Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Convergenza tra Sovranità Anagni e Noi con Salvini

12 maggio 2015

Dai movimenti Sovranità Anagni e Noi con Salvini riceviamo  e pubblichiamo
"Nella serata dell'otto maggio, nella città di Anagni, si sono incontrati i responsabili politici dei movimenti Sovranità Anagni e Noi con Salvini Anagni; rispettivamente nelle persone di Valeriano Tasca ed Antonio Occhiuto. L'incontro, partecipato anche da altri esponenti dei due movimenti, ha avuto come tema principale il programma sul quale esiste, già a livello nazionale, una convergenza politica. Nei prossimi giorni prenderanno il via delle attività politiche congiunte su alcuni temi specifici riguardanti il territorio Anagnino. Uno dei primi appuntamenti sarà la raccolta di firme per il referendum abrogativo della legge Merlin."

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Costituito ufficialmente il comitato provinciale "Noi con Salvini"; tra i promotori spicca il nome di Antonio Occhiuto, anagnino di origini calabresi, che dopo l-area nord della provincia, ha dato appuntamento a tutti i rappresentanti locali al bar Michelangelo in via Casilina ad Anagni per pianificare le attività nella provincia di Frosinone.
Vanessa Gismondi, Emiliano Iannone, Emanuela Amore, Antonio Occhiuto, Ivan Sterbini, Luca Vecchi ed Emiliano Salvatori hanno ufficialmente costituito, sabato scorso, l'associazione ambientalista e culturale per il territorio "Alternativa per Anagni";
Anagni. Scintille tra le due Leghe in vista delle elezioni. Gli esponenti della lista Noi con Salvini considerano “inopportuna” la presentazione della lista Lega degli Anagnini
Daniele Tasca si dimette da consigliere comunale; al suo posto entra il dott. Antonio Necci
"Noi con Salvini", Forza Italia, Casapound e Fiamma Nazionale insieme, ad Anagni, per dire "no" al referendum costituzionale che si terrà il prossimo 4 dicembre; "nella convinzione - hanno spiegato Giorgio Bellini, Daniele Natalia, Valeriano Tasca e Gianfranco Giuliani - che una valanga di “NO” si abbatterà sulla riforma costituzionale, approvata da un Parlamento nato illegittimamente e che sarebbe dovuto rimanere in carica solo per gli affari ordinari, ma che, invece, si è arrogato il diritto di cambiare la legge delle leggi".