Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Politica: pronta la replica del sindaco Daniele Natalia e di parte della sua maggioranza alla nota inviata al nostro giornale dai consiglieri d'opposizione

5 febbraio 2019

Non si è fatta attendere la risposta della maggioranza consigliare al comunicato inviato a questa redazione dai consiglieri comunali d'opposizione e pubblicato questa mattina dal nostro quotidiano. Il primo a replicare alla nota è stato lo stesso primo cittadino che, a colloquio telefonico con il nostro giornale, ha affermato quanto segue: "capisco le argomentazioni dell’opposizione che, non avendo la possibilità, in questa fase, di avere molta influenza, cerca di farsi notare con le polemiche. Faccio però presente che le argomentazioni utilizzate sono risibili. Mi si accusa di aver provocato lo stallo nella vita amministrativa. Quando invece, proprio in questi giorni, stiamo lavorando al raddoppio del parcheggio di Piscina, da realizzare entro il 2019. Già solo questo progetto basterebbe a zittire chi parla di amministrazione bloccata solo per farsi notare".
Al sindaco hanno fatto eco i rappresentanti della lista "Cuori anagnini", ecco la loro nota: "fa quasi sorridere il comunicato della minoranza riguardo la nomina dell'assessore ai Lavori Pubblici da parte del Sindaco. Mentre qualcuno ha dimenticato che l’assegnazione di deleghe è esclusiva titolarità del sindaco e che, volendo, le deleghe vacanti potrebbero restare tranquillamente nelle sue mani fino alla fine della consiliatura; altri, forse sperano direttamente nella chiamata. Leggendo il comunicato infatti, abbiamo ripensato alla visita in comune nell'ufficio del Sindaco del consigliere Nello Di Giulio, la settimana scorsa. Forse è venuto a proporre una sua collaborazione alla maggioranza viste le sue presunte intelligenti proposte su turismo ed ornato che non superano mai la barriera dei social network per diventare poi realtà. Però la firma che più ci colpisce sul comunicato  è quella di chi ci ha preceduto nell'amministrazione della città. Oggi la Tagliaboschi parla di opere ferme, avrà forse dimenticato le condizioni in cui hanno lasciato l'Ufficio Tecnico e l’assunzione di un tecnico a 12 ore a settimana per un comune come Anagni. Il consigliere Tagliaboschi ha probabilmente dimenticato anche di averlo addirittura politicizzato l'Ufficio Tecnico. Ci pare di ricordare che l'ultimo dirigente dell'Ufficio Tecnico in carica con l'amministrazione Basetta, fosse candidato in una lista a sostegno della Tagliaboschi e non è stato un bel segnale. Non crediamo che chi ha totalizzato un bilancio politico-amministrativo negativo possa parlare nei termini utilizzati nel comunicato della minoranza senza scadere nel ridicolo".

Nel tardo pomeriggio è giunta in redazione anche la nota di Fratelli d'Italia Anagni che di seguito pubblichiamo integralmente e senza modifiche:

"Le minoranze attaccano frontalmente l’amministrazione Natalia con un comunicato congiunto che, pur di trasformare l’arena politica in gossip da quattro soldi, supera ogni steccato ideologico e valoriale tanto da riuscire a mettere insieme Casapound e Partito Democratico, con tanto di codazzo radical chic al seguito. Sarebbe opportuno evitare qualunque tipo di risposta, abbiamo imparato già da parecchio a non raccogliere le provocazioni, specie quando sono sterili. In questo caso è però necessario fare un’eccezione. Come Fratelli d’Italia ci troviamo in perfetta sintonia con il sindaco quando parla dell’importanza della “qualità della decisione più che delle tempistiche” nell’ambito della scelta di un nuovo assessore ai Lavori Pubblici a fronte delle dimissioni di Simone Pace. Concordiamo perché nessuno nel nostro partito, come nelle altre forze politiche e civiche, vanta pretese sugli assessorati o sulle deleghe la cui assegnazione è esclusiva prerogativa del sindaco. Chi parla di lotte intestine ed “interminabile balletto di nomi e incastri” probabilmente è malinformato o, sicuramente, in malafede. Per quel che riguarda l’attività prettamente amministrativa, al di là della politica, basterebbe anche solo elencare quanto fatto dai consiglieri Ambrosetti, Cardinali e Salvati e dall’assessore Chiarelli di Fratelli d’Italia per capire che l’amministrazione Natalia è operativa e non si perde in chiacchiere come le minoranze. Fa inoltre specie leggere di come le minoranze definiscano la città “subordinata a rapporti di cordate personali” quando ricordiamo bene tutti in che stato era Anagni durante l’amministrazione Bassetta – a proposito di cordate personali che all’epoca erano direttamente famigliari – e come alcuni componenti della minoranza, ugualmente all’opposizione anche in precedenza, oggi si uniscano nella critica a chi era fautore di questo stato di cose. A dimostrazione del fatto che, ci teniamo a precisarlo ancora una volta, queste critiche restano semplici chiacchiere da bar prodotte dalla “grande ammucchiata” delle minoranze, semplici slogan da dare in pasto alle proprie truppe cammellate sui social, ma che non trovano poi riscontro nella realtà dei fatti e lasciano il tempo che trovano".

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Definite nei giorni scorsi le sette commissioni consiliari permanenti del consiglio comunale di Anagni, formate da otto membri tra esponenti di maggioranza e opposizione. Ecco la composizione.
A proposito di opposizione, nell-intervento di Alessio Fenicchia.
Consiglio comunale prenatalizio quello che si è tenuto ad Anagni mercoledì 23 dicembre alle 18 nella Sala della ragione. Tutti presenti (mancava solo Chiara Salvatori, mentre Paolo Lanzi si è presentato poco dopo le 19). Il consiglio è entrato nel vivo con il riconoscimento di debiti fuori bilancio per 153.000 euro complessivi. Punto approvato con l’astensione di Daniele Natalia e Alfredo Cicconi. Approvati anche i punti relativi al regolamento per l'affrancazione dei terreni gravati da livelli e/o enfiteusi di proprietà del Comune di Anagni, ed al piano per la razionalizzazione e l'ammodernamento della rete distributiva carburanti. L’ultimo punto era relativo alla scelta dei membri della XII Comunità Montana di Veroli. Sono stati nominati Maurizio Bondatti ed Egidio Proietti per la maggioranza e Daniele Natalia per l’opposizione. Il consiglio si è sciolto alle 19.10. Prima della fine dell’anno un ulteriore consiglio comunale sarà convocato per il riconoscimento di un’ultima tranche di debiti fuori bilancio.
Sulle polemiche anagnine relative alle presunte voci di rimpasto in città, oltre alla smentita da parte del gruppo Progetto Anagni, è arrivato anche il parere di Daniele Natalia consigliere di opposizione. Che ha posto l'accento su un dato probabilmente “laterale” ma non per questo meno importante. E cioè il fatto che la riunione che ha dato origine alle voci si è tenuta nella sede di Progetto Anagni.
Anagni. Il primo cittadino Daniele Natalia interviene sul caso riguardante l'assessore Simone Pace: "a breve una riunione tra me, lui, ed i gruppi politici che compongono la maggioranza"