Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Primarie Partito Democratico, Nicola Zingaretti stravince ad Anagni: 532 i votanti nei due seggi allestiti a piazza Cavour e ad Osteria della Fontana

3 marzo 2019

Sono stati 532 le persone che nel corso della giornata di oggi si sono recate nei due seggi allestiti rispettivamente ad Osteria della Fontana di Anagni e nella centrale piazza Cavour per esprimere il proprio voto nelle primarie del Partito Democratico; anche ad Anagni, come del resto in tutta Italia, a sbaragliare gli avversari è stato Nicola Zingaretti, da oggi nuovo segretario del Partito Democratico. Non ci sarà, dunque, bisogno di un ballottaggio in assemblea nazionale. Al seggio di piazza Cavour i votanti sono stati 194: 100 di questi hanno espresso la propria preferenza per la lista "Piazza Grande" a sostegno di Nicola Zingaretti; 29 hanno barrato la lista "Territorio per Zingaretti"; 25 hanno apposto la X sul nome di Nicola Zingaretti, senza dunque destinare il proprio voto a una delle due liste che lo sostenevano. Tre votanti hanno espresso la propria preferenza su entrambe le liste "Territorio per Zingaretti" e "Piazza Grande" che, alla conta finale, si vedranno ripartiti i voti tramite il sistema dei decimali. Sempre nel seggio di piazza Cavour 17 persone hanno votato per Maurizio Martina, 20 per Roberto Giachetti. "Ho appena chiamato Nicola Zingaretti, che sarà il prossimo segretario del PD per complimentarmi per il suo risultato ed anche per il risultato della partecipazione alla quale abbiamo contribuito tutti", ha twittato lo stesso Giachetti alle 20.48 di domenica 3 marzo.

Di seguito, invece, i risultati del seggio allestito in località Osteria della Fontana, presso il centro commerciale "Il Casale": 338 i votanti in totale; 3 schede nulle e 3 bianche; voti da ripartire tra le liste "Territorio per Zingaretti" e "Piazza Grande": 11; voti a favore di Maurizio Martina: 9; voti a favore di Roberto Giachetti: 21; voti a favore della lista "Piazza Grande" a sostegno di Nicola Zingaretti: 229; voti a sostegno della lista "Territorio per Zingaretti": 49.
"Grande prova di democrazia ad Anagni alle primarie per l’elezione del segretario nazionale del partito democratico. 532 votanti: un risultato straordinario per il circolo di Anagni, ringrazio tutti i partecipanti, tutti i volontari e dirigenti che hanno permesso questa bella prova di partecipazione", ha affermato il segretario reggente Francesca Cerquozzi. Che ha poi aggiunto: "sono sinceramente felice e felicemente stupita perché dopo solo qualche mese di lavoro, tutti insieme siamo riusciti a ripartire e a costruire una nuova prospettiva per il pd e per il centro sinistra nella città di Anagni. In questa serata va comunque segnalata la grande affermazione di Nicola Zingaretti e della lista Piazza grande in un quadro comunque di grande dimostrazione di unità in cui mi sento di ringraziare anche gli elettori e i simpatizzanti di Martina e di Giachetti. Grazie ancora a tutti!".


TI POTREBBERO INTERESSARE

Domani, domenica 3 marzo – quasi un anno esatto dopo le elezioni del 2018 – ci saranno le primarie per scegliere il nuovo segretario del Partito Democratico. I candidati sono il segretario uscente Maurizio Martina, l’ex vicepresidente della Camera Roberto Giachetti e l’attuale presidente del Lazio Nicola Zingaretti,
"Per amore dell'Italia": il circolo di Anagni del Partito Democratico, con a capo il suo segretario avv. Egidio Proietti, risponde all'appello di Nicola Zingaretti: fine settimana a viale Regina Margherita per ascoltare e confrontarsi con i cittadini
Politica. Sabato primo dicembre le Primarie del Partito Democratico per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea Regionale; il commissario Francesca Cerquozzi: "si sta ripartendo con rinnovato slancio"
Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio e neo-segretario del Partito Democratico, in visita allo stabilimento Saxa Gres di Anagni: "questa è l'Italia che ci piace";
Il Pd dell’area nord si appella alla cabina di regia sulla Sanità ed alla Regione Lazio, nella persona del Presidente Nicola Zingaretti: si dia attuazione all’Atto Aziendale e sia adottato un criterio di razionalità nel riordino dei servizi sanitari sul territorio.