Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Pista ciclabile tra la stazione ferroviaria di Anagni e il quartiere di san Bartolomeo: botta e risposta tra l'assessore Jessica Chiarelli e il dott. Nello Di Giulio (Anagni Cambia Anagni)

22 febbraio 2019

Botta e risposta tra il consigliere comunale di opposizione Nello Di Giulio del gruppo "Anagni cambia Anagni" e la maggioranza consigliare del sindaco Daniele Natalia; dopo la nota inviata al nostro giornale dall'esponente di opposizione, ieri era stata la volta della replica dell'assessore allo Sport del Comune di Anagni Jessica Chiarelli. Oggi pubblichiamo, di seguito ed integralmente, l'ulteriore replica del dott. DI Giulio alle parole della Chiarelli. 

"Se sorvolassimo su una manifesta improvvisazione, sarebbe  sorprendente la  pochezza con cui un’assessore comunale possa replicare ad un’articolata  interrogazione al Sindaco circa un investimento di 1.200.000 euro di pubblico denaro per 1800 metri di una discutibile pista ciclabile, ancorché immaginata strategica “ai fini turistici, tutela dell’ambiente e sviluppo del patrimonio cultuale e naturalistico” della Città (affermazioni in premessa della relativa delibera di Giunta).  
Sarebbe bastato riflettere un po’ di più per comprendere:
a) che nelle “notizie apparse sulla stampa”  compare sempre il testo dell’ interrogazione nel quale si evidenzia in chiaro l’intervento  regionale ed  un costo  dell’opera di 1.200.000 euro, di cui 200.000 a carico del Comune con ricorso ad un finanziamento Cassa DDPP. 
Di  fatto, comunque, ed affinché la sostanza non sfugga a nessuno,  siamo  sempre in presenza di una bella somma  di soldi dei cittadini che sarebbe ben spesa  solo se in grado di assicurare adeguati ritorni in termini di pubblico benessere e sviluppo economico collegato.
b) che le scelte le faccia l’amministrazione comunale (la maggioranza?) non se ne avvertiva affatto il bisogno di “ricordarlo al  consigliere Di Giulio”. E’ chiaro a tutti! Tant’è vero che quando esse sono opinabili o inaccettabili è giusto e doveroso che la minoranza esprima le proprie critiche e, quando in grado, le proprie proposte alternative. L’interrogazione al Sindaco,  con palese concessione di credito, chiede, ad esempio,  quali altre ipotesi sono state  valutate  per arrivare a tale discutibile scelta di itinerario e costi di realizzazione. E, come giusto che sia,  “Anagni cambia Anagni” mette le proprie idee a disposizione di tutti.
Il confronto, in democrazia, anziché spaventare dovrebbe stimolare e favorire le scelte migliori!
c) sui tempi  cennati dall’assessora non può sfuggire che la relativa Determina Regionale è stata assunta  sin dal 20 novembre 2018 con scadenza prevista al 20 gennaio 2019 e  l'assessora ha perso tempo prezioso con l’affidamento in Giunta  dell’incarico al professionista solo il 4 gennaio 2019. 
Un ingiustificabile ritardo di 45 gg dall’apertura del bando ed a soli 16 gg dalla sua chiusura. Un ritardo che rischia di pesare come un macigno sulla qualità della scelta.
Si è poi avvalsa, la Giunta, come già altre in altre occasioni, di una proroga dei termini concessi dalla R.L.  in data 17 gennaio 2019, con Determinazione  n. G0039, fino al 20 febbraio. Non escluso, a necessità,  che ci si possa attivare per richiedere un'ulteriore proroga o riapertura dei termini  trattandosi di "manifestazione d'interesse" su tema PROMOSSO DALLA REGIONE per il  completamento di un “parco progetti” da valutare per il successivo finanziamento.
Forse la palese  “distrazione amministrativa” registrata dall’assessora dovrebbe indurla , se non all’autocritica, a riconsiderare la sua capacità di stare su diversi  argomenti che vanno dal campo di calcio e l’inammissibile degrado igienico degli impianti  chiusi per intervento dei  CC,  al Gran Galà dello Sport,  alla opportuna localizzazione di una pista ciclabile, ecc .  Di certo non  ci si dovrebbe appellare al tempo incautamente perso (è troppo tardi!)  per  accreditare un discutibile utilizzo di unmilione e duecentomila  euro di soldi dei cittadini, di cui 200.000 del nostro bilancio comunale.
Supponenza e superficialità non sono state mai un buon mix per servire una città!".


TI POTREBBERO INTERESSARE

Pista ciclabile a san Bartolomeo di Anagni. La replica dell’assessore allo Sport Jessica Chiarelli alle critiche del consigliere Nello Di Giulio: "chiedere oggi di rivedere il progetto è risibile"
Un milione e 200mila euro per 1800 metri di pista ciclabile, la giunta approva il progetto di fattibilità tecnico-economica ma Anagni cambia Anagni non ci sta: "costo sovrastimato, utilità discutibile"
Liste a sostegno della candidatura a sindaco di Nello Di Giulio
"Corri con Lory": domenica a piazza Cavour la seconda edizione; l'emozione di Jessica Chiarelli, assessora allo Sport e cara amica di Lory
Attività fisica e sportiva all’aperto: il Comune di Piglio installa delle attrezzature sportive sulla pista ciclabile