Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. La nota dell'opposizione consigliare: "chiarezza sul ruolo svolto dall'avv Giuseppe De Luca sull’accordo transattivo intercorso tra il Comune di Anagni e il condominio di Via Vittorio Emanuele"

17 novembre 2018

Dai consiglieri di minoranza Nello Di Giulio (Anagni CAMBIA Anagni); Daniele Tasca (Anagni Terra Nostra); Valeriano Tasca (Casapound Italia); Gianlugi Ferretti (Idea Anagni); Fernando Fioramonti (Movimento 5 Stelle); Sandra Tagliaboschi (Noi per la Città), riceviamo la nota che segue e che pubblichiamo in forma integrale e senza modifiche:


I gruppi di minoranza consiliare di Anagni CAMBIA Anagni, Anagni Terra Nostra, CasaPound Italia, Movimento 5 Stelle, Idea Anagni e Noi Per la Città ritengono che i cittadini di Anagni abbiano diritto ad una maggiore chiarezza sul ruolo svolto dal Consigliere di maggioranza, Presidente del Consiglio Comunale avv.to G. De Luca, riguardo l’accordo transattivo intercorso tra il Comune di Anagni e il condominio di Via Vittorio Emanuele n 126, di cui l’avv.to De Luca svolgeva e svolge l’incarico di patrocinio legale.
Sulla base degli strumenti offerti dal Regolamento Comunale e dallo Statuto del Comune, i gruppi di minoranza, congiuntamente, presenteranno la richiesta di un “question time” al Presidente del Consiglio e al Sindaco Daniele Natalia.
Quella sarà l’occasione per ribadire ufficialmente tutte le nostre perplessità sulla vicenda. Innanzitutto, a noi pare molto evidente un grave conflitto di interesse a carico dell’avv.to De Luca, che nel ruolo di consigliere comunale prima e, ancor di più, nel ruolo di consigliere e Presidente del Consiglio Comunale oggi, avrebbe dovuto abbandonare per tempo l’incarico di patrocinio affidatogli dal Condominio Vittorio Emanuele in una causa contro il Comune.
Considerato anche che tale patrocinio ha portato ad un decreto ingiuntivo di pagamento da parte del Comune e, in ultimo, ad un accordo transattivo tra i legali delle controparti. Sostenere che la transazione sia competenza specialistica di Uffici tecnici e non una volontà politica dell’amministrazione cui il consigliere De Luca siede ormai da anni è una sciocchezza, così come sostenere che il suddetto consigliere Presidente del Consiglio e patrocinante della controparte si sia deontologicamente sottratto dall’esprimere pareri o influenze nei confronti dei suddetti Uffici tecnici e, ancor di più, nei confronti del Sindaco o di quei membri di Giunta comunale che hanno deliberato, in data 16 ottobre 2018, l’autorizzazione alla sottoscrizione dell’accordo transattivo.
 E neanche si potrebbe mai sostenere che quegli stessi membri di Giunta non hanno preso in considerazione il doppio ruolo dell’avv.to De Luca, considerato che nella stessa delibera è scritto, tra l’altro: “L’assegno -euro 24.811,81- verrà consegnato nelle mani del procuratore avv.to G. De Luca entro trenta giorni dalla sottoscrizione della presente transazione”.
Vorremo sarcasticamente sperare che la “consegna nella mani del consigliere avv.to De Luca” non avvenga nell’Ufficio del Presidente del Consiglio, o del Sindaco, della Città!
Ragioni deontologiche e di rispetto dei cittadini, uniti ad un buon senso personale e politico, avrebbero dovuto indurre il consigliere Presidente del Consiglio avv.to De Luca ad evitare tale inusuale commistione di ruoli contrapposti. Una commistione assolutamente intollerabile per il ruolo di Presidente del Consiglio Comunale, per il quale invitiamo il consigliere De Luca a fare un dignitoso passo indietro. Lo stesso passo indietro che dovrebbe essere richiesto anche dal Sindaco Natalia, che invitiamo ad astenersi dal tentativo di arrampicarsi sugli specchi per difendere un comportamento oggettivamente biasimevole ed inopportuno, ancorché privo di caratteri di illegalità.
Purtroppo tale questione, ancora una volta, non fa fare bella figura alle istituzioni anagnine, perché mostra uno scarso senso di correttezza e trasparenza non solo da parte del Presidente del Consiglio De Luca e dell’intera maggioranza di governo della Città, ma rivela anche qualche preoccupante anomalia nel funzionamento della macchina amministrativa. Il Sindaco ha l’opportunità di restituire piena dignità alla sua squadra di governo allontanando il consigliere De Luca dal ruolo di Presidente del Consiglio Comunale. Il Sindaco ha il potere di farlo. Noi gli chiediamo di avere questo coraggio per difendere il prestigio e l’autorevolezza delle istituzioni cittadine. Laddove invece non riuscisse a trovare il coraggio necessario per difendere il principio di trasparenza e di opportunità che sono indispensabili per il rilancio dell’azione amministrativa della città, sappia allora che troverà un’opposizione ferma e intransigente da parte delle minoranze consiliari e dei cittadini tutti, che stanno ancora attendendo per Anagni una stagione di tutt’altro livello di governo amministrativo.

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

A proposito di opposizione, nell-intervento di Alessio Fenicchia.
Un consiglio comunale aperto per parlare di sanità. Lo hanno chiesto stamattina ( con richiesta protocollata in comune) i consiglieri d’opposizione Alessio Fenicchia, Roberto Cicconi, Giuseppe De Luca, Roberto Versi e Daniele Natalia. Che hanno agito d’accordo anche con una serie di movimenti politici locali, quali Casapound, 5 Stelle, Italia dei valori, e Alternativa per Anagni. Questo il punto che dovrebbe essere messo in discussione:“ situazione del nosocomio di Anagni alla luce dell’atto aziendale approvato”. È stata richiesta la partecipazione del Presidente della Regione Zingaretti , di quello della Provincia Pompeo, della Mastrobuono e di tuti i sindaci dei comuni interessati
Un consiglio comunale fiume; oltre cinque ore per sette punti, tre dei quali accorpati (quelli relativi alle variazioni di bilancio). Una maratona che in alcuni punti ha visto momenti di tensione tra opposizione e maggioranza. Con Sandra Tagliaboschi (Partito Democratico) che ha minacciato di denunciare il presidente del consiglio comunale Giuseppe De Luca al Prefetto. E con il sindaco Daniele Natalia ad apostrofare la consigliera con un perentorio “Sandra azzittate!”.
Elezioni amministrative 2018. Anagni al voto: è ballottaggio tra Daniele Tasca e Daniele Natalia; chi entra e chi resta fuori. Tutti i nomi
Fa discutere parecchio ad Anagni, a poche ore di distanza da quanto è successo nella mattinata di mercoledì 10 agosto, la vicenda del consiglio comunale saltato per la mancanza del numero legale sul tema di una serie di variazioni normative del Piano regolatore generale. Dopo la decisione dell’opposizione di uscire dall’aula, che ha fatto mancare il numero legale (vista l’assenza contemporanea dei consiglieri De Luca e Bondatti, e l’uscita per incompatibilità di Giacomi e Lanzi) e costretto la presidente pro tempore Sandra Tagliaboschi (Felli era assente in quanto in vacanza) a sciogliere la seduta, la stessa Tagliaboschi aveva avuto parole dure per l’opposizione, richiamandola ai propri doveri ed alle proprie responsabilità.