Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Elezioni amministrative 2018, il Coordinamento provinciale DEMS – Area Orlando chiede la convocazione della Direzione Provinciale: "no ad alleanze spurie con le forze del centrodestra"

17 aprile 2018


Il Coordinamento provinciale DEMS – Area Orlando chiede la convocazione della Direzione Provinciale per una “discussione sulle elezioni amministrative del 10 giugno e avviare una serie di consultazioni tra le forze politiche del centrosinistra, il mondo dell’associazionismo e le forze sociali, rimettendo al centro i cittadini e le loro esigenze”.
“Il 10 giugno 2018 circa centomila cittadini della provincia di Frosinone saranno chiamati a rinnovare i consigli comunali ed eleggere i propri sindaci”, si legge in una nota fatta pervenire all’indirizzo email di questa redazione. “Si tratta – spiegano i responsabili del coordinamento provinciale DEMS – Area Orlando -  di un appuntamento importante e il PD deve dare il suo contributo d’idee, programmi e di uomini. Il modello Zingaretti, deve essere la bussola per orientare le scelte programmatiche e le alleanze politiche del partito democratico in tutta la regione. Pur rispettando l’autonomia dei circoli, la città di Anagni, per la sua lunga storia culturale, architettonica, conosciuta non solo nel nostro paese, richiede la piena attenzione del partito a tutti i livelli. Troppi errori sono stati già commessi, basti pensare alla sfiducia fatta, in un privato studio notarile, nei confronti del Sindaco del centrosinistra eletto democraticamente, nel totale silenzio del gruppo dirigente provinciale. Riteniamo necessario, abbandonare ogni ipotesi trapelata in questi giorni, circa la partecipazione del PD ad alleanze spurie con le forze del centrodestra. Occorre al contrario richiamarsi alle forze del centrosinistra quale presupposto per costruire un vasto campo di forze democratiche per un progetto di cambiamento della città e individuare insieme i criteri per la scelta del candidato a sindaco”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Inizio in contemporanea ieri, domenica 20 maggio, per la campagna elettorale di tre degli schieramenti che si contendono la vittoria alle elezioni del prossimo 10 giugno. Alle 18 presso il ristorante Federico Sandra Tagliaboschi, esponente dello schieramento che fa capo al Partito Democratico supportato da altre tre liste civiche, ha incontrato i suoi simpatizzanti ed illustrato il suo programma. In sala, tra gli altri, Mauro Buschini,
Anagni. La nota di Vincenzo De Palo (Forza Italia): "obiettivo del nostro partito è far tornare la sinistra all'opposizione". E propone la candidatura a sindaco di Daniele Natalia
Anagni, elezioni amministrative 2018. Nel centrosinistra c'è già chi mette i paletti. Maurizio Bondatti (PD): "noi mai con Progetto Anagni". "Candidato sindaco individuato: imprenditore con una forte connotazione politica". Ma si guarda bene dal fare nomi
Il circolo del Partito Democratico di Anagni propone come candidato Sindaco, in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno prossimo, il consigliere comunale uscente Sandra Tagliaboschi. Insegnante, moglie, madre e dirigente di partito, è una delle energie migliori che il Pd può mettere a disposizione della città, come deliberato unitariamente dal consiglio direttivo dello scorso 24 aprile.
"Su un accordo tra me e la compagine di Daniele Natalia si dicono cose errate, la notizia non è vera; io non ho mai rilasciato dichiarazioni". Oggi l'ex vice-sindaca di Anagni dott.ssa Simona Pampanelli si affida ad anagnia.com per mettere a tacere le voci fatte circolare da alcuni quotidiani locali relative a una possibile convergenza con la coalizione di Daniele Natalia in vista delle elezioni amministrative di giugno.