiane
Frosinone, nuovi servizi da Poste italiane