Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Fiuggi. Tre candidati per la carica di sindaco, la città termale si prepara alle elezioni amministrative

13 maggio 2015

Tre liste per le amministrative del 31 maggio a Fiuggi. Due new entry, ovvero la “Rivoluzioniamo Fiuggi” di Alessandro Minotti e la “voce del popolo di Luigi Antonio Scascitelli, e per chiedere il secondo mandato alla cittadinanza, la “Fiuggi unita democrazia e libertà”, guidata dal sindaco Fabrizio Martini. la “Rivoluzioniamo Fiuggi” con candidato a sindaco Alessandro Minotti ingegnere di 56 anni, sposato con due figli è così composta: Alioska Baccarini, D’Adamio Simona, Paris Anita, Pelliccia Silvia, Terrinoni Francesca, Cupini Roberto, Della morte Nicola,  Federici Giovanni, Fiorini Giuseppe, Girolami Marco, Panunzi Giampiero, Terrinoni Roberto. “La voce del popolo” con candidato sindaco Luigi Antonio Scascitelli, di anni 45 è così formata: Marco Mizzoni, Amedeo Terrinoni, Armando Paris, Marcello Capobianchi, Anna Boriello, Nicodemo Giorgilli, Carlo Attinello, Luca Fanali, Serena Sgamma, Achille Terrinoni, Scarpignato Lorenza. Infine la “Fiuggi unita democrazia e libertà” con candidato a sindaco Fabrizio Martini, farmacista di 44 anni è composta da: Tullio Ambrosi, Battisti Alessandro Costantini Elisa, De Carolis Martina, Fiorini Marco, Innocenzi Martina, Merletti Alessia, Pannone Marco, Paris Andrea, Pirazzi Diego, Terrinoni Sonia, Tucciarelli Lucia. Gli aventi diritto al voto per questa tornata elettorale è pari a 8000 abitanti. I seggi per le elezioni sono otto. Si potrà votare nella sola giornata di domenica 31 maggio, dalle ore 7 allo ore 23. Si potrà esprimere la doppia preferenza purché sia su un uomo e una donna, della stessa lista, il voto in cui si esprime la preferenza per due donne o due uomini sarà dichiarato nullo. Lo spoglio delle schede elettorali, inizierà lunedì primo giugno alle ore 14.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Gli aspiranti sindaci sono Martina Innocenzi, Fabrizio Martini, Luigi Antonio Scascitelli e Alioska Baccarini: ecco tutti i nomi di coloro che si candidano in loro sostegno
Martini Sindaco uscente stravince con la sua Fiuggi Unita. Su un totale di 5809 votanti, ne prende 4114 pari al 72,95%. A notevole distanza lo sfidante Alessandro Minotti con la lista Rivoluzioniamo Fiuggi con 1415 voti pari al 24,36 %. Infine la lista Voce del Popolo di Scascitelli con 110 voti pari all’1,89 %. Due donne si piazzano in testa alle preferenze della Fiuggi Unita e sono con 930 voti Martina Innocenzi, segretario Regionale dei Giovani Democratici e dopo Elisa Costantini con 865. Nella Lista di Minotti ai primi quattro posti nelle preferenze troviamo Alioska Baccarini con 325, Francesca Terrinoni con 294, Nicola della Morte con 256 e Simona D’Adamio con 253 votanti.
La cittadina termale si appresta a tornare al voto, per il rinnovo del consiglio comunale, dopo un anno di commissariamento del comune. Il primo aprile 2017, l’ex sindaco Fabrizio Martini, fu sfiduciato, non nella sede consiliare, bensì davanti al notaio, da 4 consiglieri di maggioranza, Martina Innocenzi, Alessandro Battisti, Marco Fiorini e Tullio Ambrosi, e da tre consiglieri di opposizione, Alioska Baccarini, Francesca Terrinoni e Nicola Della Morte. Per questa nuova tornata elettorale, del 10 giugno prossimo, che vedrà oltre 8000 elettori di Fiuggi impegnati alle urne, si prospetta una partita a quattro. Al momento a scendere in campo,
"Talvolta chi non sa o non può sostenere un confronto, scappa. Spesso travolgendo tutti e tutto, compreso se stesso, senza un valido motivo, ma soprattutto senza una prospettiva sensata. Quando questo qualcuno ha una responsabilità pubblica, la cosa può diventare tragica. Per ora solo tragicomica!"; sono queste le parole affidate alla sua bacheca di Facebook dal sindaco di Fiuggi Fabrizio Martini, ancora virtualmente in carica almeno fino a lunedì mattina quando davanti alla dott.ssa Ivana De Camillo, notaio, Martina Innocenzi, Marco Fiorini, Tullio Ambrosi ed Alessandro Battisti tutti ex componenti della "Fiuggi Unita" da circa sette anni al governo della città, rassegneranno le proprie dimissioni. Un atto che segnerà la storia della città termale; storia della quale sono protagonisti anche i consiglieri di minoranza Alioska Baccarini, Francesca Terrinoni e Nicola Della Morte, anch'essi firmatari dell'atto davanti al notaio.
Fiuggi. Dopo la convalida degli eletti al Consiglio Comunale il Sindaco Fabrizio Martini, dopo qualche giorno di riflessione, è pronto a varare la Giunta. Da fonti vicinissime al Palazzo è trapelata la voce che i quattro assessorati disponibili saranno assegnati seguendo il criterio delle preferenze ricevute in sede di consultazione elettorale, assegnando poi i vari incarichi in base alle rispettive professionalità. Pertanto, salvo sorprese dell’ultima ora, gli assessori dovrebbero essere: Martina Innocenzi ed Elisa Costantini in quota Pd, Andrea Paris in quota lista civica ed infine Marco Fiorini, già assessore uscente ed in quota Forza Italia. A questo punto resteranno da assegnare la carica di vicesindaco e quella di presidente del Consiglio, posto che il Sindaco non voglia tenerla per sé. Il gruppo facente capo ai Comunisti italiani e a Rifondazione Comunista, che ha fatto eleggere consigliere Alessia Merletti, resterebbe così fuori dalla Giunta e Martini dovrà risolvere questo problema. In questi giorni si sta lavorando anche al rinnovo del Coordinamento della Fiuggi Unita, gruppo consultivo alla cui direzione sembrerebbe aspirare Sara Battisti, presidente provinciale del Partito Democratico, intenzionata ad occuparsi più da vicino dei problemi della sua città.