Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Bilancio. "Anagni cambia Anagni" risponde all'assessore al Bilancio Carlo Marino: "la città ha bisogno di politiche di crescita più che di autoreferenzialità che non porta alcun beneficio ai cittadini"

1 giugno 2019

"Anagni cambia Anagni", nella persona del suo rappresentante in consiglio comunale dott. Nello Di Giulio, replica alla videointervista rilasciata dall'assessore al Bilancio e Cultura dott. Carlo Marino ad anagnia.com; di seguito riportiamo il testo integrale della nota inviata a questa redazione dal dott. Di Giulio:

A distanza da una settimana dal Consiglio Comunale del 23 maggio che ha approvato il Rendiconto di Gestione dell’anno 2018, l’assessore al bilancio è tornato sull’argomento con una video intervista dichiarando la sua piena soddisfazione.
Fin qui, al di là dell’opinabile ‘tempestività’, tutto normale se non avessimo ascoltato che la soddisfazione scaturisce dal fatto che il bilancio sia stato votato dalla maggioranza (vero, dalla maggioranza!),  mentre nessuna risposta è  mai arrivata a domande precise da noi formulate, come da altri colleghi della minoranza, su importanti rilievi avanzati dal Collegio dei Revisori dei conti.
Senza voler proseguire in tale sede la discussione propria del Consiglio Comunale, sarebbe stato giusto attendersi che l’assessore al bilancio avesse comunicato alla città ben altre ragioni per cui gli anagnini possano ritenersi soddisfatti da tale fondamentale passaggio amministrativo nella gestione delle risorse del nostro Comune.
In specie, mancano ancora risposte alle domande rivolte in sede di Consiglio su cosa ha fatto o su cosa stia facendo l’amministrazione rispetto alle osservazioni dei Revisori su:
“L’Ente non ha adottato le misure organizzative per garantire il tempestivo pagamento delle somme dovute per somministrazioni, forniture ed appalti, anche in relazione all’obbligo previsto dall’art. 183, c. 8 del Tuel (Testo Unico Enti Locali)”.   Si tratta, in sostanza,  dello spinoso tema della certezza e trasparenza dei rapporti con i fornitori per il quale i revisori hanno invitato l’amministrazione a “voler procedere con sollecitudine”.
“L’Ente non ha provveduto a quantificare il debito commerciale scaduto al 31 12 2018, ai sensi dell’art. 1, c. 859 della Lg 145/2018, che deve essere pubblicato ai sensi dell’art . 33 Dlgs 33/2013”. Anche tale osservazione ha a che fare con la trasparenza delle relazioni, oltre che con la corretta e prudenziale efficienza della gestione. Ed anche su tale tema i revisori hanno invitato l’amministrazione a “voler procedere con sollecitudine”.
“L’Ente non ha indicato le misure correttive in caso di sforamento dei tempi di pagamento” ai fini di una corretta gestione finanziaria.

Senza voler riprendere altri temi più squisitamente politici come l’incidenza delle spese correnti rispetto a quelle d’investimento o la natura stessa dell’aggregato della spesa corrente, sarebbe stato lecito attendersi, anche dopo una settimana ed in luogo di autocelebrazioni, risposte chiare per assicurare ai cittadini la  più efficace e corretta gestione delle pubbliche risorse.

Riteniamo che Anagni abbia bisogno di riprendere decisamente politiche di crescita, per le quali il nostro contributo è sempre a disposizione, più che di  autoreferenzialità che non portano alcun beneficio  ai cittadini.  


 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Liste a sostegno della candidatura a sindaco di Nello Di Giulio
Di seguito pubblichiamo la nota inviata a questa redazione dal dott. Nello Di Giulio del gruppo "Anagni cambia Anagni", a commento dell'esito del sondaggio promosso da questo giornale sulla questione relativa alla ZTL nel centro storico di Anagni:
"Anagni cambia Anagni" chiede ed ottiene la rimozione dei picchetti e dei tiranti installati nell'area archeologica di Piscina; il dott. Nello Di Giulio: "grazie a chi ha supportato la nostra pubblica denuncia"
Anagni. L'assessore Carlo Marino: "ogni scelta sul Bilancio sarà politica"; al via la programmazione dell'amministrazione Natalia"
Grande successo per il dibattito che si è tenuto sabato pomeriggio, 26 maggio, alla biblioteca comunale di Anagni, per illustrare la proposta di rilancio economico della zona dell’ ex Polveriera della città.