Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Vasta operazione della Guardia di Finanza di Frosinone e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli

30 luglio 2015

Nella mattinata di giovedì 30 luglio, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere richiesta dai magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli ed emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli per il delitto di cui all'art. 416 bis c.p., sono stati tratti in arresto dai militari del Gruppo Guardia di Finanza di Cassino quattro persone ritenute gravemente indiziate di appartenere al clan camorristico denominato "clan dei casalesi", aventi anche compiti di reimpiego dei capitali di provento illecito in attività economiche commerciali ed in particolare nel settore della commercializzazione di autovetture in Campania e nel basso Lazio.
Le indagini hanno preso le mosse dall'analisi di alcuni arricchimenti ritenuti sospetti dalle Fiamme Gialle di Frosinone e da alcune reiterate irregolarità fiscali rilevate nei confronti di alcune società operanti prevalentemente nel settore della commercializzazione di autovetture.
A seguito di approfondimenti investigativi, operati mediante indagini tecniche e attraverso l'acquisizione di convergenti dichiarazioni di collaboratori di giustizia, è emerso un grave quadro indiziario, condiviso dal GIP, che ha consentito di individuare la fitta rete di prestanome, società e conti correnti utilizzati per reinvestire i proventi dell'attività illecità, oltre che nel settore commercializzazione di autovetture, anche nei settori immobiliari e della moda, operando prevalentemente in provincia di Caserta e di Frosinone, sempre in stretto collegamento e con le direttive dei vertici del clan dei casalesi.
Oltre alle ordinanze cautelari, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, in accoglimento alle richieste dei magistrato della DDA partenopea, ha emesso un decreto di sequestro preventivo, pure eseguito dalla GDF di Cassino, di 14 società, di numerose partecipazioni societarie, di 11 fabbricati, cinque terreni, una imbarcazione, 83 autovetture e di 80 rapporti bancari per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Dalle prime ore del mattino di lunedì 29 febbraio, la Squadra Mobile di Frosinone, in collaborazione con la Squadra Mobile di Napoli, ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli, nei confronti di 15 persone ritenute a vario titolo responsabili di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di singoli episodi di importazione di rilevanti quantitativi di cocaina, hashish e marijuana. qui il video e le foto: http://goo.gl/NoZ6fN
Anagni. Sul ritrovamento dell'eccezionale quantitativo di denaro in una casa di via Ciammotte indaga la procura della Repubblica di Frosinone; informata la direzione distrettuale antimafia. Ascoltate decine di persone; droga a fiumi tra Alatri, Ferentino e Frosinone
Guardia di Finanza di Frosinone: aggredito il patrimonio del clan Di Silvio; applicate misure di prevenzione con sequestro di cinque immobili, due terreni, 12 veicoli di pregio e 14 conti correnti per un 1.4 milioni di euro di valore
Camorra. Tangenti ed estorsioni a Ferentino. Carabinieri arrestano cinque persone. In manette nella Capitale persone appartenenti ad un clan camorristico e un esponente della politica locale di Ferentino
Dalle prime ore del mattino, la Squadra Mobile di Frosinone, in collaborazione con la Squadra Mobile di Napoli, sta dando esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli, nei confronti di 15 persone ritenute a vario titolo responsabili di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di singoli episodi di importazione di rilevanti quantitativi di cocaina, hashish e marijuana.