Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone, bambino affetto di autismo si allontana da casa; ritrovato dalla Polizia di Stato

4 settembre 2014

Si era allontanato da circa due ore da casa, generando il panico nella propria famiglia. Sono stati i poliziotti a rintracciarlo. È successo stamattina a Frosinone. Protagonista suo malgrado un bambino di 10 anni affetto da autismo. A dare l’allarme è stata la madre, che dopo averlo perso di vista ha telefonato al 113. L’operatore della sala operativa dopo le prime difficoltà a comprendere quanto diceva la donna all’altro capo del telefono, con grande professionalità è riuscito a ricondurla alla calma, e con le opportune domande si è fatto raccontare cosa era accaduto. La mamma, residente nella parte bassa della città, era in preda al panico poiché suo figlio, un bambino di 10 anni, affetto come detto da autismo, si era allontanato da circa due ore dalla propria abitazione e non era ancora rientrato. La donna aveva provato a rintracciarlo nei luoghi da loro abitualmente frequentati senza alcun esito, ed era terrorizzata. In pochi attimi l’allarme è stato diramato a tutte le auto di polizia presenti sul territorio ed è stata pianificata una battuta di ricerca del piccolo. Dopo nemmeno un’ora una pattuglia delle Volanti ha ritrovato il bambino in via Adige, lo ha avvicinato e lo ha tranquillizzato, riportandolo sano e salvo tra le braccia dei suoi cari, grati agli agenti per il prezioso aiuto.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Oggi - 18 febbraio - in tutto il mondo si celebra la giornata internazione sulla sindrome di Asperger, il disturbo pervasivo dello sviluppo imparentata con l’autismo e comunemente considerata una forma dello spettro autistico “ad alto funzionamento”. Tale termine “Sindrome di Asperger” venne coniato dalla psichiatra inglese Lorna Wing in una rivista medica del 1981; lo chiamò così in onore di Hans Asperger, uno psichiatra e pediatra austriaco il cui lavoro non venne riconosciuto fino agli anni novanta.
Il Comune di Fiuggi celebra la Giornata Mondiale sulla consapevolezza dell'Autismo. Ad annunciarlo l'Assessore alle Politiche Sociali Martina Innocenzi "In occasione di questa importante data, abbiamo deciso di aderire alla campagna - Light it up Blue - che vedrà, nella serata di Sabato 2 Aprile, il Comune di Fiuggi accendersi di blu grazie alla disponibilità ed alla sensibilità della Media Eventi Ambrosetti che curerà la parte tecnica.
Si terrà a Valmontone, dall’8 al 10 Settembre, il corso previsto dal progetto-pilota Aba (Applied Behavior Analysis ovvero Analisi Comportamentale Applicata), un metodo che intende fornire ai bambini affetti da autismo nuovi strumenti educativi che possano stimolare l’acquisizione di competenze utili. Continua a leggere...
I ragazzi del centro diurno “Luca Malancona” di Ferentino, gestito dalla Cooperativa Osa, sono pronti per partecipare - venerdì 8 aprile - al blu day come giornata di sensibilizzazione per l’autismo e la disabilità. Oltre l’ormai consueta passeggiata nel centro storico, che si tingerà di blu, i ragazzi e le ragazze si esibiranno in due coreografie, in piazza Matteotti, sotto la capace guida e supervisione di Maria Cristina Celardi, che ha curato la creazione della coreografia e la realizzazione, ha seguito i giovani durante i mesi di preparazione della coreografia e li ha stimolati, unitamente all’equipe di operatori del centro stesso.
Alle 17 di martedì pomeriggio il vigilante in servizio presso un noto centro commerciale del capoluogo ha dato l’allarme alla sala operativa della Questura di Frosinone per un furto messo in atto all’interno del supermercato. Un coppia di giovani con un bambino nel passeggino è stata infatti vista prendere dagli scaffali della merce che ha poi occultato nella borsa della Chicco del bimbo. I due, una volta alla cassa, hanno presentato solo un paio di bevande in lattina per poi allontanarsi velocemente dal negozio. Sul posto è giunta immediatamente una pattuglia delle Volanti che è riuscita ad individuare e a bloccare la donna che aveva ancora la borsa a tracolla; nessuna traccia, invece, del complice che, nel frattempo, si era dileguato con il bambino. La perquisizione sulla giovane, di origini romene, ha consentito agli operatori di rinvenire i prodotti non pagati per un valore di circa 220 euro. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario mentre la ventenne è stata denunciata per il reato di furto.