Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Nello Di Giulio (Anagni cambia Anagni) risponde alle dichiarazioni del consigliere di Cuori Anagnini Luigi Pietrucci

1 marzo 2019

Ancora botta e risposta tra maggioranza e opposizione; in una nota inviata a questa redazione il dott. Nello Di Giulio, consigliere comunale di Anagni cambia Anagni, risponde alle parole di un altro consigliere, Luigi Pietrucci, in forza alla maggioranza consigliare capitanata dal sindaco Daniele Natalia. Ecco la nota, integralmente pubblicata:

Che amministrare sia un lavoro complesso ovunque non ci sono dubbi. Che a fronte di attività complesse si richiederebbero capacità adeguate appare per molti estraneo in quanto l’essere adeguati riguarda esclusivamente la “buona amministrazione”. Nella pagina FB di Anagni cambia Anagni” si legge, a tal proposito “quando altrove piove ad Anagni sembra che diluvi”.
La metafora, forse non compresa da qualcuno, si riferisce al settore "Lavori Pubblici, Industria, Project financing, Rapporti con il Gestore"  su cui, senza fantasiosi equivoci, non c’è nulla per  essere soddisfatti come vorrebbe esprimere il ‘portavoce di turno’ dell’amministrazione Natalia.

Vediamo in tal senso i fatti concreti, cominciando dal punto di vista politico:

A) l'ultimo assessore (S. Pace) ricordato per essere stato "parecchio assente" nei primi sei mesi di amministrazione (per sua onesta dichiarazione!) si è dimesso da inizio gennaio a seguito di  Decreto Penale di Condanna verso cui ha avanzato relativa opposizione;
B) dopo circa due mesi dalle suddette dimissioni, il Sindaco non risulta sia riuscito a riassegnare tali fondamentali deleghe per lo sviluppo della città in quanto impantanato (notizie di stampa) da pretese diverse e veti di reciprocità.

Inoltre, dal punto di vista operativo:

A) il primo semestre amministrativo non è stato affatto produttivo perché  - riferitoci - condizionato dalle "carenze di responsabilità" dovute all’utilizzo di “dirigente a scavalco con altra sede”  in presenza di un organico valido ma ristretto.
B) ad inizio del nuovo anno l’Amministrazione, conscia dell’insufficiente lavoro prodotto,  dichiara a più voci di voler cambiare finalmente marcia con la nomina di un valido dirigente ""per restituire all'ufficio tecnico, cuore di ogni amministrazione, quell'efficienza di cui una città come Anagni necessita" (dichiarazione pubblicata dal Sindaco). Come dire: dopo sei mesi, ricominciamo da oggi!
C) a distanza di ulteriori due mesi quell’efficienza del “cuore pulsante" sembra tornare in apnea per sopraggiunte dimissioni del nuovo dirigente ed inevitabili conseguenze di cui non stiamo a dire.

L’amara sintesi  -riportata nel richiamato post-  è che  per i cittadini non c'è da stare allegri, o meglio, c'è da preoccuparsi parecchio, atteso che il valido dirigente nell’incontro con il sottoscritto  della scorsa settimana ha professionalmente riferito di un generalizzato stato di ritardo progettuale / affidativo dei principali interventi del settore Lavori Pubblici pur se attesi da tempo dagli anagnini.
Nessun lavoro ancora presso il  Multipiano San Giorgetto chiuso con intervento dei VV.FF. da prima di Natale,  nonostante l’insostenibile prezzo ambientale che la città paga ogni giorno con l’obbrobrioso parcheggio in Piazza Innocenzo III. Al vicolo San Michele attendono ancora di vedere rimosse palizzate e transenne che offendono la vivibilità del quartiere ormai da tempo. Parcheggiare alla Stazione Ferroviaria permane un’impresa ogni mattina, con la struttura di c.a. in stato di degrado progressivo. Non ancora affidato il lavoro della frana della Cattedrale. Dei lavori residui del Museo Archeologico o del Centro Diurno, ecc. neanche a parlarne. Di programmazione di interventi strategici attinenti l’Ufficio volti allo sviluppo della città e del territorio, al di là della fase dovuta del Piano Triennale OO.PP., nessuna traccia.
Per clemenza ci asteniamo dal tornare sul costoso progetto di pista ciclabile in area SIN  su cui si attende risposta del Sindaco in Consiglio Comunale.
In una normale amministrazione ce ne sarebbe per essere preoccupati da tanta inefficienza, più che dare consigli a forze della minoranza su come svolgere il ruolo dell’opposizione. Ma si sa, quando si soffre il confronto e la democrazia ci si rifugia a piè pari nella demagogia.
Forse è bene che chi governa ricordi che la campagna elettorale è finita da un pezzo e gli anagnini, ora, vogliono sentire di risultati più che le solite chiacchiere!

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Liste a sostegno della candidatura a sindaco di Nello Di Giulio
Botta e risposta tra il consigliere di minoranza Nello Di Giulio e quello di maggioranza Luigi Pietrucci sulle dimissioni del responsabile dei Lavori Pubblici all'ufficio Tecnico cittadino
Di seguito pubblichiamo la nota inviata a questa redazione dal dott. Nello Di Giulio del gruppo "Anagni cambia Anagni", a commento dell'esito del sondaggio promosso da questo giornale sulla questione relativa alla ZTL nel centro storico di Anagni:
Grande successo per il dibattito che si è tenuto sabato pomeriggio, 26 maggio, alla biblioteca comunale di Anagni, per illustrare la proposta di rilancio economico della zona dell’ ex Polveriera della città.
Sarà l'avvocato Daniele Natalia, paradossalmente molto lontano da lui in quanto esponente storico del centrodestra anagnino, a difendere Luigi Pietrucci, il referente locale dell'Italia dei Valori ad Anagni dalla denuncia presentata contro di lui qualche settimana fa a dal Presidente del Consiglio Comunale Anagnino Giuseppe Felli