Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Serrone. Opposizione sul piede di guerra, Moscetta e Proietto: "basta parole, è tempo di risposte serie"; presentate quattro interrogazioni al sindaco Natale Nucheli

19 dicembre 2015

Maggiore attenzione e controllo capillare del territorio: a chiederlo, tramite una nota inviata a questa redazione, i due consiglieri all'opposizione al comune di Serrone Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto che, con l'approssimarsi delle festività natalizie tornano a sollecitare il sindaco Natale Nucheli e l'intera amministrazione a fornire risposte alla cittadinanza su temi che incidono in maniera importante sul bilancio del Comune - "e quindi sul bilancio delle famiglie di Serrone" - e potenzialmente sulla salute di tutti i cittadini.
Giovedì scorso 17 dicembre i consiglieri Moscetta e Proietto hanno presentato quattro importanti interrogazioni su altrettanti importanti temi: la prima riguarda la revoca del contributo regionale di € 34.860.55 che aveva l'obiettivo di agevolare la formazione di strumenti urbanistici, cioè il piano regolatore; un'altra il riconoscimento dello stato di calamità naturale dopo l'alluvione del 14 ottobre scorso; la terza gli impatti ambientali generati da emissioni odorose da parte di alcune attività produttive che operano sul territorio e, l'ultima, chiarimenti riguardo al servizio idrico ACEA ATO 5. "Dal sindaco esigiamo risposte che l'intera cittadinanza si aspetta ormai da tempo e che, vista l'inerzia dell'amministrazione, i consiglieri di opposizione vogliono fornire all'intera comunità di Serrone", fanno sapere i due battaglieri consiglieri. Che concludono: "le belle promesse di condivisione, di partecipazione e di informazione con la popolazione sui temi di massimo interesse, che erano tra i cavalli di battaglia degli attuali amministratori, sembrano soltanto un lontano ricordo che mai si è realmente concretizzato".


TI POTREBBERO INTERESSARE

A Serrone, di fronte a molti amici e simpatizzanti, i consiglieri di opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto, hanno espresso l'opportunità di andare oltre il progetto civico-amministrativo che nel 2013 portò alla formazione della coalizione del Giglio. Infatti, evidenziando la necessità di avviare un cammino nuovo verso le amministrative del 2018, Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto hanno ritenuto superate le motivazioni che avevano portato alla nascita della coalizione del Giglio. I due consiglieri hanno sottolineato che il nuovo progetto civico-amministrativo "vuole guardare avanti coinvolgendo le persone e le componenti della società civile di Serrone che non si riconoscono più nell'anonima amministrazione Nucheli e accogliendo tutte quelle persone ed idee che vogliono concorrere a rendere Serrone un'eccellenza vera sul panorama nazionale in grado di garantire ai propri concittadini, alle associazioni, alle istituzioni religiose, alle imprese e alle attività commerciali che operano sul territorio un futuro migliore fatto di crescita e di espansione attraverso la valorizzazione di tutte le risorse che l'intero territorio di Serrone offre".
“Sulla questione Acea Ato5 è ora di fare chiarezza, per dare ai cittadini le informazioni corrette, al di là della demagogia e del qualunquismo”. Il sindaco di Serrone, Natale Nucheli, interviene sulla questione, di cui si discute da qualche giorno, relativa all’assemblea dei sindaci che, la scorsa settimana presso la Provincia di Frosinone, ha portato all’approvazione del piano degli interventi per 62,5 milioni di euro per il quadriennio 2014-2017.
"Il problema è che a far acqua da tutte le parti non sono soltanto le condotte idriche, ma le azioni intraprese negli anni dall'amministrazione Nucheli per tutelare gli interessi dei cittadini". Ne sono convinti i due consiglieri all'opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto che in una nota inviata a questa redazione rispondono alle critiche rivolte loro - sempre tramite questo quotidiano - dal primo cittadino di Serrone Natale Nucheli. "I fatti - spiegano Moscetta e Proietto - dimostrano che qualunquista e populista è stata la messa in scena andata in onda nel consiglio comunale del 12 febbraio e l'attacco a mezzo stampa contro i due consiglieri di opposizione fatto realizzare ed orchestrato dal sindaco Nucheli".
Fermento a Serrone, in questi giorni, per i numerosi cantieri aperti con i quali si sta intervenendo in diversi settori ed in diversi punti del paese. Mentre si avviano a conclusione i lavori alla scuola dell'infanzia (che lunedì 26 riprenderà regolarmente le lezioni), proseguono a pieno ritmo gli interventi sulla pubblica illuminazione che interessano la Longara e le Pantana.
Riceviamo e pubblichiamo la nota dei consiglieri di opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto. “Il muretto della piazzitella di Serrone non è una semplice struttura verticale con funzione portante ma un oggetto che parla ed ha sentimento per via del suo valore storico (anche se non remoto), sociale ed inevitabilmente affettivo.