Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Il ragioniere capo del Comune di Anagni Vincenzo Fasani via dal Comune di Anagni il prossimo primo settembre. Per il sindaco “un normale avvicendamento”; per l’opposizione un gesto dovuto a tensioni interne al Comune

2 agosto 2019


Dal prossimo primo settembre il comune di Anagni dovrà fare a meno, per quanto riguarda l’ufficio tributi, il servizio finanziario, e l’ufficio di ragioneria, dell'operato del ragioniere capo Vincenzo Fasani. Nei giorni scorsi infatti si è diffusa nella città dei papi la notizia del ritorno di Fasani presso il Comune di Giuliano di Roma, a far data come detto dal prossimo primo settembre. Una notizia, che ha creato molto scalpore, soprattutto vista la stima incondizionata di cui il ragioniere, che è dipendente a tempo indeterminato presso il Comune di Giuliano ma che da qualche mese era stato assunto a scavalco presso la amministrazione della città dei papi, gode presso il personale della pubblica amministrazione cittadina. Secondo il primo cittadino Daniele Natalia, si tratta di una situazione assolutamente regolare, legata al fatto che il comune di Giuliano di Roma avrebbe richiesto di poter riottenere in maniera più estensiva i servizi del ragionier Fasani. Di qui la necessità, per Fasani, di lasciare Anagni e rientrare nella casa madre. Natalia, pur riconoscendo il valore del ragioniere Fasani, ha però dichiarato di essere già al lavoro per poter trovare in poco tempo un sostituto in grado di evitare interruzioni e complicazioni nel lavoro della macchina amministrativa.
Completamente diversa invece l'opinione sul fatto degli esponenti della opposizione comunale. Alcuni tra i componenti della minoranza infatti hanno sottolineato come la notizia della prossima partenza del ragionier Fasani sia arrivata solo qualche giorno dopo un consiglio comunale, quello del 29 luglio scorso, che era stato dedicato, tra le altre cose, all’approvazione del servizio di esternalizzazione della riscossione dei tributi, ed all’approvazione della variazione di bilancio relativa ai lavoro per il campo sportivo. La tesi, neanche troppo nascosta, è che queste situazioni avrebbero creato alcune tensioni, che sarebbero sfociate nel gesto delle dimissioni. Una tesi, ripetiamolo, categoricamente smentita dal primo cittadino. Ma che ha continuato comunque a circolare in città. Generando, caso mai ce ne fosse ancora bisogno, molte polemiche nel dibattito politico cittadino.
Sulla questione oggi, sabato 3 agosto, si è espresso anche l'assessore al bilancio Carlo Marino:
"Smentisco categoricamente che il Ragionier Fasani abbia deciso di lasciare Anagni per tensioni con la maggioranza, nè tantomeno per la questione della esternalizzazione dei tributi visto che lui è della nostra stessa idea.
Fasani è arrivato ad Anagni con il commissario, e se è rimasto fino ad oggi è per l’ottimo rapporto che ha instaurato con il sindaco, con me e con tutta l’amministrazione, maggioranza e minoranza.
Fasani è una persona fuori dal comune che sa fare bene il suo lavoro ma sapevo sin dall’inizio che il suo impegno era a tempo.
Sono certo che troveremo un professionista in grado di portare avanti l’ufficio ragioneria.
Quanto all’opposizione, ( sarebbe interessante sapere chi dell’opposizione), il mio consiglio è quello di pensare alle cose serie e non ad alimentare e alimentarsi di gossip e fake news.
Vederli fare politica su notizie false o commentando falsi profili  è anche divertente ma, e lo dico nel loro interesse, rischiano di perdere credibilità".


TI POTREBBERO INTERESSARE

Anagni, Giuliano Bruni - titolare del ristorante Hernicus - festeggia un doppio compleanno: il suo e quello del suo rinomato ed apprezzatissimo locale
Anagni. Il sindaco Daniele Natalia ha celebrato la ricorrenza del 25 aprile
Operazione "Urban Waste", indagato anche il sindaco Daniele Natalia; l'opposizione consigliare: "convochi immediatamente una conferenza stampa per riferire alla cittadinanza cosa sta accadendo"
Anagni. La nota di Vincenzo De Palo (Forza Italia): "obiettivo del nostro partito è far tornare la sinistra all'opposizione". E propone la candidatura a sindaco di Daniele Natalia
"Su un accordo tra me e la compagine di Daniele Natalia si dicono cose errate, la notizia non è vera; io non ho mai rilasciato dichiarazioni". Oggi l'ex vice-sindaca di Anagni dott.ssa Simona Pampanelli si affida ad anagnia.com per mettere a tacere le voci fatte circolare da alcuni quotidiani locali relative a una possibile convergenza con la coalizione di Daniele Natalia in vista delle elezioni amministrative di giugno.