Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Grillini anagnini spaccati su tutto danno spettacolo su Facebook; volano gli stracci nel M5S: "Fioramonti denigra e schernisce tutti gli iscritti al meetup, abbia la decenza di dimettersi"

25 gennaio 2019

Dal Meetup Anagni 5 Stelle riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota che segue:
 
Il sig. Fernando Fioramonti, nel dichiarare che le iniziative del Meetup Anagni 5 Stelle non rappresentano le idee del Movimento 5 Stelle, perché sono semplicemente incontri di un “gruppetto” di persone al bar, ha ingiustamente denigrato e schernito tutti gli iscritti al meetup.
 
Ha denigrato le iniziative di un gruppo del quale ha fatto parte fino al giorno prima.
 
Ricordando le parole di Beppe Grillo, “il MoVimento 5 Stelle è un’idea, non un’ideologia”. “E un’idea può essere applicata da tutti, anche dal 100% dei cittadini. Questo è l’obiettivo”.
 
Il sig. Fernando Fioramonti ha screditato 197 iscritti, 197 persone tra cui onesti lavoratori, padri di famiglia, professionisti, parlamentari, consiglieri comunali e regionali, persone che da oltre 7 anni hanno lavorato senza risparmiarsi per promuovere nel territorio le idee e le iniziative del Movimento 5 Stelle.
 
Ha offeso persone che in tutti questi anni hanno partecipato e organizzato eventi, banchetti e manifestazioni del Movimento 5 Stelle, che hanno partecipato attivamente a ben 9 campagne elettorali tra comunali, regionali, nazionali, europee e referendum; persone che ad Anagni non hanno soltanto portato e promosso il simbolo del Movimento 5 Stelle con 2 liste certificate, ma hanno anche presidiato la sede del Movimento 5 Stelle alle elezioni regionali e nazionali del 4 marzo 2018 ed alle comunali del giugno 2018.
 
Ha infamato le iniziative di un gruppo che ha sostenuto la sua persona in ben 2 campagne elettorali, prima come candidato Consigliere Regionale e poi come candidato Sindaco.
 
Il sig. Fernando Fioramonti, rifiutandosi di “portare la voce” dei cittadini ed anche di sottoscrivere un esposto a tutela della sicurezza ed incolumità delle persone (qui l’esposto del muro di San Michele), e dichiarandosi unico depositario delle idee e della politica del Movimento 5 Stelle, ha violato non solo le regole del codice etico del Movimento 5 Stelle, ma anche le regole minime del vivere civile e democratico.
 
L’art. 21 della Costituzione italiana sancisce: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero (…)”.
 
Questa persona non è degna di rappresentare i Cittadini che lo hanno votato e dovrebbe avere almeno la decenza di dimettersi dalla carica di Consigliere Comunale nella Città di Anagni.


TI POTREBBERO INTERESSARE

In una nota pubblicata sul sito del movimento cinque stelle della città dei Papi, gli attivisti grillini di Anagni usano toni duri nei confronti del sindaco e dell'amministrazione comunale, rei stando a quanto si legge, di non aver mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale. Con ironici ringraziamenti i grillini ricordano al sindaco che, ad "Anagni esistono cittadini di serie A e cittadini di serie Z e, soprattutto, GRAZIE perché in modo così evidente mostra come esistano gli “amici” e gli “amici degli amici”. Ma non solo: tra i temi affrontati anche l'aumento della TARI, il festival del Teatro medievale e rinascimentale, Anagni capitale della Cultura e molto altro.
Addio a uno dei fondatori del Movimento Cinque Stelle. E' morto Gianroberto Casaleggio, dopo una lunga malattia. Era l'iinventore del Movimento che aveva fondato insieme a Beppe Grillo
C-è, un movimento a cinque stelle, costituito esclusivamente da persone pure di cuore ed oneste. Poi c-era (ancora c'è...) la stampa locale, rigorosamente di regime: "vaga, inerme, incompleta, assente", secondo i grillini.
Anagni. I 5 Stelle scrivono a Bassetta: “solleciti il Presidente Zingaretti affinché realizzi come promesso il registro dei tumori”
Tornano a picchiare duro sulla sanità locale i grillini di Anagni. Lo fanno con un convegno, programmato sabato prossimo 20 settembre, a partire dalle 17.30 presso la Sala della Ragione, che vedrà, tra gli altri, la presenza di Davide Barillari, portavoce dei 5 Stelle alla Regione Lazio, e di Luca Frusone e Massimo Enrico Baroni, portavoce alla Camera dei deputati. Continua a leggere...