Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Consiglio saltato. Sandra Tagliaboschi (PD): “opposizione poco responsabile”. La replica del consigliere di minoranza Daniele Natalia: “abbiamo evitato un atto vergognoso”

11 agosto 2016

Fa discutere parecchio ad Anagni, a poche ore di distanza da quanto è successo nella mattinata di mercoledì 10 agosto, la vicenda del consiglio comunale saltato per la mancanza del numero legale sul tema di una serie di variazioni normative del Piano regolatore generale. Dopo la decisione dell’opposizione di uscire dall’aula, che ha fatto mancare il numero legale (vista l’assenza contemporanea dei consiglieri De Luca e Bondatti, e l’uscita per incompatibilità di Giacomi e Lanzi) e costretto la presidente pro tempore Sandra Tagliaboschi (Felli era assente in quanto in vacanza) a sciogliere la seduta, la stessa Tagliaboschi aveva avuto parole dure per l’opposizione, richiamandola ai propri doveri ed alle proprie responsabilità. Che hanno procurato una durissima replica di Daniele Natalia, consigliere comunale d’opposizione.
“Irresponsabile- ha detto l’avvocato- sarebbe stato far approvare un atto ignobile sotto tutti i punti di vista, che avrebbe legittimato la creazione di un milione e mezzo di metri cubi di commerciale i cui beneficiari, come prova ciò che è accaduto in consiglio comunale, hanno collegamenti parentali con esponenti della maggioranza. Irresponsabile è chi, con un piano regolatore aperto, e che potrebbe sistemare anche qualche necessità in modo legittimo, vuole anticipare una variante urbanistica a tutti gli effetti, che snaturerebbe il comparto commerciale e urbanistico della città di Anagni. Oltretutto- ha detto ancora Natalia- mi fa ridere il fatto che si parli di irresponsabilità per una pratica urbanistica, facendola passare come una necessità ed una priorità, quando invece le necessità e le priorità sono bel atre, a partire dalla riapertura della Marazzi, chiamando i propri amici in Regione, compatibilmente con quelle che sono le leggi e l’ambiente; la priorità è rendere più pulita la città, riorganizzare i servizi; certamente non approvare una variante urbanistica. A proposito del fatto che abbiamo abbandonato l’aula- ha concluso Natalia-, l’amica Sandra Tagliaboschi, presidente per un giorno, dovrebbe chiedere ai suoi colleghi ed a qualche familiare. Saprebbe così che anni fa abbandonare l’aula era un fatto costante, era una prassi, mentre per me è la prima volta, in due anni, e per una decisione che giudico ignobile”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Definite nei giorni scorsi le sette commissioni consiliari permanenti del consiglio comunale di Anagni, formate da otto membri tra esponenti di maggioranza e opposizione. Ecco la composizione.
Consiglio comunale prenatalizio quello che si è tenuto ad Anagni mercoledì 23 dicembre alle 18 nella Sala della ragione. Tutti presenti (mancava solo Chiara Salvatori, mentre Paolo Lanzi si è presentato poco dopo le 19). Il consiglio è entrato nel vivo con il riconoscimento di debiti fuori bilancio per 153.000 euro complessivi. Punto approvato con l’astensione di Daniele Natalia e Alfredo Cicconi. Approvati anche i punti relativi al regolamento per l'affrancazione dei terreni gravati da livelli e/o enfiteusi di proprietà del Comune di Anagni, ed al piano per la razionalizzazione e l'ammodernamento della rete distributiva carburanti. L’ultimo punto era relativo alla scelta dei membri della XII Comunità Montana di Veroli. Sono stati nominati Maurizio Bondatti ed Egidio Proietti per la maggioranza e Daniele Natalia per l’opposizione. Il consiglio si è sciolto alle 19.10. Prima della fine dell’anno un ulteriore consiglio comunale sarà convocato per il riconoscimento di un’ultima tranche di debiti fuori bilancio.
Sulla questione del progetto di valorizzazione della zona adiacente al Parco della Rimembranza che tanto sta facendo discutere in questi giorni ad Anagni (soprattutto per l’idea di creare nella zona un parcheggio da 120 posti auto), è intervenuta anche Sandra Tagliaboschi. Tirata in ballo dal consigliere Daniele Natalia, che in una sua precedente dichiarazione aveva replicato alla Tagliaboschi a proposito di un supposto mancato coinvolgimento della minoranza sul progetto.
Lista a sostegno della candidatura a sindaco di Sandra Tagliaboschi
Inizio in contemporanea ieri, domenica 20 maggio, per la campagna elettorale di tre degli schieramenti che si contendono la vittoria alle elezioni del prossimo 10 giugno. Alle 18 presso il ristorante Federico Sandra Tagliaboschi, esponente dello schieramento che fa capo al Partito Democratico supportato da altre tre liste civiche, ha incontrato i suoi simpatizzanti ed illustrato il suo programma. In sala, tra gli altri, Mauro Buschini,