Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Il Partito Democratico punta i piedi: “diciamo "no" al mercato delle vacche; fiducia non più incondizionata al sindaco, restiamo in maggioranza ma solo per senso di responsabilità”

5 ottobre 2017

“E' per senso di responsabilità che continueremo a sostenere, almeno fino a quando sarà possibile; ma obiettivamente non c’è più la fiducia incondizionata che c’è stata per lui fino ad oggi”. E' quanto dichiarato - oggi pomeriggio, giovedì 5 ottobre - in sede di conferenza stampa dal segretario politico cittadino del Partito Democratico Francesco Sordo, all'indomani dell'ingresso in giunta di Giuseppe Felli di Progetto Anagni e il conseguente allontanamento di Roberto Cicconi di Anagni Democratica.
Nei giorni scorsi la dirigenza locale del Partito Democratico aveva inviato al sindaco una lettera riservata per esprimere tutto il suo disagio per la gestione della crisi. Concetti, questi, riproposti in sede di conferenza stampa. Le critiche più feroci per quanto accaduto sono arrivate da Francesco Sordo: "il nostro partito negli anni ha salvato la città dal baratro in cui era quasi caduta. Ecco perché ora non ci stiamo a partecipare al mercato delle vacche”. Di qui la decisione di rimanere in maggioranza, ma solo per senso di responsabilità.
Nel corso della conferenza, a proposito della scelta del prossimo possibile presidente del consiglio comunale, si è fatto il nome di Egidio Proietti consigliere comunale del Partito Democratico.
La chiusura della conferenza stampa è stata dedicata dalla consigliera Sandra Tagliaboschi all'ex assessore Roberto Cicconi: “gli esprimiamo tutta la nostra solidarietà per il modo in cui è stato trattato”, ha affermato.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Di seguito pubblichiamo integralmente la nota inviata a questa redazione dal segretario del Partito Democratico di Anagni Francesco Sordo e dai consiglieri comunali Aurelio Tagliaboschi, Egidio Proietti, Maurizio Bondatti, Sandra Tagliaboschi sulla questione Marangoni:
Il Partito Democratico di Anagni ha chiesto, in una lettera spedita oggi, che il direttore della Asl di Frosinone Luigi Macchitella e il responsabile del dipartimento Prevenzione, dott. Giancarlo Pizzutelli, rendano noti i numeri a disposizione, rispetto alla situazione sanitaria dei cittadini della Valle del Sacco. Il partito guidato da Francesco Sordo, insieme ai consiglieri Sandra Tagliaboschi, Egidio Proietti e Maurizio Bondatti, con l'assessore Aurelio Tagliaboschi,
"Il lavoro di sinergia tra Regione Lazio, Comune di Anagni e consorzio ASI dà i suoi frutti, con l'attivazione del depuratore nella zona industriale atteso da tanti anni". È quanto si legge nella nota diffusa dal Partito Democratico di Anagni, su iniziativa del segretario Francesco Sordo, dell'assessore Aurelio Tagliaboschi e dei consiglieri Dem Egidio Proietti, Sandra Tagliaboschi e Maurizio Bondatti, quest'ultimo anche consigliere delegato all'Ambiente dell'amministrazione provinciale di Frosinone.
Si è tenuta nel pomeriggio di oggi, a Frosinone, la riunione tra la Federazione di Frosinone e il Circolo di Anagni del Partito Democratico per discutere della delicata situazione venutasi a creare dopo l'estromissione dalla giunta municipale di Aurelio Tagliaboschi da parte del primo cittadino dott. Fausto Bassetta; nel corso della riunione sia i rappresentanti della Federazione che i membri della locale sezione del Partito Democratico affermano di "prendere atto della scelta unilaterale del Sindaco di estromettere il Partito Democratico dalla maggioranza politica che governa la città, a seguito della revoca delle deleghe assessorili ad Aurelio Tagliaboschi".
Il segretario del Pd di Anagni Francesco Sordo esprime la sua soddisfazione per l’elezione di Simone Costanzo a segretario provinciale del partito, e di Domenico Alfieri a presidente. Inoltre “salutiamo- dice ancora Sordo- con piacere la nomina in direzione provinciale degli anagnini Luigi Vecchi e Sandra Tagliaboschi nonché la nomina alla importante carica di tesoriere di Vittorio Save Sardaro”