Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Dal Coordinamento Provinciale di Dems di Frosinone: "una lista unitaria per Zingaretti segretario nazionale del Partito Democratico"

31 gennaio 2019

Dal Coordinamento Provinciale di Democrazia Europa Società di Frosinone riceviamo la seguente nota che di seguito pubblichiamo in forma integrale e senza modifiche:
 
 
Il 3 marzo 2019 il Popolo delle primarie sarà chiamato ad eleggere il Segretario del PD, si tratta di appuntamento importante non solo per il partito democratico. Il Paese e l’Europa hanno bisogno di una nuova sinistra e di un vasto schieramento di forze popolari e democratiche in grado di contrastare gli egoismi di una destra alleata con movimenti “populisti”.
Con forza e coerenza sosteniamo  da  tempo, la necessità  di  aprire un nuovo cantiere sull’esperienza di quanto è stato fatto da Zingaretti nel Lazio che ha visto un centrosinistra largo, con liste civiche, con numerosi sindaci e amministratori quale motore di un nuovo processo vincente.
Siamo convinti che  il Congresso Nazionale del partito democratico, deve essere in grado di definire  la sua identità politica e culturale, capace di parlare  in modo unitario e credibile non solo ai propri iscritti ed elettori ma al paese, per aprire una nuova stagione di riforme. 
Anche a Frosinone occorre  avviare  un nuovo percorso politico, rivolgendosi in modo particolare ai giovani e alle donne, sollecitando  un loro contributo di idee e di partecipazione per costruire un centrosinistra unitario e plurale. Occorre fare ogni sforzo per superare le correnti e trasformarle in aree di pensiero e di elaborazione di progetti.  Una lista unitaria, intorno alla figura di Zingaretti, può rappresentare un momento di grande novità politica  e programmatica per il nostro territorio. Non si tratta, di costruire una lista, attraverso  la sommatoria delle singole componenti, ma al contrario volere indicare a tutto il partito che una nuova stagione è possibile a Frosinone. In questi giorni si è avviata una interessante riflessione, fra i dirigenti e amministratori locali, che auspicano la formazione di una lista unitaria. Giustamente è stato sottolineato con forza,  che la vera sfida è quella dell’unità interna in quanto il vero avversario è il governo gialloverde e la Piazza di Zingaretti è grande e c’è spazio per tutti. Sarebbe un grave errore interrompere questo progetto politico unitario per meri calcoli di corrente. Come ha detto Zingaretti “Occorre ritrovare insieme la forza, la passione di muoversi insieme, con generosità, senza anatemi, senza diktat o retropensieri da parte di nessuno”. Siamo consapevoli dei nostri limiti e riconosciamo l’importanza e il peso politico ed elettorale delle diverse componenti, ma siamo convinti che al Paese e al nostro territorio occorre un partito nuovo e aperto. Con questo spirito sinceramente unitario  che  il 3 marzo del 2019, insieme a Zingaretti sarà il tempo di aprire una nuova primavera.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Politica. Sabato primo dicembre le Primarie del Partito Democratico per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea Regionale; il commissario Francesca Cerquozzi: "si sta ripartendo con rinnovato slancio"
Primarie PD: presentata la lista "Territorio per Zingaretti" con Antonio Pompeo, sindaco di Ferentino e presidente della Provincia di Frosinone, capolista
89 votanti, 25 in più rispetto alle precedenti votazioni tenutesi nel 2014: "un buon risultato - spiega Francesca Cerquozzi, commissario del circolo di Anagni del Partito Democratico commentando l'esito delle primarie per l’elezione del segretario e dell’assemblea regionale svoltesi sabato dal PD - nel 2014, tra l'altro, fu l'anno in cui il Partito Democratico vinse le elezioni comunali e europee". Per il commissario Cerquozzi, "altro motivo di soddisfazione è che questa partecipazione sia avvenuta in un clima unitario e sereno. Ringrazio quindi personalmente tutti i dirigenti e i militanti che si sono impegnati in una competizione importante per il futuro del PD regionale, auguro un buon lavoro al senatore Bruno Astorre per l’elezione a Segretario Regionale ed esprimo un sincero ringraziamento agli altri candidati Onorevole Claudio Mancini e Andrea Alemanni. Infine un ringraziamento anche a quelle personalità politiche del centrosinistra anagnino che seppure se non tesserate al PD hanno partecipato alle nostre primarie, segno di una importante apertura di credito nei nostri confronti". L’attività del circolo prosegue con la campagna di adesione nei giorni 9, 15 e 30 dicembre, "consapevoli - conclude la Cerquozzi - che la strada intrapresa del confronto costruttivo e della inclusivitá sia quella giusta".
Ci siamo. Si riunisce giovedì in serata il tavolo politico messo in piedi dal Partito Democratico, al termine del giro di consultazioni avviato nelle scorse settimane dal segretario cittadino Francesco Sordo e dal presidente dei democrat anagnini Maurizio Bondatti.
Il Pd dell’area nord si appella alla cabina di regia sulla Sanità ed alla Regione Lazio, nella persona del Presidente Nicola Zingaretti: si dia attuazione all’Atto Aziendale e sia adottato un criterio di razionalità nel riordino dei servizi sanitari sul territorio.