Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Clamorosa protesta dei lavoratori di diverse fabbriche anagnine: a decine sui bordi dell'Autostrada del Sole, condizioni di sicurezza ridotte al minimo

24 aprile 2015

Protesta degli operai di diversi stabilimenti anagnini, in queste ore, nei pressi del cavalcavia dell'autostrada Roma - Napoli, all'altezza dello stabilimento Geymonat. La via Morolense risulta bloccata. Sul posto sono presenti anche Carabinieri e altre Forze di Polizia con diverse pattuglie. Tra gli ex lavoratori che in questo momento (sono le ore 14.56) stanno inscenando la protesta ci sono quelli degli stabilimenti di VDC, Geymonat e Marangoni; notizia in aggiornamento.

Clicca qui per gli aggiornamenti.


Protesta degli ex operai delle fabbriche anagnine, 24 aprile 2015



Anagni. Clamorosa protesta dei lavoratori di diverse fabbriche anagnine: a decine sui bordi dell'Autostrada del Sole, condizioni di sicurezza ridotte al minimo

Ex operai delle fabbriche anagnine protestano a due passi dall'autostrada del Sole, 24 aprile 2015

Vai alla Photogallery

TI POTREBBERO INTERESSARE

Ad Anagni ancora fari puntati sulla situazione della Marangoni.
Continua l’agitazione degli operai della ex Marangoni davanti ai cancelli dello stabilimento di Anagni.
Si è conclusa fortunatamente senza incidenti la manifestazione organizzata nella giornata di venerdì dai lavoratori delle diverse realtà industriali dell-autostrada A1 Roma - Napoli tanto che per qualche ora si è temuto che i manifestanti volessero invadere la carreggiata proprio come accaduto nel 2009, quando i lavoratori della VDC Technologies bloccarono il traffico in entrambi le direzioni. Per tutta la durata della manifestazione la via Casilina è rimasta congestionata a causa delle numerose automobili uscite dal casello di Anagni per aggirare il sit - in.
Il sindaco di Anagni, Fausto Bassetta, questa mattina si è occupato delle vertenze Marangoni Tyre ed Eurozinco, dove si è recato per conoscere le prospettive di due aziende che occupano oltre 600 dipendenti. Nel primo caso, da domani i 420 lavoratori saranno in mobilità in attesa di un incontro che si terrà nei prossimi giorni alla Regione Lazio. Bassetta ha incontrato il direttore Magale, che ha illustrato al sindaco la grave situazione della fabbrica di pneumatici. All’Eurozinco , dove le maestranze sono in sciopero da oltre venti giorni per rivendicare stipendi arretrati, il sindaco ha visto il nuovo amministratore delegato Petroli e ha partecipato a un’assemblea dei lavoratori dove il manager ha indicato le date per l’erogazione dei salari, chiedendo ai lavoratori di riprendere la produzione.
Un incontro al Ministero dello sviluppo economico, per sostenere con forza le ragioni della proposta finlandese. L’unica che potrebbe, al momento, garantire la sopravvivenza dello stabilimento. È quello che chiedono in una lettera i sindacati, a proposito della Marangoni di Anagni.