Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Il Pd si spacca su Francesca Cerquozzi. Dopo le critiche di alcuni militanti, un gruppo di iscritti conferma il sostegno al neo commissario. Il segretario provinciale Domenico Alfieri critica le “scomposte reazioni di alcuni”

9 novembre 2018

Riceviamo e pubblichiamo la nota di un gruppo di iscritti al Pd di Anagni sulle polemiche relative al caso Cerquozzi, e le considerazioni in merito del segretario provinciale del Pd Domenico Alfieri.
“Per affrontare la crisi che sta vivendo il circolo di Anagni, è bene precisare che tale situazione a nostro avviso è a dir poco critica da diversi anni, frutto di problematiche locali stratificate nel tempo e di questioni di carattere politico generale mai del tutto risolte. Queste difficoltà strutturali sono infine state acuite dalla gestione delle vicende inerenti l’amministrazione Bassetta e dagli avvenimenti susseguenti.  Questa crisi, che si trascina nel tempo ha non solo indebolito il dibattito interno e di conseguenza la forza del partito democratico in città, ma ha rappresentato un problema per l’intero centro sinistra tanto da non essere in grado di costruire una coalizione tale da permetterci di arrivare almeno al secondo turno di ballottaggio. Pertanto, riteniamo che c’è una impellente necessità di allargare il partito, di tornare ad intercettare i bisogni degli anagnini e della Città; unico modo in grado di farci riacquistare credibilità e consenso, abbandonando e andando oltre le vecchie solite logiche che ci tengono ingessati. Si dà la colpa della sconfitta elettorale al segretario provinciale del partito democratico Alfieri, però anche su questo punto bisogna essere chiari: non si può dire alla federazione di non immischiarsi nelle vicende del partito (parole usate ripetutamente durante la campagna elettorale) e poi subito dopo additare la stessa come causa di tutti i mali; delle due o l’una o l’altra! Non è il tempo di trovare colpevoli o capri espiatori, ora è il tempo dell’inclusione, della solidarietà tra di noi e della presa di coscienza che da una crisi del genere si esce rilanciando l’azione politica in collaborazione con tutti i livelli del partito senza inutili e sterili polemiche.  Noi riteniamo che è necessario ricostruire un sentimento di comunità, riprendere il filo della politica e abbandonare ogni inutile personalismo. Pertanto i sottoscrittori del presente documento, tutti iscritti al circolo del PD di Anagni, confermano il loro appoggio alla scelta del commissariamento e a Francesca Cerquozzi, che sta svolgendo il suo compito con impegno, competenza e terzietà indiscutibile. Il contributo del commissario sarà essenziale per gestire questa fase, in quanto allo stato non è possibile trovare da soli “una soluzione in loco” che si è pur cercata e trovata tante volte in passato ma che poi alla prova dei fatti non ha prodotto risultati soddisfacenti. Con spirito costruttivo e di collaborazione”. La nota è firmata da Luigi Vecchi, Francesco Sordo, Egidio Proietti, Stefano Rosi, Umberto Cori, Stefania Ottaviani, Alvaro Sugamosto, Tonino Cellini, Tonino Marrocco.
Questa la nota di Domenico Alfieri;
“Oggi ho ricevuto questo documento a firma di componenti del direttivo di Anagni ed Iscritti. Esprimono sostegno alla Commissaria Cerquozzi e condivisione delle scelte del Sottoscritto rispetto alle note vicende del circolo Pd di Anagni a conferma che le visioni del locale direttivo non sono unitarie ma contrastanti. Il Pd di Anagni deve tornare ad essere un partito inclusivo. Ci sono decine e decine di persone che ci chiedono di potersi iscrivere e noi garantiremo un tesseramento libero e trasparente con l'organizzazione di giornate dedicate al tesseramento attraverso banchetti pubblici in date precise ed annunciate. Confermo la linea del Commissariamento e la fiducia a Francesca che sta svolgendo un ottimo lavoro. Le scomposte reazioni di alcuni, tra cui qualcuno che ricopre anche ruoli di rilievo in federazione, ne sono la conferma. A costui consiglio una profonda riflessione e dico che da dirigente in un momento storico delicato del nostro Partito il suo prolungato atteggiamento anomalo danneggia la nostra immagine e non è un comportamento che si addice ad un vero dirigente. I problemi si risolvono all'interno e non sbandierando ai 4 venti le questioni sui tavoli. Sono convinto che Il Pd di Anagni tornerà a splendere attraverso l'avvio di un percorso di vero confronto politico mettendo ad un angolo le questioni personali che nulla hanno a che vedere con la politica. I presupposti ci sono tutti”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il segretario del Pd di Anagni Francesco Sordo esprime la sua soddisfazione per l’elezione di Simone Costanzo a segretario provinciale del partito, e di Domenico Alfieri a presidente. Inoltre “salutiamo- dice ancora Sordo- con piacere la nomina in direzione provinciale degli anagnini Luigi Vecchi e Sandra Tagliaboschi nonché la nomina alla importante carica di tesoriere di Vittorio Save Sardaro”
Politica. Sabato primo dicembre le Primarie del Partito Democratico per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea Regionale; il commissario Francesca Cerquozzi: "si sta ripartendo con rinnovato slancio"
89 votanti, 25 in più rispetto alle precedenti votazioni tenutesi nel 2014: "un buon risultato - spiega Francesca Cerquozzi, commissario del circolo di Anagni del Partito Democratico commentando l'esito delle primarie per l’elezione del segretario e dell’assemblea regionale svoltesi sabato dal PD - nel 2014, tra l'altro, fu l'anno in cui il Partito Democratico vinse le elezioni comunali e europee". Per il commissario Cerquozzi, "altro motivo di soddisfazione è che questa partecipazione sia avvenuta in un clima unitario e sereno. Ringrazio quindi personalmente tutti i dirigenti e i militanti che si sono impegnati in una competizione importante per il futuro del PD regionale, auguro un buon lavoro al senatore Bruno Astorre per l’elezione a Segretario Regionale ed esprimo un sincero ringraziamento agli altri candidati Onorevole Claudio Mancini e Andrea Alemanni. Infine un ringraziamento anche a quelle personalità politiche del centrosinistra anagnino che seppure se non tesserate al PD hanno partecipato alle nostre primarie, segno di una importante apertura di credito nei nostri confronti". L’attività del circolo prosegue con la campagna di adesione nei giorni 9, 15 e 30 dicembre, "consapevoli - conclude la Cerquozzi - che la strada intrapresa del confronto costruttivo e della inclusivitá sia quella giusta".
Sarà la cover-band di Luciano Ligabue "Club Mario" a dare ufficialmente il via all'estate anagnina targata Movida, lounge-bar in piazza Boscaini, il prossimo 10 giugno a partire dalle ore 22.00; la formazione attuale dei "Club Mario" comprende Giuseppe Paino (voce e chitarra), Mattia Cestra (chitarra e cori), Jonah Viscardi (chitarra e cori), Juan Pablo Sanchez (tastiere e cori), Marco Cerquozzi (basso) e Daniele Petricca (batteria). "Sarà un concerto memorabile", assicurano dallo staff del Movida. Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere a uno di questi numeri di telefono: 3474835103 oppure 3807265045.
Sulla candidatura di un esponente della lista Progetto Anagni in vista delle prossime provinciali e sui ritardi del Pd per l’individuazione di un proprio candidato, pubblichiamo la nota del segretato del Pd anagnino Francesco Sordo.