Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Profili e pagine legati a Casapound chiuse da Facebook, tra queste anche quella di Casapound Frosinone e il profilo privato del consigliere comunale di Anagni Valeriano Tasca

9 settembre 2019

Sono stati cancellati da Facebook e Instagram  i profili ufficiali del partito e quelli di numerosi responsabili nazionali, locali e provinciali, compresi quelli degli eletti in alcune città italiane. Si tratta di decine di siti e profili vicini all'organizzazione di estrema destra giudata da Gianluca Iannone. A cominciare dalla pagina principale, 'CasaPound Italia', 'certificata' da Fb con tanto di spunta blu: ha 280mila follower. Restano attivi invece i profili di Twitter. Tra questi, risulta disabilitato anche il profilo del consigliere comunale di Casapound Anagni Valeriano Tasca e quello di Casapound Frosinone.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Un cimitero comunale caratterizzato da “incuria, gestito malissimo, sporco, pericolante e pieno di vespe”. È quello di Anagni, come torna a denunciare ancora una volta il referente cittadino di Casapound Valeriano Tasca.
Nota polemica - per usare un eufemismo - quella pubblicata sul proprio profilo Facebook da Casapound Anagni; nel mirino del movimento politico di destra, ad Anagni capitanato da Valeriano Tasca, ci sono il sindaco di Anagni Fausto Bassetta e il suo vice, la prof.ssa Marilena Ciprani che è anche assessore alla Cultura. continua a leggere...
Sulla decisione del sindaco Bassetta di votare a favore dell’atto aziendale, riportiamo il parere ( molto critico va da sé) del referente anagnino di Casapound Valeriano Tasca.
Blitz notturno nella notte tra venerdì e sabato al portico comunale di Palazzo Jacopo da Iseo da parte degli aderenti al movimento politico di destra Casapound, ad Anagni guidato da Valeriano Tasca. Diversi sacchi di rifiuti sono stati lasciati davanti ad una delle entrate del palazzo. Davanti ai sacchi, una scritta che recita testualmente: ""E' questa la discarica si?". "Un'azione che vuole esprimere il dissenso di molti cittadini vittime di un sistema di raccolta differenziata assurdo, costoso e senza senso". Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Anagni. NOn è detto che il clamoroso gesto degli attivisti di Casapound possa procurar loro una salata multa per abbandono di rifiuti, dovendo rispondere dell’illecito amministrativo di cui all’art. 255 d. lgs. 3 aprile 2006, n. 152.
Da Valeriano Tasca, responsabile di Casapound Anagni, riceviamo la seguente nota che di seguito pubblichiamo integralmente: